Fridays For Future Coronavirus e crisi climatica

Perché il Coronavirus spaventa e mobilita, e la crisi climatica no? Ce lo spiega Fridays For Future

in Clima|Coronavirus|News|Salute
Perché il Coronavirus spaventa e mobilita, e la crisi climatica no? Ce lo spiega Fridays For Future ultima modifica: 2020-02-26T08:00:30+01:00 da Francesco Rasero
da

Un videomessaggio diffuso sui social da Fridays For Future Italia analizza la differente percezione nell’opinione pubblica tra Coronavirus e crisi climatica. Con un finale in chiave positiva.

Coronavirus e crisi climatica: cos’ha il primo che invece le tematiche legate al Climate Change non riescono ad avere?
Perché il Covid-19 attrae moltissimo l’attenzione e ci fa mobilitare, al punto da rivoluzionare le nostre vite, mentre l’allerta ambientale globale spesso lascia indifferenti?

Coronavirus e crisi climatica, i dati di FFF

Una risposta arriva da Sofia Pasotto, esponente di Fridays For Future Mantova, in un videomessaggio diventato virale sui social, diffuso dal profilo Twitter ufficiale di @fffitalia.

«Con i primi contagi italiani del Coronavirus è scoppiata la fobia. Abbiamo assistito a interventi a livello globale e a una mobilitazione repentina internazionale, con pochi precedenti. Tutto questo nel giro di poco più di un mese. E il bilancio è salito a 2.500 morti», esordisce la ragazza.

Quindi inizia il parallelismo, numeri alla mano, tra gli effetti del Coronavirus e quelli di inquinamento e crisi climatica. «In Italia l’inquinamento dell’aria è causa di 80 mila decessi all’anno e l’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che tra il 2030 e il 2050 i morti per fenomeni atmosferici e meteorologici estremi saliranno a 250.000 l’anno».

Coronavirus e crisi climatica, la spiegazione della Psicologia dei Disastri

Sofia prosegue, fornendo una spiegazione alla diversa percezione dei due fenomeni da parte dell’opinione pubblica: «Coronavirus e crisi climatica chiamano entrambi in causa la Psicologia dei Disastri. Il professor Bagliani dell’Università di Torino (responsabile del Coordinamento Cambiamenti Climatici di UniToGO, ndr) ci svela un’importante ma amara verità: l’epidemia, infatti, si sviluppa su scala temporale breve e rispetta i tempi tipici dell’attenzione; mentre il cambiamento climatico varia su scala temporale più lunga, molto spesso non sviluppandosi sotto i nostri occhi».

Il finale del messaggio è però in chiave positiva. O, almeno, “non tutto il male viene per nuocere”.
«Questo virus ci spaventa e i provvedimenti presi hanno visto le emissioni della Cina calare di quasi un quarto -conclude la giovane esponente di Fridays For Future Mantova- Per la prima volta dopo tanto tempo siamo riusciti a mettere la salute e la sicurezza delle persone davanti al profitto e la crescita economica».

Coronavirus e crisi climatica Fridays For Future
Coronavirus e crisi climatica: Fridays For Future lancia lo sciopero globale per il clima del 24 aprile 2020

Il messaggio si conclude con una sfida, che il movimento giovanile ambientalista italiano lancia a tutti noi «Impariamo a farlo, d’ora in poi, tutti i giorni. E per sempre», ricordando il prossimo appuntamento del 24 aprile 2020 con il quinto sciopero globale per il clima, abbinato al claim “Hai di meglio da fare che sopravvivere?”.

Meno di ottanta secondi, ma di grande impatto ed efficacia.

Perché il Coronavirus spaventa e mobilita, e la crisi climatica no? Ce lo spiega Fridays For Future ultima modifica: 2020-02-26T08:00:30+01:00 da Francesco Rasero
Tags:
Perché il Coronavirus spaventa e mobilita, e la crisi climatica no? Ce lo spiega Fridays For Future ultima modifica: 2020-02-26T08:00:30+01:00 da Francesco Rasero

Giornalista pubblicista, dal 1998 scrive su carta stampata e online. Oggi è vicedirettore di un giornale di informazione locale e gestisce Altrov*e, start-up che si occupa di copywriting e comunicazione. Ha lavorato per oltre un decennio nel settore ambientale, oltre ad aver organizzato svariati eventi culturali, in ambito artistico, cinematografico e teatrale. È appassionato di viaggi, in particolare nell’area balcanica e nell’Est Europa, dove ha seguito (e segue) alcuni progetti di volontariato. Ama conoscere, progettare, fotografare e stare a contatto con le persone. Ma ancora di più ama il rugby, i suoi gatti e la sua nuova famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Clima

Go to Top