cane azienda agricola scolastici

Maltempo nelle zone colpite dal terremoto: la sofferenza degli animali e come aiutarli

in Animali
Maltempo nelle zone colpite dal terremoto: la sofferenza degli animali e come aiutarli ultima modifica: 2017-01-21T08:30:49+00:00 da Sara Panarella
da

Freddo e scosse telluriche continuano a mettere a dura prova le regioni del Centro Italia. Gli effetti di questi due fenomeni insieme si sono dimostrati devastanti. In zone già colpite in autunno da terremoti importanti, è arrivata la neve, molta, moltissima neve: l’Azienda Agricola Scolastici, da cui arrivano anche le foto qui pubblicate, scrive in un post su Facebook del 18 gennaio che la “neve è intorno al metro e ottanta ma ci sono cumuli alti anche quattro metri“. Ecco il quadro della drammatica situazione che stanno vivendo gli abitanti di quelle zone.

Asinello dell'azienda Agricola Scolastici a Pieve Torina nel maceratese, una delle zone più innevate. Foto postata sulla loro pagina fb
Asinello dell’azienda Agricola Scolastici a Pieve Torina nel maceratese, una delle zone più innevate

Il territorio è quello compreso tra Marche, Umbria, Abruzzo e Lazio. Gli abitanti, persone e animali, popolano un luogo con una forte valenza agricola in cui l’allevamento è molto diffuso. Coldiretti parla di circa 3 mila aziende agricole che allevano oltre 100 mila animali tra mucche, pecore e maiali. Un territorio già ferito recentemente e dove ancora non si erano ricostruite le strutture danneggiate. Adesso altre scosse e un’ondata di maltempo come non capitava più da quasi 40 anni delineano un’emergenze che ha dell’apocalittico.

Foto dell'Azienda Agricola Scolastici postata sulla loro pagina fb il 17 gennaio. Il giorno dopo, sempre loro informavano della tempesta di neve in corso e del crollo di due stalle con mucche e pecore all'interno.
Foto dell’Azienda Agricola Scolastici 17 gennaio 2017. Il giorno dopo, sempre loro informavano della tempesta di neve in corso e del crollo di due stalle con mucche e pecore all’interno

Molti sono gli animali morti: i tetti di alcune stalle, resi più fragili dal peso della neve, sono crollati a causa delle scosse del terremoto. Purtroppo poi, sfuggire al crollo non garantisce nulla: non ci sono altre stalle per spostare il bestiame rimasto senza tetto. Secondo la Coldiretti gli animali in questa situazione non sono pochi. Solo nelle Marche ci sono 600 mucche e 5000 pecore senza riparo. E se ciò non bastasse le strade chiuse per il ghiaccio non permettono né la consegna dei mangimi per nutrirli né la raccolta del latte che in qualche modo è stato pur munto. Sempre Coldiretti informa che sono iniziate le operazioni di evacuazione delle stalle crollate o lesionate grazie alla solidarietà tra allevatori e all’arrivo dell’Esercito e Protezione Civile.

Mucca ferita. Foto: coldiretti.it
Mucca ferita. Foto: Coldiretti

La drammatica situazione non riguarda solo gli animali d’allevamento. La stessa sorte sta toccando ai nostri amici gatti e cani, dispersi nei campi, a volte purtroppo anche legati. Andare a prestare soccorso non è semplice. Muoversi è complicato anche a piedi. Già in autunno si erano mobilitate varie associazioni per raccogliere solidarietà e fornire aiuto. La stessa solidarietà a cui siamo chiamati a rispondere anche adesso. 

Mappa del territorio colpito dal sisma. Cartina presa da ingvterremoti.wordpress.com il canale di comunicazione dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia
Mappa del territorio colpito dal sisma dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Per farlo possiamo trovare utili indirizzi proprio sui social, cercando direttamente le strutture citate nelle notizie di aggiornamento della situazione. Proprio come per l’Azienda Agricola Scolastici di cui abbiamo parlato. Facciamo solo attenzione alle richieste che arrivano tramite catene in quanto a volte si dimostrano vere e proprie bufale. Contattiamo invece direttamente i soggetti che si propongono e che operano da anni nelsettore, chiedendo loro di cosa possono avere bisogno e in che modo, oppure controlliamo i profili social delle associazioni animaliste quali la Lega Nazionale per la Difesa del Cane oppure l’Enpa.

Aiutiamoli subito!

Maltempo nelle zone colpite dal terremoto: la sofferenza degli animali e come aiutarli ultima modifica: 2017-01-21T08:30:49+00:00 da Sara Panarella
Tags:
Maltempo nelle zone colpite dal terremoto: la sofferenza degli animali e come aiutarli ultima modifica: 2017-01-21T08:30:49+00:00 da Sara Panarella

Vive a Torino, bibliotecaria. Si laurea in Filosofia interessandosi di bambini e multiculturalità e si avvicina alla psicoanalisi e alla cura del pensiero. Ha poi quattro bimbi e un cane che insieme a tanta effervescenza aggiungono interessi nuovi, maggior attenzione per l’ambiente e gli antichi mestieri e saperi, lavorazione dell’argilla, uncinetto, raccolta e utilizzo delle erbe. Una moderna “Strega in famiglia”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Animali

Go to Top