eHabitat.it

Incendi in Sardegna, una catastrofe ambientale

Incendi in Sardegna

Incendi in Sardegna

Incendi in Sardegna, bruciati 20.000 ettari di territorio in un fine settimana. Gravi danni all’agricoltura e moltissimi animali preda delle fiamme. Per ricostruire i boschi e la macchia mediterranea serviranno 15 anni.

Gli incendi in Sardegna hanno bruciato oltre 20.000 ettari di territorio.

I danni all’agricoltura sono gravi e gli animali divenuti preda delle fiamme sono tantissimi.

Il fuoco, infatti, si è lasciato alle spalle carcasse di greggi e animali selvatici che popolavano i boschi. Le fiamme hanno raggiunto anche l’olivastro millenario “Sa Tanca Manna”, simbolo della città di Cuglieri.

Incendi in Siberia, più di due milioni di ettari di bosco divorati dalle fiamme

L’incendio ha colpito il Montiferru, l’Oristanese e l’Ogliastra. Fortunatamente, nelle ultime ore, una parte delle fiamme è stata domata permettendo di bonificare varie aree. Il fronte di fuoco attorno a Cuglieri è stato contenuto, tuttavia ne resta ancora qualcuno attivo attorno a Santu Lussurgiu e Suni-Bonarcado.

Dalla Grecia e dalla Francia sono arrivati quattro Canadair per aiutare a far fronte all’emergenza.

Al momento, sono al lavoro 57 unità operative a terra, di cui 28 provenienti dai comandi di Nuoro, Sassari e Cagliari e 29 dal locale Comando di Oristano.

Secondo Coldiretti, serviranno almeno 15 anni per ricostruire i boschi e la macchia mediterranea distrutti dalle fiamme che hanno raggiunto pascoli, ulivi, capannoni, fienili con le scorte di foraggio e mezzi agricoli.

Le cause del disastro sono ancora poco chiare.

Sembra che a generare le fiamme, alimentate dal forte vento degli scorsi giorni, sia stata un’auto incendiata venerdì sera a Bonarcado.

Tuttavia, data la vastità dell’area colpita, si sospetta che una o più persone abbiano innescato altri roghi.

A ciò si aggiunge una doverosa considerazione.

Deserto Verde a CinemAmbiente: la desertificazione dei boschi in Portogallo tra monocolture di eucalipto e incendi incontrollati

Negli ultimi decenni è aumentata la frequenza di condizioni meteorologiche che favoriscono gli incendi. La colpa è dovuta al cambiamento climatico che ha allungato i periodi di piogge durante gli inverni e di siccità durante le estati. È chiaro, dunque, che bisogna attuare tecniche di prevenzione, come un controllo più accurato della vegetazione, per evitare lo scoppio di grandi incendi.

[Foto: https://www.facebook.com/ItalianRedCross]

Incendi in Sardegna, una catastrofe ambientale ultima modifica: 2021-07-28T06:04:00+02:00 da Fabrizio Simone
Exit mobile version