Tre Cime di Lavaredo

Montagna: 6 consigli per viverla in sicurezza nella Fase 2

in Coronavirus
Montagna: 6 consigli per viverla in sicurezza nella Fase 2 ultima modifica: 2020-05-08T14:47:31+00:00 da Evelyn Baleani
da

Dal Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, 6 suggerimenti per tornare in montagna in sicurezza durante la Fase 2

La tanto attesa Fase 2 è arrivata. Dopo due mesi di lockdown trascorsi tra le mura domestiche per fronteggiare la pandemia provocata dal Covid-19, ora c’è di nuovo la possibilità di camminare e di svolgere attività fisica lontani da casa. Chi più chi meno, i cittadini italiani sono tornati perciò a popolare gli spazi naturali, inclusa la montagna.

Un anno di vita in montagna, soltanto per cominciare. Secondo libro in arrivo e nuovi progetti per Tommaso e Alessia al ritmo delle stagioni

L’emergenza sanitaria, tuttavia, è ancora in corso e la Fase 2 continua a essere una parentesi molto delicata, da cui dipenderanno sia l’andamento dei contagi sia le prossime decisioni governative. Per evitare problematiche sulle alte cime, il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) ha quindi ritenuto opportuno redigere un elenco di regole da seguire per poter tornare in montagna in sicurezza, senza rischiare incidenti.

#StaySafe: i consigli del CNSAS per tornare in montagna nella Fase 2

Ecco i suggerimenti forniti dal Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico:

  1. Informarsi attentamente sulle disposizioni in vigore nel territorio dove si intraprende l’attività;
  2. Pianificare gli spostamenti, sentieri ed escursioni spesso superano i confini regionali: potrebbero essere in vigore altre normative e lo spostamento fuori regione non è al momento consentito;Montagna in sicurezza
  3. Prestare attenzione alla forma fisica. Dopo quasi tre mesi di astensione da ogni attività, la montagna va affrontata per gradi. Il rischio incidente, in persone non allenate, aumenta;
  4. Non avventurarsi da soli, se possibile, in montagna. Muoversi nel rispetto delle misure di legge, con i DPI (mascherina e guanti) e mantenendo le distanze di sicurezza, ma l’aiuto di un compagno in caso di emergenza può essere determinante;
  5. Comunicare ai familiari l’itinerario che verrà percorso, e portare sempre al seguito un cellulare per eventuali richieste di soccorso.
  6. Evitare attività a rischio: sono al momento vietate le attività ad alta intensità e a potenziale rischio, che vanno oltre le escursioni.

Vado a vivere in montagna, il nuovo sportello per l’imprenditoria nelle alte terre del Piemonte

Occorre infine ricordare che nel caso in cui si verifichi un incidente in montagna è necessario chiamare il Numero Unico per l’Emergenza 112, chiedendo l’intervento del Soccorso Alpino e Speleologico.

Montagna: 6 consigli per viverla in sicurezza nella Fase 2 ultima modifica: 2020-05-08T14:47:31+00:00 da Evelyn Baleani
Tags:
Montagna: 6 consigli per viverla in sicurezza nella Fase 2 ultima modifica: 2020-05-08T14:47:31+00:00 da Evelyn Baleani

Web Content Editor freelance e Giornalista pubblicista. Si occupa di contenuti per i media (TV e Web) dal 2000. Dopo aver lavorato per alcuni anni in redazioni di società di produzione televisiva e Web Agency, ha deciso di spiccare il volo con un’attività tutta sua. Le sue più grandi passioni oltre l'ambiente? Il Web, la scrittura e la Spagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Coronavirus

Go to Top