A Straw in the Wind, performance artistica multimediale per riflettere sul rapporto tra uomo, vento e natura

in Arte|Clima|Fotografia|Musica
A Straw in the Wind, performance artistica multimediale per riflettere sul rapporto tra uomo, vento e natura ultima modifica: 2020-08-07T08:00:38+00:00 da Francesco Rasero
da

Lo spettacolo A Straw in the Wind indaga il nostro rapporto con il vento, intenso come metafora più ampia del legame che abbiamo con la natura.

È in programma questa sera, 7 agosto 2020, a Capriva del Friuli, nell’ambito del festival Contaminazioni Digitali, la prima nazionale di A Straw in the Wind, performance artistico-musicale dedicata al rapporto tra l’uomo e il vento.

Elisa Dal Bianco durante un'esibizione dal vivo
Elisa Dal Bianco durante un’esibizione dal vivo

A Straw in the Wind prevede la compresenza di musica elettronica, a cura della compositrice Elisa dal Bianco, e proiezioni video, realizzate dal filmmaker Walter Ronzani.

Il risultato è un ipnotico e coinvolgente viaggio alla ricerca di un equilibrio che si è rotto e che ora dobbiamo ricostruire.

Herbarium Vagans, una mostra itinerante tra arte e botanica nell’Alto Piemonte

A Straw in the Wind, il vento e i cambiamenti climatici

Mentre la musicista esegue dal vivo le sue composizioni elettroniche -arricchite dal suono di alcuni strumenti come il violino elettrico, la lama sonora e lo shruti box (fisarmonica indiana)- alle sue spalle sono proiettate le immagini realizzate da Ronzani.

«Lo spettacolo dura mezz’ora ed è suddiviso in tre atti, che indagano in maniera poetica il nostro rapporto con il vento, un elemento da sempre presente nelle nostre vite -spiegano i due autori- Purtroppo il cambiamento climatico, lo sta trasformando. I fenomeni temporaleschi sono più violenti e questo è un inquietante segnale per il futuro».

A Straw In The Wind
A Straw in the Wind | Foto di Walter Ronzani

A Straw in the Wind è stato ispirato dalla tempesta Vaia, un evento devastante che ha profondamente colpito gli artisti. Ne ripercorre infatti l’evolversi, dalla calma iniziale alla furia degli elementi per giungere alla quiete dopo il passaggio della furia degli elementi.

«Questi passaggi idealmente evocano le diverse fasi della vita umana, che nel giro di due secoli è passata dall’equilibrio con la natura allo scellerato sfruttamento attuale. L’ultimo atto è dedicato alla rinascita e alla necessità di trovare un nuovo modello di vita più sostenibile».

A Straw In The Wind
A Straw in the Wind | Foto di Walter Ronzani

L’aria, un elemento naturale onnipresente

A Straw in the Wind restituisce -attraverso un linguaggio sospeso tra scienza e poesia, tra documentario e sperimentazione- un’indagine intima del nostro rapporto con il vento, intenso come metafora più ampia del legame che abbiamo con la natura.

«Viviamo immersi nell’aria, ma ce ne accorgiamo solo quando il vento ci accarezza la pelle o ci scompiglia i capelli -proseguono i due autori- Eppure questo elemento in perenne mutamento ha plasmato nei secoli le nostre vite e la nostra civiltà. Non a caso da sempre consideriamo una folata di vento come il sintomo di un imminente cambiamento».

A Straw in the Wind | La mappa mondiale dei venti
La mappa mondiale dei venti

Anche il titolo rimanda a questo concetto: “A Straw in the Wind” è, infatti, un’espressione inglese usata per un elemento o un evento che indica i cambiamenti che avverranno in futuro.

«In italiano può essere tradotto come “una pagliuzza al vento”. Questa espressione probabilmente deriva dall’uso di lanciare in aria delle pagliuzze per capire dove tira il vento. Per noi i venti sono dei potenti e onesti segnali del disastro a cui andremo incontro se non adotteremo degli stili di vita più sostenibili».

A Straw In The Wind
A Straw in the Wind | Foto di Walter Ronzani

A Straw in the Wind a Contaminazioni Digitali 2020

A Straw in the Wind partecipa a una residenza artistica nell’ambito del festival multimediale Contaminazioni Digitali 2020, che si sta svolgendo dal 23 luglio in diverse località del Friuli.

Il tema del festival di quest’anno è “Ecosistemi”.
«Il concetto di ecosistema si definisce come “unità ecologica” in cui interagiscono esseri viventi e specifici elementi non viventi. Un ecosistema si ha quando uomini, animali, vegetali sono in relazione con un ambiente specifico e generano un equilibrio dinamico», sottolineano gli organizzatori dell’appuntamento.

Riparte il Clean Beach Tour, dopo il lockdown Piero Pelù torna sulle spiagge italiane per ripulirle dai rifiuti

Parlare di ecosistemi significa pertanto parlare del rapporto dell’uomo con l’ambiente, ma anche di tecnologie. Gli artisti sono stati quindi invitati a riflette su questioni come la tutela ambientale; il rapporto tra gli spazi (naturali o urbani) e le società umane e il rapporto tra spazi reali e virtuali.

A Straw in the Wind, performance artistica multimediale per riflettere sul rapporto tra uomo, vento e natura ultima modifica: 2020-08-07T08:00:38+00:00 da Francesco Rasero
Tags:
A Straw in the Wind, performance artistica multimediale per riflettere sul rapporto tra uomo, vento e natura ultima modifica: 2020-08-07T08:00:38+00:00 da Francesco Rasero

Giornalista pubblicista, dal 1998 scrive su carta stampata e online. Oggi è vicedirettore di un giornale di informazione locale e gestisce Altrov*e, start-up che si occupa di copywriting e comunicazione. Ha lavorato per oltre un decennio nel settore ambientale, oltre ad aver organizzato svariati eventi culturali, in ambito artistico, cinematografico e teatrale. È appassionato di viaggi, in particolare nell’area balcanica e nell’Est Europa, dove ha seguito (e segue) alcuni progetti di volontariato. Ama conoscere, progettare, fotografare e stare a contatto con le persone. Ma ancora di più ama il rugby, i suoi gatti e la sua nuova famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Arte

Go to Top