eHabitat.it

Altalena gigante delle Langhe, una prospettiva diversa e giocosa per immergersi nello splendido paesaggio

Si chiama L’Altalanga ed è la nuova altalena gigante delle Langhe, attrazione che promette di regalare magici ed emozionanti momenti di spensieratezza. Una particolare veduta su questo incantevole angolo del Piemonte.

Altalena gigante delle Langhe
Colori vivaci e un richiamo all’infanzia caratterizzano l’altalena gigante delle Langhe, a Cossano Belbo

A Cossano Belbo, caratteristico paese all’estremità orientale della provincia di Cuneo, è da poco stata inaugurata L’Altalanga, coloratissima altalena gigante in legno, che offre una nuova prospettiva sulle Langhe e promette di regalare momenti di svago, spensieratezza e libertà.

Maxi-matite colorate, un enorme righello e una gomma come sedile, compongono questo insolito progetto che ha lo scopo di promuovere un territorio prezioso e poliedrico, attraverso un gioco di parole che unisce l’altalena e la Langa.

L’Altalanga si trova in un punto panoramico delle Langhe, in Piemonte

Nel paese piemontese, già famoso per la sua Big Family, le sedie giganti poste nei pressi del Santuario della Madonna delle Rovere, è appena comparsa un’altra attrazione.

Non è una tradizionale Big Bench, le famose panchine giganti che nascono e proliferano proprio in questa zona, ma un’altalena gigante, anch’essa posizionata in un punto panoramico, tra splendide colline di vigneti e un paesaggio che si pregia del riconoscimento di Patrimonio Unesco.

Sedie giganti in Piemonte, la mappa di tutti i punti panoramici dove poterle ammirare

Le Langhe sono conosciute e apprezzate in tutto il mondo sia per la loro bellezza paesaggistica che per i rinomati vini che qui vengono prodotti. Ogni anno milioni di turisti vi si recano per godere della natura e dell’enogastronomia e sono sempre di più le persone che dall’estero -soprattutto dalla Svizzera, dalla Gran Bretagna e perfino dagli Stati Uniti, star hollywoodiane e no- vi si trasferiscono per vivere una vita più autentica, a stretto contatto con l’ambiente.

Nello specifico, siamo in Valle Belbo, terra natale dello scrittore Cesare Pavese, al confine tra le province di Cuneo e Asti. Per arrivare a questo piccolo angolo di Langa è necessario raggiungere Cossano Belbo e poi recarsi in località Langa Soprana: qui, in cima a via Santa Libera, è posizionata l’altalena.

L’altalena si trova a fianco di alcuni suggestivi filari

Inaugurata il 25 aprile 2021, l’altalena gigante è opera di tre giovani di Cossano. L’idea è nata per caso e vuole mettere insieme la promozione del territorio e del buon vino attraverso un’attrazione insolita, che coinvolge fisicamente e interiormente tutti quelli che vi si avvicinano, laddove il paesaggio e la natura danno il meglio di loro.

Era da un po’ che pensavamo a qualcosa che potesse incuriosire e attirare persone nel nostro piccolo paesino e far vedere a tutti la vista di cui possiamo godere noi ogni giorno -racconta Noemi Origlia, ottico di 33 anni, una delle ideatrici- Ci è venuto in mente un manufatto che potesse coinvolgere anche i bambini”.

Panchine giganti: cosa sono e dove trovarle, dall’Alta Langa alla Liguria

Così -insieme al marito Mirco, 33 anni, rappresentante di macchine agricole, e al cognato Daniele, 39 anni, titolare dell’azienda agricola Mirano che produce uve per il moscato d’Asti e per il consorzio di vini Alta Langa- si sono messi all’opera e hanno realizzato l’altalena.

Il nome Altalanga è legato anche alle uve Pinot nero prodotte nell’azienda agricola di Daniele, che vengono vinificate per produrre proprio il DOCG Alta Langa; l’associazione con l’altalena ha chiuso il cerchio -specifica Noemi- L’idea è nata da Mirco; fondamentale anche l’aiuto di mio suocero Flavio nella fase di costruzione. Io mi sono dedicata ai dettagli più artistici tra cui il collegamento tra il vino, il territorio e il nome”.

Noemi Origlia, Daniele e Mirco Mirano, sull’altalena gigante che hanno realizzato a Cossano Belbo, nelle Langhe (foto @L’Altalanga).

Dondolare sulla grande altalena suscita un’intensa emozione a tutti, anche se l’altalena è rivolta principalmente ai più piccoli.

Abbiamo scelto le matite e la gomma per la vivacità dei loro colori: il tema della cancelleria è nato anche un po’ dalla voglia dei bambini di tornare a scuola e dalla voglia di normalità, dopo la pandemia, di tutti noi… Con la gomma si possono cancellare momenti meno belli e con le matite si riparte a disegnare e colorare… una voglia di ripartenza e di libertà!”.

L’altalena è studiata per i più piccoli ma offre emozioni alle persone di ogni età

Un plauso, quindi, a questo originale progetto di promozione del territorio che sembra avere grandi potenzialità, meta instagrammabile e tappa obbligata per chi ama fare selfie e condividere foto di luoghi insoliti.

Siamo emozionati per le visite che ci sono già state fino ad ora, perché non immaginavamo tanto successoconclude Noemi– Speriamo che questa altalena possa attirare sempre più persone nel nostro territorio”.

Cappella del Barolo, alla scoperta della chiesa più colorata delle Langhe

[Foto e video di Francesco Rasero]

Altalena gigante delle Langhe, una prospettiva diversa e giocosa per immergersi nello splendido paesaggio ultima modifica: 2021-05-06T06:00:29+02:00 da eleonora anello
Exit mobile version