inizia la scuola

Si torna a scuola: facciamo ordine (creativo) nell’astuccio!

in Educazione|Genitori Green|Scuola
Si torna a scuola: facciamo ordine (creativo) nell’astuccio! ultima modifica: 2014-09-01T08:00:15+00:00 da Elena Broggi
da

Ultimi scampoli d’estate, mare e montagna sono già un ricordo e i banchi di scuola fanno capolino nei pensieri di genitori e bambini: si ricomincia un nuovo anno scolastico ed è giunto il momento di fare ordine nell’astuccio. Vediamo insieme alcune semplici idee per recuperare, reinventare e riutilizzare.

facciamo ordine nell'astuccio
Facciamo ordine nell’astuccio

PASTELLI A CERA

Spesso si spezzano in piccoli mozziconi, i bambini hanno difficoltà ad impugnarli e finiscono per stazionare inutilizzati negli astucci. Per evitare di gettarli nella spazzatura possiamo raccogliere tutti i pastelli, spezzarli in pezzetti, dividerli per colore e inserirli in formine per i biscotti sopra ad una teglia foderata con carta da forno. Inforniamo a 250° e si scioglieranno dando vita ad una nuova formina colorata con cui i bambini si divertiranno a disegnare.

pastelli a cera

PENNARELLI SCARICHI

Altro tasto dolente, i pennarelli scarichi! I bambini ne consumano quantità industriali, spesso dimenticano di mettere il tappo e si seccano. Pattumiera? Non ancora, ecco una prima idea per ottenere dei nuovi colori con cui far divertire i nostri bambini: prendiamo i pennarelli, divisi per colore, e immergiamoli a testa in giù in piccoli vasetti con dell’acqua (con la punta ben immersa). Dopo circa cinque giorni l’acqua si sarà colorata e sarà perfetta per far dipingere i bambini. Più pennarelli abbiamo più sarà intenso il colore che otterremo! Consiglio: mettete poca acqua all’inizio, altrimenti il rischio è di ottenere colori molto sbiaditi; siete sempre in tempo per diluire il colore in un secondo momento.
La seconda possibilità è quella di aprire i pennarelli, prelevare la cartuccia e immergerla in acqua; il colore così ottenuto sarà sicuramente più intenso!
E con i tubi di plastica rimasti? Sono perfetti per creare disegni con le rette (originali costruzioni fai da te!)

www.bedifferentactnormal.com
www.bedifferentactnormal.com

COLLA STICK

Altra “spina nel fianco” di chi si appresta a preparare la lunga lista di oggetti richiesti per la scuola è la colla. Richiestissima in questi anni in cui le schede sono il principale (se non unico purtroppo) strumento utilizzato in classe. Sappiamo benissimo che le colle in commercio sono ricche di sostanze chimiche. Proviamo a prepararne un ottimo sostituto fatto in casa rigorosamente in stick (più pratica da portare nell’astuccio):

colla stick fatta in casa
Colla stick fatta in casa

Ingredienti per uno stick
20 ml di acqua distillata (va benissimo quella che usiamo per il ferro da stiro)
10 g di zucchero
10g di sapone di Marsiglia autoprodotto grattugiato
2 g di amido di riso
3 g di gomma arabica in polvere

In un pentolino a bagnomaria mettiamo l’acqua insieme alla gomma arabica, lasciamo che la polvere si sciolga tenendo la fiamma bassa e mescolando attentamente per evitare la formazione di grumi. Quando otteniamo una consistenza gelatinosa aggiungiamo l’amido di riso e mescoliamo molto bene con una piccola frusta. Otterremo una sorta di crema. A questo punto aggiungiamo lo zucchero e mescoliamo finché non sarà completamente sciolto. Ora, sempre tenendo il pentolino sul fuoco, aggiungiamo il sapone grattugiato e mescoliamo molto bene per far sciogliere tutto fino a ottenere una consistenza simile ad un budino. La colla è pronta, possiamo versarla (ancora calda mi raccomando!) nello stick e lasciar raffreddare senza mettere il tappo. Dopo un paio d’ore si sarà solidificata completamente e sarà pronta per riporla nell’astuccio… giusto in tempo… la campanella sta per ricominciare a suonare!

Si torna a scuola: facciamo ordine (creativo) nell’astuccio! ultima modifica: 2014-09-01T08:00:15+00:00 da Elena Broggi
Tags:
Si torna a scuola: facciamo ordine (creativo) nell’astuccio! ultima modifica: 2014-09-01T08:00:15+00:00 da Elena Broggi

Biologa, educatrice ambientale ed attualmente educatrice prima infanzia, si specializza in Food and Green Education all'Alta Scuola per l'Ambiente. Nelle sue professioni, apparentemente con poco in comune tra loro, ha trovato il modo di unire le sue passioni più grandi: l'ambiente, l'infanzia e la sostenibilità. Di giorno educatrice al nido e di sera tiene corsi di autoproduzione di cosmesi. Vive in un paesino di campagna e nella sua testa il mondo perfetto è quello delle 3 C: consapevolezza, condivisione e comunicazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Educazione

Go to Top