Oggi 25 Marzo è l’Ora della Terra. Spegnete la luce per riaccendere il futuro

in Ambiente|Clima|Energia
Oggi 25 Marzo è l’Ora della Terra. Spegnete la luce per riaccendere il futuro ultima modifica: 2017-03-25T08:30:20+00:00 da Evelyn Baleani
da

Si rinnova anche per il 2017 l’appuntamento con Earth Hour – L’Ora della Terra, la mobilitazione globale promossa dal WWF per combattere il cambiamento climatico. Oggi, sabato 25 Marzo 2017, in ogni angolo del mondo, dalle 20.30 alle 21.30 a seconda dei fusi orari, si compirà il gesto simbolico di spegnere le luci per un’ora.

L’evento, nato nel 2007 a Sidney, si è diffuso in tutto il Pianeta fino a coinvolgere ben 178 Paesi, unendo cittadini, imprese e istituzioni nella comune volontà di vincere la sfida del cambiamento climatico, per poter offrire al mondo un futuro sostenibile.

L’Ora della Terra in Italia

Come ogni anno, anche per il 2017, lungo lo Stivale sono in programma numerose iniziative simboliche: dallo spegnimento delle luci in luoghi famosi delle città, come monumenti e municipi, fino a passeggiate sotto le stelle e a cene a lume di candela nelle aree protette.

Earth Hour 2017
Accanto agli appuntamenti ufficiali, gli stessi cittadini sono chiamati in causa per mobilitarsi attraverso il semplice gesto di spegnere la luce per un’ora, dando così voce all’urgenza di un cambio di rotta, prima che sia troppo tardi per il Pianeta e per il futuro di chi verrà.

Perché combattere il cambiamento climatico

L’evoluzione del cambiamento climatico è molto rapida e gli impatti che ne derivano appaiono sempre più preoccupanti. L’elenco delle conseguenze negative è a dir poco allarmante e include, tra i molti fenomeni:

  • scioglimento dei ghiacciai;
  • aumento del rischio di desertificazione;
  • eventi meteorologici sempre più estremi come alluvioni, periodi di caldo o freddo eccessivo, cicloni extratropicali;
  • variazioni delle precipitazioni con un deterioramento della qualità del suolo, che a sua volta si ripercuote sull’agricoltura;
  • innalzamento del livello del mare in molte zone costiere, destinate a essere sempre più soggette all’erosione, con conseguenze catastrofiche per il turismo e l’economia locali;
  • modifiche irreversibili nei delicati equilibri degli habitat naturali;
  • riduzione della capacità delle foreste di assorbire anidride carbonica, con un ulteriore aumento delle temperature;
  • gravi ripercussioni sulla salute umana, legate all’aumento delle epidemie, alla riduzione della produttività ittica e agraria e a un minore disponibilità di acqua potabile.

L’elenco potrebbe proseguire. Di fronte alla drammaticità degli impatti del cambiamento climatico, è evidente l’urgenza di correre ai ripari.

cambiamento climatico

A livello globale, i governi, seppure in ritardo, iniziano a muovere i primi passi con accordi, impegni internazionali e obiettivi a lungo termine per ridurre le emissioni di gas serra al più presto.

Molto, però, può essere fatto da ognuno di noi, adottando semplici comportamenti quotidiani per diminuire il nostro impatto sul Pianeta, dalla cui salute dipende la nostra stessa sopravvivenza.

L’Ora della Terra può essere il punto di partenza per un futuro rispettoso dell’ambiente. L’invito, perciò, è di partecipare, spegnendo le luci per un’ora e, soprattutto, continuando a contribuire ogni giorno alla lotta per un futuro migliore.

Oggi 25 Marzo è l’Ora della Terra. Spegnete la luce per riaccendere il futuro ultima modifica: 2017-03-25T08:30:20+00:00 da Evelyn Baleani
Tags:
Oggi 25 Marzo è l’Ora della Terra. Spegnete la luce per riaccendere il futuro ultima modifica: 2017-03-25T08:30:20+00:00 da Evelyn Baleani

Web Content Editor freelance e Giornalista pubblicista. Si occupa di contenuti per i media (TV e Web) dal 2000. Dopo aver lavorato per alcuni anni in redazioni di società di produzione televisiva e Web Agency, ha deciso di spiccare il volo con un’attività tutta sua. Le sue più grandi passioni oltre l'ambiente? Il Web, la scrittura e la Spagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Ambiente

Go to Top