Test sugli animali

Stop ai test sugli animali per lo studio delle sostanze di abuso. Lo chiede una petizione

in Animali|News
Stop ai test sugli animali per lo studio delle sostanze di abuso. Lo chiede una petizione ultima modifica: 2020-01-27T19:07:11+00:00 da Evelyn Baleani
da

È in corso in questi giorni alla Camera il voto agli emendamenti alla conversione in Legge del Decreto Milleproroghe, un documento che ha acceso il malcontento del mondo animalista. Al suo interno si prevede infatti il rinvio del divieto di compiere sugli animali esperimenti sugli effetti delle sostanze di abuso nonché sugli xenotrapianti, ovvero tutti quei trapianti eseguiti con l’uso di organi che vengono prelevati a esseri viventi di una specie diversa da quella del ricevente.

Il retroscena

Lo slittamento del divieto non è una novità. Fissata nel 2014 per il 2016 e posticipata successivamente di altri tre anni, la scadenza di questi test viene di volta in volta rimandata, utilizzando come giustificazione l’inesistenza di metodologie alternative. Ora si prospetta per l’ennesima volta il rischio di un nuovo rinvio. A meno che vengano approvati vari emendamenti a prima firma Brambilla-FI, Sarli e Di Lauro-M5S con Fratoianni-LeU, Rizzetto e Frassinetti-FdIm che mirano a eliminare o comunque a diminuire il tempo a disposizione dei ricercatori per svolgere la sperimentazione sugli animali.

In programma per il voto ci sono tuttavia anche due emendamenti di deputati della Lega, a prima firma Boldi, che puntano invece a continuare “sine die” questi esperimenti e in ogni caso ad assicurare due anni di proroga.

La petizione e la lettera al Ministero della Salute

In prima linea per sostenere lo stop della sperimentazione si è schierata anche la Task Force Animalista, Movimento di cittadini liberi e indipendenti che dal 2018 si batte per la riforma del Codice Civile in chiave animalista.

Sul finire dello scorso dicembre, l’Associazione ha inviato una lettera aperta al Ministero della Salute. Nel testo si illustrano con precisione i motivi per cui questi test vanno definitivamente aboliti in favore di metodi alternativi, permettendo così di risparmiare sofferenze, vite e fondi che, all’atto pratico, risultano inutili per le persone in balia di dipendenze da alcol, droghe e tabacco.

L’invio della lettera è stato affiancato dal lancio di una petizione online disponibile su Change.org.

Come accade per molte altre battaglie finalizzate alla tutela degli animali, tutti i cittadini desiderosi di sostenere la causa possono apporre la propria firma e contribuire a diffonderla.

caviePer poter approfondire, pubblichiamo il testo completo della lettera indirizzata al Ministero della Salute.

OGGETTO: Lettera al Ministero della Salute contro proroga di sperimentazione animale di sostanze d’abuso (droghe e alcol). Dott.sa Carolina Sala, filosofa della scienza, specializzata in prevenzione/cura tossicofilie/tossicodipendenze, Presidente Task Force Animalista.

Era previsto per il 1 gennaio 2020 lo stop per sperimentare sugli animali, attualmente classificati “beni mobili” dal Codice Civile, le sostanze d’abuso quali droghe e alcool e il trapianto di organi e tessuti da animale a essere umano. Già tre anni fa si chiedeva di attendere la ricerca di metodi alternativi alla sperimentazione animale dandosi come tempo limite l’inizio del 2020.

Le ricerche di metodi alternativi non sono mai iniziate e ci si ritrova, come spesso accade nel nostro paese, a rimandare ulteriormente al 2022, speculando sulla sofferenza altrui. Tutti i progetti di ricerca e rispettive proroghe con l’utilizzo di esseri vertebrati e invertebrati devono essere approvati e autorizzati dal Ministero della Salute. Il Ministro Speranza si prende dunque la responsabilità etica e scientifica di tali proposte firmandole o non firmandole. Firmandole dovrebbe prima conoscere la validità o l’invalidità di tali atroci sperimentazioni studiando approfonditamente le sostanze, la loro classificazione, i loro effetti (conscio che gli esseri viventi sono totalmente differenti tra loro e rispondono in modo differente alle droghe esogene, cioè le droghe introdotte dall’esterno in un corpo), la tolleranza che i corpi di diverse specie animali hanno delle differenti sostanze.

coniglioTratti psicologici, culturali, demaniali, cognitivi, esperienze differenti, amore ricevuto o non ricevuto, sono tutte componenti imprescindibili per la vera sperimentazione d’abuso di sostanze. Il Ministro Speranza dovrebbe sapere che, se non c’è prevenzione, non c’è cura per quanto riguarda l’abuso di sostanze nell’essere umano. La droga, qualsiasi essa sia, non è solo un capriccio o un puro divertimento, ma è, soprattutto per chi ne abusa, un’autoterapia ed è molto difficile trovare una terapia che vada a sostituirla, agli occhi di chi per anni ha sofferto senza ricevere aiuto, ascolto, cura. Un buco nell’anima difficile da disintossicare, così molti dall’uso passano all’abuso e spesso, dopo lunghi periodi di astinenza, ci ricadono passando il più delle volte da una dipendenza all’altra memori del sollievo psicologico e fisico esercitato dalle sostanze. La droga, che sia una sigaretta, una canna, una striscia di cocaina o una siringa di eroina, illude di non tradire, c’è quando la si cerca e quando si desidera, quando si soffre e quando si cerca la gioia, implicando peraltro un grande dispendio di energia, tempo e denaro. Tutte caratteristiche appartenenti unicamente alla specie umana.

La droga è l’ultimo tentativo disperato che ha l’essere umano che non riesce ad amarsi di amarsi. La tossicofilia è la voglia di modificare il proprio stato fisico e mentale per ottenere effetti gratificanti da una o più sostanze, alcol compreso che è l’abuso legalizzato. La tossicofilia è, rispetto alla tossicodipendenza, un’esperienza prevalentemente psicologica in quanto si cerca consapevolmente un piacere. Gli effetti ricercati cambiano in base alla sostanza. Dalla cocaina si cerca disinibizione totale, sentirsi a proprio agio ovunque, senza paure, senza timidezza, osando fare e dire tutto ciò che si è sempre desiderato dire e fare. La coca è un tuffo nel mondo, soprattutto da parte di chi, del mondo, ha sempre avuto paura. Non fa sentire la stanchezza perché è adrenalinica. Ci si attende dalla cocaina e da altre sostanze eccitanti un aumento di sensazioni e di emozioni. Dall’eroina, al contrario, tendenzialmente dagli altri oppioidi, si ricerca il desiderio di star bene con se stessi allontanando il resto del mondo, per non odiarlo, non invidiarlo, non ricordarlo, sedati e in pace. Con la cannabis, il pensiero non viaggia più su binari razionali, ma per immagini. L’elettroencefalogramma dei consumatori abituali di cannabinoidi è molto simile a chi dorme o sogna. L’illusione di onnipotenza e controllo fanno dell’essere umano un illuso debole e fragile.

test sugli animaliUn essere umano sa perfettamente che le sigarette fanno male, che l’alcool fa male, la cocaina e l’eroina fanno male, ma a quell’essere umano lì danno sollievo e non basta disintossicarlo fisicamente perché l’anima, così differente tra un individuo e l’altro e totalmente differente tra individui di specie diverse, non si sperimenta in laboratorio. Sperimentare su altri esseri viventi non aiuterà l’essere umano, vizioso per natura e fragile nell’essere. Tutti noi sappiamo come stanno le cose e non desideriamo che altre specie animali totalmente innocenti e che per natura non abuserebbero mai spontaneamente di sostanze se non indotti a farlo, vengano abusati, torturati e vivisezionati. Per di più, per quanto riguarda il grado di tossicità delle sostanze su cui si sperimenta da anni, è totalmente irrilevante visto che l’essere umano con personalità portata alla dipendenza è sicuramente più attratto dalla tossicità che dalla non tossicità.

Investite i soldi in modo intelligente puntando sulla prevenzione dell’uso e dell’abuso di sostanze. Investite denaro per riqualificare le periferie, per sostenere psicologicamente e finanziariamente famiglie in difficoltà, ragazzi che desiderano fare sport e non possono permetterselo. Insegnate l’amore, il sacrificio e anche la forza di essere leader positivi. Curate la gente prima che si ammali perché non è il caso che porta all’abuso di sostanze, ma la scelta data dalla mancanza di alternative e dalla sofferenza. Esistono le basi della tossicomania e sono date da noi stessi, dalla famiglia, dall’indifferenza della società e dalla mancanza di cura e amore.

Persistere nell’errore sperimentando su animali innocenti i vizi umani porterà solo altro dolore e altri fallimenti. La componente fisiologica presente in ognuno di noi che porta o meno l’inclinazione a ricercare sostanze stupefacenti è anch’essa differente da individuo a individuo, esattamente come accade per la componente ambientale che varia da persona a persona. Esiste il cervello che fa parte del nostro corpo come le braccia e le gambe e al quale non si può dare la componente spirituale che si dà all’anima. Cervelli differenti tra individui della stessa specie e ancor più diversi tra individui di specie differenti. Le droghe endogene presenti naturalmente nel nostro organismo possono essere tante o poche a seconda dell’individuo e delle attività praticate. Le endorfine, per esempio, tendono ad aumentare praticando sport, rendendo così la resistenza alla fatica e al dolore migliore. Anche la resistenza emotiva varia a seconda della quantità di endorfine emesse o non emesse dal nostro organismo.

macacoLe serotonine e le dopamine, equivalenti delle droghe esogene (emesse dall’esterno) adrenaliniche, se carenti, possono essere ricercate in una droga come la cocaina o l’amfetamina. Se alle carenze del singolo individuo di droghe endogene si associa un ambiente instabile e carente, facilmente, sarà più portato di altri a ricercare nelle droghe esogene (equivalenti delle endogene, ma estranee al nostro organismo), un’autoterapia al dolore.

La sperimentazione animale su individui di altre specie è, come si evince, del tutto inutile. Sarebbe idonea la sperimentazione sugli esseri umani socialmente e biologicamente portati all’abuso di sostanze. Il fatto che le droghe facciano male non è una novità e persistere nella sperimentazione su di esse è un inutile dispendio di finanze pubbliche ed energie, distruggendo peraltro la vita ad esseri indifesi con alcuna colpa.

La Task Force Animalista, che si batte da marzo 2018 per chiedere la riforma del Codice Civile chiedendo il riconoscimento degli animali come esseri senzienti, in grado di provare emozioni, dolore, gioia, pur mantenendo le proprie differenze di specie, oltre a far notare l’incongruenza di una legge che li considera meri oggetti e una scienza che se ne serve come fossero oggetti, trattandoli come soggetti sperimentando su di loro invece di servirsi dell’essere umano, mette in luce l’inutilità di tale sperimentazione confutandone la validità.

Chiediamo al Ministro Speranza che venga fermata immediatamente tale sperimentazione nel rispetto della vera scienza, dell’etica e dell’essere umano che merita di essere aiutato davvero a non abusare di sostanze investendo nella prevenzione e non nella cura obsoleta e fragile data la facilità di argomenti confutativi che ne negano la validità. Attendendo un pronto riscontro, certa che non possono passare inosservati gli argomenti sopra trattati volti ad evidenziare la sterilità del protrarsi di tale assurda sperimentazione, porgo distinti saluti.

Dott.sa Carolina Sala, Presidente Task Force Animalista

Stop ai test sugli animali per lo studio delle sostanze di abuso. Lo chiede una petizione ultima modifica: 2020-01-27T19:07:11+00:00 da Evelyn Baleani
Tags:
Stop ai test sugli animali per lo studio delle sostanze di abuso. Lo chiede una petizione ultima modifica: 2020-01-27T19:07:11+00:00 da Evelyn Baleani

Web Content Editor freelance e Giornalista pubblicista. Si occupa di contenuti per i media (TV e Web) dal 2000. Dopo aver lavorato per alcuni anni in redazioni di società di produzione televisiva e Web Agency, ha deciso di spiccare il volo con un’attività tutta sua. Le sue più grandi passioni oltre l'ambiente? Il Web, la scrittura e la Spagna.

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Animali

Go to Top