Zone a basse emissioni

Zone a basse emissioni, progressi in tutta Europa, ma l’Italia fa eccezione

in Inquinamento|Mobilità
Zone a basse emissioni, progressi in tutta Europa, ma l’Italia fa eccezione ultima modifica: 2022-07-23T07:08:30+02:00 da Fabrizio Simone
da

Le zone a basse emissioni crescono in tutta Europa. Secondo uno studio di Clean Cities saranno 500 nel 2025, ma l’Italia è rimasta indietro.

Zone a basse emissioni, oltre 300 città europee hanno una zona a basse emissioni e saliranno a oltre 500 nel 2025.

Quasi 30 città di vari paesi (Francia, Paesi Bassi, Regno Unito, Danimarca, Svezia e Norvegia) passeranno da zone a basse emissioni a zona a zero emissioni.

Questi grandi progressi si registrano in tutta Europa, ma l’Italia fa eccezione.

I dati sono stati raccolti dalla campagna Clean Cities, nel rapporto lanciato mercoledì 20 luglio “The development trends of low – and zero emission zones in Europe”.

Race to Zero, la campagna per le emissioni zero in Italia

La situazione in Italia

L’Italia fa molto affidamento sulle restrizioni al traffico su base locale.

Tuttavia, sono ancora poche le vere zone a basse emissioni sul modello di Area C e Area B a Milano.

Nel nostro paese, infatti, mancano controlli sistematici da parte di varchi elettronici o polizia locali e anche a livello istituzionale manca una comunicazione efficace.

“Le zone a basse emissioni funzionano. È però essenziale che i sindaci comunichino efficacemente e per tempo, e che siano presenti misure di supporto alla transizione, quali ad esempio schemi che diano un accesso gratuito ai servizi di trasporto pubblico e di sharing mobility a fronte della rottamazione dei veicoli inquinanti. Le automobili stanno soffocando le nostre città, è ora di ricominciare a respirare” ha commentato Claudio Magliulo, Responsabile italiano della campagna Clean Cities.

Nove città italiane sono state selezionate dalla Commissione Europea per la missione “100 Climate-Neutral and Smart Cities”, che chiede a Bergamo, Bologna, Firenze, Milano, Padova, Parma, Prato, Roma e Torino di raggiungere le zero emissioni nette entro il 2030.

Inquinamento atmosferico, in Italia lo smog uccide 165 persone al giorno

L’obiettivo appare però impossibile da raggiungere visto che mancano piani concreti per raggiungere la neutralità climatica.

Servono, dunque, misure restrittive che producano non solo una riduzione dell’inquinamento dell’aria, ma anche un restringimento del parco veicolare privato.

Ricordiamo che l’Italia detiene un triste primato in Europa: 67 auto per 100 abitanti. 

[Photo by Alexander Popov on Unsplash]

Zone a basse emissioni, progressi in tutta Europa, ma l’Italia fa eccezione ultima modifica: 2022-07-23T07:08:30+02:00 da Fabrizio Simone
Tags:
Zone a basse emissioni, progressi in tutta Europa, ma l’Italia fa eccezione ultima modifica: 2022-07-23T07:08:30+02:00 da Fabrizio Simone

Nato a Torino dopo essersi diplomato al Liceo di Scienze Umane ha iniziato gli studi al Dams. È ora al terzo anno e oltre allo studio si dedica alle sue passioni che comprendono la scrittura e la lettura di libri e fumetti. Ama andare a correre, disegnare e guardare più film e serie tv possibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Inquinamento

Go to Top