foie gras nei supermercati italiani

Addio al foie gras nei supermercati italiani, vittoria dell’ONG Essere Animali

in Alimentazione|Animali
Addio al foie gras nei supermercati italiani, vittoria dell’ONG Essere Animali ultima modifica: 2021-03-03T11:12:25+01:00 da Carla Clúa Alcón
da

I supermercati italiani non venderanno più foie gras grazie alla lunga campagna di Essere Animali

Addio al foie gras nei supermercati italiani. Ecco il risultato della campagna cominciata nel 2015 dall’ONG Essere Animali. Al motto dell’hashtag #ViaDagliScaffali, l’organizzazione animalista si è battuta per far cessare la vendita di foie gras in Italia, esercitando pressione sulle grandi catene di supermercati.

Iper, che era rimasta l’ultima catena a vendere questo prodotto, ha finalmente rinunciato a farlo. Con essa, fino a 12.800 supermercati italiani di 13 catene hanno bandito il prodotto in questi anni, cominciando già nel 2012 dalla Coop.

Nel 2015, l’ONG ha documentato le condizioni di alcuni allevamenti in Francia per la produzione di foie gras. Dopo la diffusione dell’indagine, l’organizzazione lanciò la campagna #ViaDagliScaffali, indirizzata alla grande distribuzione organizzata.

Etica a tavola, perché dire no al foie gras

Nonostante sia considerato uno degli alimenti più costosi della cucina francese, il foie gras è un fegato malato che si ottiene alimentando anatre e oche con enormi quantità di cibo, diverse volte al giorno, mediante un tubo metallico inserito in gola. 

Attraverso un procedimento chiamato gavage (ingozzamento), si portano gli animali ad ammalarsi di steatosi epatica, ovvero l’accumulo di grasso all’interno del fegato. Tutto ciò mentre sono rinchiusi in piccolissime gabbie. Il loro fegato può raggiungere un peso anche dieci volte maggiore rispetto a quello di un organo sano, con conseguenze drammatiche per la loro salute.

Il maltrattamento che implica la produzione di foie gras è riconosciuto. Non a caso questa pratica è vietata in molti paesi -tra cui l’Italia dal 2007- anche se rimane lecita in paesi come la Francia, principale produttore ed esportatore di foie gras al mondo. 

L’alimentazione forzata è stata definita “nociva per il benessere degli animali” in un Rapporto del Comitato Scientifico Veterinario nell’Unione Europea. Per questo motivo, è stata vietata in tutta l’Unione Europea ai sensi dell’art. 14 della Direttiva 98/58/CE.

Benessere animale: l’illusorio claim in etichetta sui prodotti di origine animale

Ma c’è sempre un ma. Una deroga consente la produzione in Francia, Bulgaria, Spagna, Ungheria e Belgio, che poi esportano il prodotto in tutti i paesi europei. Secondo la statistica di Planétoscope, in Francia sono stati prodotti più di 18 mila tonnellate di foie gras nel 2019, utilizzando più di 32 milioni di anatre e oche. 

Il risultato della campagna che vieta il foie gras nei supermercati italiani è un passo avanti nella protezione delle condizioni di anatre e oche. Purtroppo secondo l’ONG c’è ancora tanto lavoro da fare.

Addio al foie gras nei supermercati italiani, vittoria dell’ONG Essere Animali ultima modifica: 2021-03-03T11:12:25+01:00 da Carla Clúa Alcón
Tags:
Addio al foie gras nei supermercati italiani, vittoria dell’ONG Essere Animali ultima modifica: 2021-03-03T11:12:25+01:00 da Carla Clúa Alcón

Laureata in giornalismo, vive a cavallo tra l'Italia e la Spagna. Nata nel 1996 a Tarragona (Catalogna), sta conseguendo una Laurea Magistrale in Scienze Internazionali all'Università di Torino. Ha lavorato in diversi media spagnoli, televisione, radio e giornali. Le sue passioni sono viaggiare, scrivere, conoscere la politica e imparare le lingue –ne parla sei!-. Amante del buon cibo, è sempre alla ricerca del sole e del mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Alimentazione

Go to Top