Borgo Montedale, una borgata nel verde per cambiare vita

in Abitare|Lifestyle|Natura
Borgo Montedale, una borgata nel verde per cambiare vita ultima modifica: 2022-04-21T07:23:19+02:00 da Beatrice Spagnolo
da

Nelle Marche, il Borgo Montedale è in cerca di nuovi abitanti per ripopolare la zona. È il luogo ideale per vivere a contatto con la natura, lasciandosi alle spalle l’inquinamento e la frenesia della città

Siete stanchi del ritmo sfrenato che pervade ogni aspetto della vita di città? Desiderate allontanarvi dall’aria malsana che si respira per le strade brulicanti di gente? Niente paura, Bernardo Cumbo, con i suoi video su YouTube, accorre in vostro aiuto. Per l’appunto, in uno degli ultimi che ha realizzato, questo giovane youtuber racconta del Borgo Montedale, una piccola borgata immersa nella natura ed animata da grandi valori ed idee, portate avanti da persone intrepide e appassionate.

Una di queste è Mariano Matteucci, il promotore a capo del progetto di ripopolamento del luogo, il quale dichiara a Cumbo le sue ferme intenzioni e i suoi puntuali progetti per il futuro del villaggio che non solo lo ha visto crescere, ma ne ha conservato anche la storia dei predecessori.

Mariano è consapevole delle potenzialità del luogo ed è determinato a diffonderne la conoscenza anche presso coloro che nutrono dei dubbi in merito.

Egli infatti dichiara che: “Non servono i soldi, ma le persone. Senza le persone un posto è morto”.

E l’unico modo per far sì che la gente torni ad abitare questi territori dimenticati ma ancora ricchi di possibilità da sfruttare, è divulgare gli incredibili punti di forza di cui l’area in questione dispone.

Vivere lontano dalla città scegliendo di rimanere a contatto con la natura non vuol dire affatto rinunciare alle tecnologie moderne di oggi. Anzi, sono proprio queste innovazioni tecnologiche a renderlo possibile e di gran lunga preferibile alla vita urbana.

Vediamo quindi di seguito quali sono concretamente i vantaggi che il Borgo Montedale offre e come candidarsi per far parte del progetto di Mariano.

Appennino segreto: alla scoperta dei borghi dimenticati dell’Emilia Romagna

Per una scelta di vita più green, sostenibile e salutare

Il Borgo Montedale si trova in provincia di Pesaro Urbino, precisamente al confine tra le Marche, l’Umbria e la Toscana. Un territorio in cui la natura incontaminata regna incontrastata.

Gli Appennini della zona accolgono suggestive foreste e colline, ricche di ecosistemi e biodiversità. Gli spettacolari paesaggi e i panorami mozzafiato non mancano di certo. Si tratta di un vero e proprio paradiso per la flora e la fauna, oltre che per gli amanti della natura in generale.

Purtroppo, ad oggi, le borgate che popolano questi luoghi risultano per lo più abbandonate o dimenticate presso il vasto pubblico. Fino a settanta o sessant’anni fa, il numero degli abitanti del Borgo Montedale ammontava a circa 200 individui.

Ma con l’introduzione delle fabbriche nelle città e le prospettive di una vita migliore, moltissimi hanno deciso di lasciare la campagna per trasferirsi nei centri urbani, tentando di approfittare di queste nuove possibilità. Lo spopolamento progressivo di questi borghi ha portato a 18 il numero delle persone che oggi vivono a Montedale.

Recentemente però, la situazione è cambiata. La città, che prima sembrava offrire così tanti vantaggi, appare adesso un luogo non troppo ideale in cui viverci. L’inquinamento dell’aria, ma anche quello acustico e luminoso sono solo alcuni dei fattori che fanno tendere l’ago della bilancia verso una scelta di vita più vicina all’ambiente.

Come afferma Mariano, scambiare la propria salute fisica e quella dei propri cari per comodità o per denaro non è per nulla un buon affare. Ed è proprio questa la motivazione principale che spinge sempre più persone a scegliere di vivere in territori immersi nel verde, ristabilendo un rapporto di collaborazione con la natura che ci circonda.

Borghi da raggiungere a piedi: 6 località da visitare in modo lento e sostenibile

Il progetto di Mariano per Borgo Montedale

Mariano Matteucci è il principale promotore del progetto di rigenerazione del Borgo Montedale. Si occupa infatti di promuovere le bellezze naturali e le opportunità lavorative che un luogo del genere ha da offrire.

Dalle attività meramente tradizionali, come fare l’orto e il boscaiolo, fino a quelle più innovative come il farmacista che crea prodotti a base di erbe medicinali, di cui la zona è ben fornita.

La missione di Matteucci è quella di non far morire questo villaggio e la sua storia. E per farlo ha bisogno di persone che contribuiscano alla sua causa. Per questo motivo, Mariano è in prima linea nella ricerca di giovani che siano disposti non solo ad abitare le caratteristiche case della borgata, ma anche a fare attivamente la loro parte per ridare vita ai valori del paese.

Chiunque desideri sottoporre la propria candidatura deve mandare una mail sul sito di Borgo Montedale, dove vi sia riportata una breve presentazione di se stessi e un’indicazione sulle proprie idee da proporre a Mariano in merito al progetto di ripopolamento.

Per coloro che fossero interessati, non sono richiesti specifici requisiti, ma solo alcuni aspetti. Primo fra tutti, la disponibilità e l’altruismo verso gli altri.

Inoltre, un elemento imprescindibile è la voglia di lavorare e di mettersi in gioco, contribuendo a creare quel senso di comunità e sinergia fondamentale per vivere bene insieme.

[Immagine di copertina dal sito www.borgomontedale.it]

Borgo Montedale, una borgata nel verde per cambiare vita ultima modifica: 2022-04-21T07:23:19+02:00 da Beatrice Spagnolo

Beatrice Spagnolo, studentessa presso il dipartimento di Scienze della comunicazione. Ha conseguito la maturità classica presso il Liceo Classico Vittorio Alfieri di Torino. Curiosa e puntuale. Appassionata di storie e racconti. Ama il cinema e la musica. Viaggiare è la sua passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Abitare

Go to Top