camminare david henry thoreau

Camminare di Henry David Thoreau, un classico del pensiero ecologico

in Ambiente|Libri
Camminare di Henry David Thoreau, un classico del pensiero ecologico ultima modifica: 2023-10-24T07:07:24+02:00 da Davide Mazzocco
da

Nelle pagine di Camminare di Henry David Thoreau si ritrovano i semi del pensiero ambientalista contemporaneo

Ogni volta che si legge un libro di Henry David Thoreau viene in mente l’assioma calviniano sui classici come libri che non smettono mai di dire ciò che hanno da dire.  Se il suo Disobbedienza civile continua a essere uno dei capisaldi del pacifismo, non sono da meno gli scritti che fanno del filosofo di Concord uno dei precursori del pensiero ecologista. Fra questi vi è sicuramente Camminare, pubblicato postumo nel 1863 con il titolo originale Walking, or the Wild.

In questo libro – edito da Mondadori con la traduzione di Maria Antonietta Prina – Thoreau sottolinea come il cammino agisca come una sorta di catalizzatore del pensiero ecologista. L’esercizio quotidiano del camminare va ben oltre i meri benefici fisici: “Penso che non riuscirei a mantenermi in buona salute, sia nel corpo che nello spirito, se non trascorressi almeno quattro ore al giorno – e generalmente sono di più – vagabondando per i boschi, per le colline e per i campi, totalmente libero da ogni preoccupazione terrena”.

Nel discorso proto-ambientalista di Camminare di Thoreau si manifestano i prodromi del femminismo (“Come possono le donne sopportare di essere confinate in casa ancor più degli uomini, io non lo capisco; ma ho motivo di ritenere che la maggior parte di esse non lo sopporti affatto”) e la rivendicazione del diritto di vivere, attraverso l’immersione nella natura, solo e soltanto il tempo presente (“Il pensiero di qualche lavoro si insinua nella mente e io non so più dove si trova il mio corpo, sono al di fuori di me. Vorrei, nei miei vagabondaggi, far ritorno a me stesso. Perché rimanere nei boschi se continuo a pensare a qualcosa di estraneo a quel che mi circonda?”).

Tra cielo e terra racconta la passione di Henry D. Thoreau per l’ornitologia

In Camminare, Thoreau si esprime criticamente nei confronti di un modello di sviluppo che prevede l’abbattimento delle foreste per far posto a nuove abitazioni, auspica che vengano bruciate le staccionate che determinano la proprietà privata e che le foreste vengano lasciate libere di crescere.

Uno dei brani migliori del libro è proprio una lungimirante apologia della natura come bene comune: “Ma verrà forse il giorno in cui questa terra sarà smembrata in parchi per così dire di svago, di cui solo pochi godranno in modo limitato ed esclusivo, in cui i recinti saranno moltiplicati e altre invenzioni respingeranno gli uomini sulla strada pubblica, e camminare sulla terra di Dio significherà attraversare senza permesso la terra di qualche gentiluomo”.

Anche se il suo libro si apre ricordando i cammini dei pellegrini, il filosofo statunitense sembra più vicino a una spiritualità panteista: “La natura possiede, io ritengo, un magnetismo sottile in grado di guidarci nella giusta direzione, se a esso ci abbandoniamo”.  La prossimità al mondo naturale e al “materiale grezzo della vita” ha il potere di rinvigorire, di creare orizzonti di senso per chi non si accontenta dei confini fissati dal consorzio umano.

Cammini autunnali: itinerari italiani per vivere i colori di questa stagione

Solo oggi, nel bel mezzo di una policrisi che ha già doppiato numerosi punti di non ritorno, ci si accorge di quanto fossero profetici gli scritti di Thoreau, di quanto lungimirante fosse un discorso capace di tenere insieme i prodromi del pacifismo e quelli dell’ecologismo. Fonte d’ispirazione della lotta non violenta del Mahatma Gandhi prima e di Martin Luther King dopo, il filosofo di Concord resta un modello non solo per i suoi scritti: nel 1846, quando gli Stati Uniti aggredirono militarmente il Messico, venne detenuto per qualche giorno per essersi rifiutato di pagare le tasse. Se ancor oggi si pratica l’obiezione fiscale lo si deve alla sua ostinata disobbedienza civile. E anche il mondo dell’ambientalismo gli è fortemente debitore: le sue parole sono state e continueranno a essere un importante punto di riferimento per tutti coloro che credono che un altro mondo sia possibile.

[Crediti fotografici Pixabay]

Camminare di Henry David Thoreau, un classico del pensiero ecologico ultima modifica: 2023-10-24T07:07:24+02:00 da Davide Mazzocco
Tags:
Camminare di Henry David Thoreau, un classico del pensiero ecologico ultima modifica: 2023-10-24T07:07:24+02:00 da Davide Mazzocco

Giornalista e saggista, ha scritto di ecologia, ambiente e mobilità sostenibile per numerose testate fra cui Gazzetta, La Stampa Tuttogreen, Ecoblog, La Nuova Ecologia, Terra, Narcomafie, Slow News, Slow Food, Ciclismo, Alp ed ExtraTorino. Ha pubblicato numerosi saggi fra cui “Giornalismo online”, “Propaganda Pop”, "Cronofagia" e "Geomanzia".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Ambiente

Go to Top