Cammino di Santa Rosalia. Fonte foto: pagina FB Itinerarium Rosaliae

Cammino di Santa Rosalia: itinerario tra fede e natura nell’entroterra siciliano

in Natura|Viaggi
Cammino di Santa Rosalia: itinerario tra fede e natura nell’entroterra siciliano ultima modifica: 2020-07-09T08:00:40+00:00 da GreenElle
da

A metà strada tra escursionismo e pellegrinaggio, il Cammino di Santa Rosalia permette di esplorare la Sicilia dell’entroterra tra Agrigento e Palermo.

Il Cammino di Santa Rosalia è un itinerario che si dipana tra le province di Agrigento e Palermo ripercorrendo i luoghi del passaggio della “Santuzza”.

Lungo 185 km e suddiviso in 10 tappe, può essere percorso a piedi, in bici o a cavallo per scoprire la Sicilia dell’entroterra, distante dalle grandi vie di comunicazione.

Magna Via Francigena: il cammino che attraversa la Sicilia da mare a mare

Cammino di Santa Rosalia: il percorso

L’Itinerarium Rosaliae in Sicilia parte dal Santuario di Monte Pellegrino, dedicato a Santa Rosalia, per giungere all’Eremo di Santo Stefano Quisquina.

Si procede lungo mulattiere, sentieri sterrati o antiche strade secondarie attraversando aree di notevole interesse naturalistico. Tra queste spiccano il Parco dei Monti Sicani, l’Alto Belice e suggestivi borghi come Palazzo Adriano, Chiusa Scaflani, Piana degli Albanesi e Monreale.

Sono sufficienti in media 8 giorni per completare il percorso in tutte le sue tappe.

Strada degli Scrittori: come scoprire la Sicilia sulle tracce dei suoi più famosi scrittori

Cammino di Santa Rosalia: consigli utili

Considerata la lunghezza del cammino ed i notevoli dislivelli, viene considerato un percorso con un livello di difficoltà impegnativa seppur ripagato dall’enorme bellezza paesaggistica.

Le tappe sono alquanto lunghe per un escursionista medio e ciò rende l’itinerario poco adatto per i camminatori meno allenati ed esperti.

Bisogna, inoltre, considerare che si procede lungo strade sterrate e assolate con saliscendi ripidi e prive di punti in cui fare rifornimento di acqua. Pertanto si consiglia una buona condizione psicofisica ed un discreto allenamento prima di partire e cimentarsi con questo suggestivo itinerario.

Nota dolente è anche la scarsa segnaletica e la mancanza di indicazioni chiare e precise lungo il tragitto.

Alcuni viandanti potranno essere motivati a percorrere questo Cammino per ragioni di fede ma tutti potranno beneficiare della possibilità di scoprire angoli nascosti di questa parte dell’isola siciliana.

Cammino di Santa Rosalia: itinerario tra fede e natura nell’entroterra siciliano ultima modifica: 2020-07-09T08:00:40+00:00 da GreenElle
Tags:
Cammino di Santa Rosalia: itinerario tra fede e natura nell’entroterra siciliano ultima modifica: 2020-07-09T08:00:40+00:00 da GreenElle

Vive a Roma ma mantiene saldo il legame con il suo sud. Appassionata di scrittura sul web, si interessa a tutto ciò che ruota intorno al mondo 'verde': dall'alimentazione cruelty-free alla mobilità sostenibile, dalla cosmetica ai rimedi naturali, il tutto nell'ottica del benessere per l'uomo e l'ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Natura

Go to Top