Incendi in Australia: il commovente video del koala salvato dalle fiamme

in Animali|Biodiversità|News
Incendi in Australia: il commovente video del koala salvato dalle fiamme ultima modifica: 2019-11-20T15:35:17+00:00 da Evelyn Baleani
da

Sta facendo il giro del mondo il toccante video che vede una donna lanciarsi coraggiosamente tra le fiamme per salvare un koala in pericolo.

L’Australia è alle prese con incendi devastanti da decine di giorni. Roghi che stanno minacciando non solo il patrimonio forestale locale ma anche la fragile popolazione dei koala, specie che è già stata dichiarata “funzionalmente estinta”.

Il video del salvataggio

Le immagini catturate dal video inteneriscono il cuore. Il povero koala era intrappolato tra le fiamme, ustionato e in preda al panico, nei boschi di Long Flat, un villaggio rurale nel New South Wales. Solo il coraggio di una donna ha permesso di salvarlo da morte certa.

La donna, di nome Toni, si è lanciata nel bel mezzo del rogo, togliendosi la maglia e restando in reggiseno. Ha preso in braccio l’animale, proteggendolo con l’indumento appena tolto, e si è poi allontanata di corsa con la creatura.

Una volta raggiunto un luogo sicuro, Toni ha rinfrescato il koala con l’acqua per lenire il dolore delle bruciature e lo ha avvolto in una coperta. L’animale, ancora terrorizzato, è stato poi trasportato al vicino ospedale per koala di Port Macquarie.

Incendi in Australia: una seria minaccia per la sopravvivenza dei koala

Gli incendi in Australia hanno provocato diversi morti, distrutto centinaia di abitazioni e di fabbricati rurali, oltre che milioni di ettari di vegetazione. Anche gli animali non sono stati risparmiati. Secondo una stima, si aggirano intorno ai 400 i koala deceduti fino a questo momento, senza contare le perdite di esemplari di altre specie.

Come evidenziato dal WWF Australia, «L’eccessivo disboscamento, lo sviluppo agricolo e urbano, e gli incendi senza precedenti, favoriti anche dal riscaldamento globale, in soli 30 anni potrebbero portarci via per sempre i koala che vivono all’interno del “Triangolo di Koala”, un’area che si estende da Noosa nel Queensland meridionale a Gunnedah nel nord-est del New South Wales».

koalaIn soli venti anni, nel New South Wales e del Queensland le popolazioni dei koala si sono già quasi dimezzate come conseguenza della perdita di habitat, di investimenti causati dal traffico, di malattie e del cambiamento climatico in corso. Un quadro cupo che continua ad aggravarsi, anno dopo dopo. Gli esperti sono per di più convinti che le cose siano destinate a peggiorare.

Il WWF Australia ricorda che «La salvezza di questa specie dipende totalmente dagli alberi, che sono per loro cibo, riparo e sicurezza. Senza foreste, poi, i koala sono più esposti al rischio di essere investiti sulle strade o attaccati dai cani e maggiormente stressati e vulnerabili alle malattie. Perdere le foreste, significa perdere l’habitat primario dei koala, e mettere a serio rischio la sopravvivenza della specie nel prossimo futuro».

I dati, del resto, non lasciano dubbi. Attualmente rimane solo il 5% della popolazione di koala che viveva in Australia solo pochi secoli fa. Per l’ennesima volta risulta inoltre lampante l’importanza cruciale di tutelare il patrimonio forestale. Un’emergenza che riguarda da vicino non solo l’Australia ma il pianeta nella sua totalità. Perché, ricordiamolo bene, senza foreste non può esserci vita. Per nessuno.

[Cover Image Credits: Unilad]

Incendi in Australia: il commovente video del koala salvato dalle fiamme ultima modifica: 2019-11-20T15:35:17+00:00 da Evelyn Baleani
Tags:
Incendi in Australia: il commovente video del koala salvato dalle fiamme ultima modifica: 2019-11-20T15:35:17+00:00 da Evelyn Baleani

Web Content Editor freelance e Giornalista pubblicista. Si occupa di contenuti per i media (TV e Web) dal 2000. Dopo aver lavorato per alcuni anni in redazioni di società di produzione televisiva e Web Agency, ha deciso di spiccare il volo con un’attività tutta sua. Le sue più grandi passioni oltre l'ambiente? Il Web, la scrittura e la Spagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*