Dispersione idrica in Italia

Dispersione idrica in Italia, Legambiente fa luce su una situazione allarmante

in Ambiente|News
Dispersione idrica in Italia, Legambiente fa luce su una situazione allarmante ultima modifica: 2022-12-06T06:23:23+01:00 da Fabrizio Simone
da

Dispersione idrica in Italia, Legambiente accende i riflettori su un problema allarmante: ogni anno nel nostro Paese si consumano oltre 26 miliardi di m³ d’acqua.

La dispersione idrica in Italia è un problema serio.

A far luce sulla faccenda, è un report di Legambiente intitolato “L’impronta idrica come strumento di adattamento alla crisi climatica”.

Questo è il tema discusso nel corso del IV Forum Acqua organizzato da Legambiente.

Diversi esperti di settore hanno preso parte alla discussione per ridurre i rischi e ottimizzare i consumi delle nostre risorse idriche. 

Siamo 8 miliardi, ora o mai più: stop alle emissioni di CO2 per arginare la crisi climatica

Legambiente riporta che ogni anno in Italia si consumano oltre 26 miliardi di m³ di acqua.

Il 55% circa della domanda proviene dal settore agricolo, il 27% da quello industriale e il 18% da quello civile.

Il prelievo di acqua supera però i 33 miliardi di m³ l’anno. Infatti, i consumi rappresentano poco meno del 78% dei prelievi a causa di un ammontare di perdite pari a circa il 22% del prelievo totale. Di queste perdite, il 17% si verificano nel settore agricolo e il 40% in quello civile.

Ma non finisce qui.

Secondo i dati del Water Footprint Network, infatti, l’impronta idrica dell’Italia è stimata in circa 130 miliardi di m³ all’anno, una delle più alte d’Europa, di cui il 60% è relativo all’acqua utilizzata per prodotti o ingredienti importati dall’estero.

Numeri non più sostenibili e su cui è necessario intervenire tempestivamente.

Possibili soluzioni

Legambiente ha proposto diverse iniziative per salvaguardare l’acqua. Vediamone alcune.

Allarme smog nel Bacino Padano, le proposte di Legambiente

Una in particolare riguarda l’impronta idrica e prevede l’affissione di un’etichetta sui prodotti per esplicitare al consumatore l’impatto che questo ha sulle risorse idriche, indirizzandolo verso consumi più consapevoli.

A livello urbanistico, invece, è necessaria una riqualificazione idrica degli edifici e degli spazi urbani.

Bisognerebbe, inoltre, diffondere il ricorso ai Regolamenti Edilizi comunali che indirizzano verso il risparmio idrico, il recupero delle acque meteoriche e/o di quelle grigie, completare la rete fognaria e realizzare interventi volti alla separazione delle acque reflue civili da quelle industriali e di prima pioggia.

Altrettanto importante, inoltre, è completare la rete di depurazione che ancora oggi risulta incompleta.

[Photo by Robert Anderson on Unsplash]

Dispersione idrica in Italia, Legambiente fa luce su una situazione allarmante ultima modifica: 2022-12-06T06:23:23+01:00 da Fabrizio Simone
Tags:
Dispersione idrica in Italia, Legambiente fa luce su una situazione allarmante ultima modifica: 2022-12-06T06:23:23+01:00 da Fabrizio Simone

Nato a Torino dopo essersi diplomato al Liceo di Scienze Umane ha iniziato gli studi al Dams. È ora al terzo anno e oltre allo studio si dedica alle sue passioni che comprendono la scrittura e la lettura di libri e fumetti. Ama andare a correre, disegnare e guardare più film e serie tv possibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Ambiente

Go to Top