Per San Valentino regala fiori sostenibili

in Natura
Per San Valentino regala fiori sostenibili ultima modifica: 2015-02-11T08:00:05+00:00 da Sara Minucci
da

Si avvicina San Valentino, sicuramente la ricorrenza per la quale i fiori sono il regalo più diffuso e gradito. Scegliere in modo consapevole cosa regalare è l’unico modo per tutelare l’ambiente, i lavoratori e la salute. A differenza però di quanto avviene in altri settori, in questo caso il prodotto finito generalmente non arriva al consumatore con una targhetta che ne indichi la provenienza e le modalità di coltivazione. Per questo è importante saperne di più.

Fiori di stagione: i giacinti
Fiori di stagione: i giacinti

Bisogna sapere che la maggior parte dei fiori recisi venduti in Europa sono importati dall’Africa, dal Sud America e dall’Asia, in particolare da Kenya, Etiopia, Colombia, Ecuador e India. I fiori vengono coltivati da multinazionali o grandi aziende controllate da società straniere principalmente per essere esportati sui mercati europei, nord americani, sud coreani e giapponesi. Anche nella floricoltura dunque sono molto rilevanti la delocalizzazione e la globalizzazione della produzione: in un mercato in cui la concorrenza è principalmente nell’offrire il prezzo più basso, le condizioni di lavoro della manodopera sono le prime vittime di questa industria.

Fiori di stagione: le primule
Fiori di stagione: le primule

Come mostrano i rapporti internazionali, come quello di Labour Rights, ai lavoratori è spesso richiesto lavoro straordinario senza retribuzione oltre ad essere esposti quotidianamente a prodotti chimici tossici senza la dotazione di sicurezza necessaria. Le giovani donne, che costituiscono la maggior parte dei lavoratori dei fiori (si calcola siano circa l’80%), a seguito dei lunghi turni in serra, accusano spesso problemi al ciclo mestruale, aborti spontanei, parti prematuri o altri problemi causati dalla postura, dal contatto con sostanze chimiche dannose e dall’affaticamento. Inoltre, la consuetudine portata avanti da molte aziende di smaltire i propri rifiuti tossici in prossimità di fiumi e laghi mette a repentaglio la sicurezza e la salute non solo dei lavoratori ma anche degli abitanti delle zone di produzione dei fiori, oltre degradare l’ambiente circostante.

 

Cosa possiamo fare noi consumatori, allora? Innanzi tutto dobbiamo cercare di acquistare fiori di cui sia nota la provenienza. Ad esempio, è possibile acquistare fiori sostenibili scegliendo quelli certificati Fairtrade, che attraverso i propri standard internazionali tutela i coltivatori, favorisce l’inserimento lavorativo delle donne e prevede controlli stringenti sull’uso di sostanze chimiche e nella gestione di acqua e rifiuti.

Fiori per San Valentino: l'Amaryllis
Fiori di stagione: l’Amaryllis

Nella scelta di piante o fiori recisi, poi, possiamo privilegiare la produzione locale e soprattutto di stagione: un modo per spendere di meno e per avere fioriture più durature.

Diciamolo coi fiori dunque, ma che siano prodotti in modo sostenibile per i lavoratori e per l’ambiente!

Per San Valentino regala fiori sostenibili ultima modifica: 2015-02-11T08:00:05+00:00 da Sara Minucci
Tags:
Per San Valentino regala fiori sostenibili ultima modifica: 2015-02-11T08:00:05+00:00 da Sara Minucci

Vive a Torino, dove la si può vedere quotidianamente affrontare il traffico cittadino in sella alla sua bici. La laurea in Relazioni Internazionali non le ha impedito di coltivare i suoi interessi e le sue passioni, anzi ha contribuito ad arricchirle: la corsa, il cinema, l'ambiente, la cucina e il giardinaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Natura

Go to Top