pomodori cambiamenti climatici

Le coltivazioni di pomodori sono in pericolo a causa dei cambiamenti climatici

in Clima|Coltivare
Le coltivazioni di pomodori sono in pericolo a causa dei cambiamenti climatici ultima modifica: 2022-07-16T07:04:46+02:00 da Fabrizio Simone
da

La produzione mondiale di pomodori destinati alla trasformazione industriale potrebbe calare del 6% a causa dei cambiamenti climatici.

Le coltivazioni di pomodori da industria con cui si producono ketchup, salse e pelati sono minacciate dai cambiamenti climatici.

È quanto emerge da uno studio pubblicato su Nature Food, condotto da un team di ricercatori danesi, statunitensi e italiani. Tra questi figurano Davide Cammarano, professore nel dipartimento di Agroecologia della Aarhus University in Danimarca, Domenico Ronga professore associato di agronomia all’Università di Salerno.

Alla scoperta delle tradizioni di famiglia: come fare la conserva di pomodoro

L’Italia è tra le aree più colpite. Con 70 mila ettari coltivati e oltre 6 milioni di tonnellate di prodotto trasformato all’anno, il nostro paese è il secondo produttore al mondo.

Lo studio

I ricercatori hanno valutato l’andamento dei raccolti in caso di emissioni di gas serra contenute, alte o molto alte.

Per ogni scenario, hanno considerato cinque modelli climatici con diverse temperature e piovosità.

Secondo lo studio, entro il 2050 “la produzione nei principali paesi produttori (Stati Uniti, Italia e Cina, che  rappresentano il 65% della popolazione mondiale) diminuirà del 6% entro il 2050 rispetto al periodo di riferimento 1980-2009″. 

La riduzione delle precipitazioni durante la stagione di crescita e l’aumento della temperatura dell’aria causeranno un accorciamento dello sviluppo del pomodoro e un abbassamento della resa.

Pomodori: benefici per la salute dell’ortaggio simbolo dell’estate

Bisogna considerare, inoltre, l’aumento della quantità di acqua necessaria per l’irrigazione e la fertilizzazione.

Nello scenario peggiore, con un aumento medio della temperatura dell’aria di circa 2,6 gradi centigradi entro il 2070 e di 5 gradi entro il 2100, la produzione globale potrebbe subire un calo del 60% rispetto ai valori di riferimento.

“Non dobbiamo spaventarci per questi risultati, che tengono conto degli ibridi coltivati oggi con le attuali tecniche agronomiche” spiega Ronga. “Sicuramente servirà uno sforzo multidisciplinare per trovare nuove soluzioni che permettano di mantenere le coltivazioni in Italia, come il miglioramento genetico delle piante, per aiutarle a resistere al caldo o a cercare l’acqua più in profondità, oppure l’uso di fertilizzanti e biostimolanti che attenuino lo stress da caldo e siccità”.

[Photo by Markus Spiske on Unsplash]

Le coltivazioni di pomodori sono in pericolo a causa dei cambiamenti climatici ultima modifica: 2022-07-16T07:04:46+02:00 da Fabrizio Simone
Tags:
Le coltivazioni di pomodori sono in pericolo a causa dei cambiamenti climatici ultima modifica: 2022-07-16T07:04:46+02:00 da Fabrizio Simone

Nato a Torino dopo essersi diplomato al Liceo di Scienze Umane ha iniziato gli studi al Dams. È ora al terzo anno e oltre allo studio si dedica alle sue passioni che comprendono la scrittura e la lettura di libri e fumetti. Ama andare a correre, disegnare e guardare più film e serie tv possibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Clima

Go to Top