Streets for Kids, la mobilitazione europea per chiedere più strade scolastiche

in Inquinamento|Mobilità|Scuola
Streets for Kids, la mobilitazione europea per chiedere più strade scolastiche ultima modifica: 2022-05-04T16:21:26+02:00 da Fabrizio Simone
da

Streets for Kids, migliaia di bambini e bambine in tutta Europa scendono in strada per chiedere più strade scolastiche.

Streets for Kids, venerdì 6 maggio bambini e bambine in tutta Europa scenderanno in strada con girotondi e biciclettate per chiedere più strade scolastiche.

La mobilitazione europea è stata lanciata dalla coalizione europea Clean Cities Campaign e coinvolge associazioni ambientaliste, gruppi di genitori e personale scolastico in 10 paesi europei.

In Italia ci sono oltre 50 iniziative in 12 città.

Sul sito sono disponibili materiali, vademecum e contenuti per organizzare la propria mobilitazione.

L’obiettivo è, dunque, quello di chiedere ai sindaci delle proprie città di chiudere progressivamente al traffico le strade di fronte alle proprie scuole.

Inquinamento, la classifica dei Paesi che hanno emesso più CO2 dal 1850 a oggi

L’importanza delle strade scolastiche

Le strade scolastiche sono uno strumento per ridurre l’inquinamento dell’aria nelle immediate vicinanze delle scuole.

A Londra, ad esempio, è stato dimostrato che le strade scolastiche hanno ridotto i livelli di biossido di azoto fino al 23%. Inoltre, è diminuito sensibilmente anche il traffico veicolare lungo tutto l’arco della giornata.

Le strade scolastiche sono, dunque, un tassello essenziale per una mobilità sostenibile a zero emissioni, che mette al centro lo spazio per le persone e riduce la centralità dell’auto nelle nostre città.

Nelle grandi città europee le strade scolastiche sono già una realtà: 500 a Londra, 170 a Parigi, 120 a Barcellona.

La pista ciclabile color arcobaleno più lunga del mondo nasce ad Utrecht grazie all’idea di uno studente

In Italia, invece, le sperimentazioni sono poche e spesso lasciate all’iniziativa volontaria dei genitori.

I risultati, in termini di efficacia, non sono eccellenti, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza.

“Tante bambine e bambini occuperanno le strade con giochi, girotondi, disegni, bici. Lo faranno insieme ai loro genitori, per affermare il loro diritto a respirare aria pulita, ad avere spazio per giocare, a muoversi in sicurezza da casa a scuola” ha commentato Anna Becchi, coordinatrice della campagna Strade Scolastiche per Clean Cities Italia. “Con questa mobilitazione in tutta Italia e in tutta Europa, chiediamo ai sindaci di impegnarsi per chiudere tutte le strade di fronte alle scuole materne, primarie e medie entro il 2030, cominciando dal nuovo anno scolastico”.

Nel video  in apertura viene illustrato passo passo come creare un’azione #StreetsForKids.

Streets for Kids, la mobilitazione europea per chiedere più strade scolastiche ultima modifica: 2022-05-04T16:21:26+02:00 da Fabrizio Simone
Tags:
Streets for Kids, la mobilitazione europea per chiedere più strade scolastiche ultima modifica: 2022-05-04T16:21:26+02:00 da Fabrizio Simone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Inquinamento

Go to Top