No Mow May

No Mow May, la campagna che invita a lasciare il prato incolto

in Natura|Orto e giardino
No Mow May, la campagna che invita a lasciare il prato incolto ultima modifica: 2021-05-19T07:00:19+02:00 da Fabrizio Simone
da

No Mow May, la campagna che invita a tagliare meno frequentemente il proprio prato, idealmente una volta al mese, al fine di promuovere un habitat favorevole agli impollinatori.

La campagna No Mow May invita a curare meno il proprio prato per accogliere più insetti.

Chi possiede un giardino sa quanto sia importante dedicarsi alla falciatura dell’erba, di tanto in tanto.

Durante i mesi primaverili ed estivi, i fiori e l’erba crescono più rapidamente. Viene naturale, dunque, dedicarsi con una maggiore frequenza alla cura del proprio prato.

Floriterapia, il benessere e l’equilibrio che vengono dai fiori

Tuttavia, se questa attività viene eseguita giorno dopo giorno, si incorre in notevoli svantaggi.

Lo sa bene il popolare conduttore del programma di giardinaggio della Bbc, Monty Don, che si è scagliato contro l’eccessiva tosatura dell’erba, praticata spesso dai britannici.

Il conduttore della Bbc ha spiegato: “lasciar crescere l’erba, che è, dopotutto, una cosa abbastanza passiva da fare, è probabilmente la soluzione migliore che si possa adottare in qualsiasi giardino per incoraggiare la vita degli insetti, ma anche di piccoli mammiferi, rettili, invertebrati”.

Monty Don ha anche aggiunto: “Penso che una delle cose che va facilmente perduta nella vita moderna è la connessione col ritmo del mondo naturale. Nove volte su dieci, se l’erba sta bene, tutto il resto si sistemerà da solo. Per quanto tu voglia tosare il prato, l’erba crescerà al suo ritmo“.

Fortunatamente, il conduttore non è il solo a pensarla in questo modo. Lasciare il prato incolto, infatti, sta diventando una tendenza ampiamente diffusa in Inghilterra.

Numerosi cortili dei college di Oxford, infatti, sono stati lasciati incolti e per questo mese è stata lanciata una campagna nazionale, #NoMowMay, che invita a lasciare il tosaerba nel deposito degli attrezzi durante tutto maggio.

Pollinator Park, uno sguardo a un futuro catastrofico senza insetti impollinatori

Posticipare la sessione di falciatura a giugno può, infatti, aiutare le piante a creare più nettare che verrà raccolto dagli impollinatori.

[Photo by Daniel Watson on Unsplash]

No Mow May, la campagna che invita a lasciare il prato incolto ultima modifica: 2021-05-19T07:00:19+02:00 da Fabrizio Simone
Tags:
No Mow May, la campagna che invita a lasciare il prato incolto ultima modifica: 2021-05-19T07:00:19+02:00 da Fabrizio Simone

Nato a Torino dopo essersi diplomato al Liceo di Scienze Umane ha iniziato gli studi al Dams. È ora al terzo anno e oltre allo studio si dedica alle sue passioni che comprendono la scrittura e la lettura di libri e fumetti. Ama andare a correre, disegnare e guardare più film e serie tv possibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Natura

Go to Top