ecopsicologia

Natura e psiche, che cos’è l’ecopsicologia

in Natura|Salute|Tecnologia e scienza
Natura e psiche, che cos’è l’ecopsicologia ultima modifica: 2021-06-22T06:33:36+02:00 da Valentina Tibaldi
da

L’ecopsicologia studia la relazione esistente tra il crescente disagio esistenziale, individuale e sociale, e l’aumento di degrado ambientale.

Assenza di natura e malessere psico-fisico. L’ecopsicologia studia la relazione esistente tra il crescente disagio esistenziale, individuale e sociale, e l’aumento di degrado ambientale che- complici un crescente grado di urbanizzazione e ritmi sempre più frenetici- hanno portato le persone ad allontanarsi via via dagli ambienti naturali.

Che cos’è l’ecopsicologia

Disciplina che -come dice il termine stesso- unisce ecologia e psicologia, l’ecopsicologia promuove un’ampia e nuova visione dell’essere umano e del mondo. Mira a modificare la prospettiva che definisce le nostre azioni, le nostre relazioni e la nostra salute da “antropocentrica” a “ecocentrica”.

Non solo la mente e i comportamenti umani sono, dunque, presi in considerazione, ma anche la reciproca influenza che l’uomo e il contesto ambientale esercitano l’uno sull’altro.

In particolare, l’ecopsicologia osserva come la necessità di entrare in contatto più profondo con se stessi sia strettamente collegata al bisogno di avvicinarsi in maniera più autentica alla natura.

Secondo tale disciplina, l’ambiente conta – e molto- nel condizionare la qualità della nostra vita.

Solastalgia, quando il deficit di natura causa malessere

Origine e diffusione

Il termine nasce nel 1989 a Berkeley, California. L’obiettivo? Unificare con un’unica denominazione diversi filoni di lavoro già esistenti, ciascuno con un nome diverso: psicologia verde, ecologia transpersonale, ecoterapia.

Floriterapia, il benessere e l’equilibrio che vengono dai fiori

Comincia ad affermarsi e farsi conoscere grazie al libro The voice of the Earth (1992) di Theodore Roszak, storico della cultura che ha fatto parte del gruppo di studio all’Università di Berkeley. Oggi l’Ecopsicologia è diffusa nei paesi di lingua anglosassone (Stati Uniti, Canada e Gran Bretagna) grazie al primo network internazionale ICE – International Community of Ecopsychology e sta cominciando a proliferare in tutto il mondo grazie alla IES – International Ecopsychology Society e alle sue 12 rappresentanze in Italia, Grecia, Spagna, Uruguay, Argentina, Messico, Cile, Brasile, Puerto Rico, Usa, Australia e Sud Africa.

In Italia, Ecopsiché – Scuola di Ecopsicologia è la prima realtà interamente dedicata alla divulgazione, all’insegnamento e all’applicazione dell’ecopsicologia. Attiva dal 2004, fa parte del Network internazionale di Scuole di Ecopsicologia riconosciute dalla IES –International Ecopsychology Society.

Di cosa si occupa l’ecopsicologia

I quesiti su cui l’ecopsicologia si interroga sono tra i più profondi e universali. Chi siamo? Qual è il legame profondo che lega l’uomo alla Terra? Che posto occupano gli esseri umani nel mondo, e quale dovrebbero occupare?

uomo nei boschi ecopsicologia

Nel riflettere intorno a tali questioni, l’approccio ecopsicologico invita l’uomo a cambiare, a livello collettivo, l’idea di sé come unico padrone del Pianeta e delle risorse naturali, introducendo in alternativa il concetto di essere umano come membro attivo di un mondo paritario e rispettoso di tutte le forme di vita. Un cittadino consapevole e resiliente che, attraverso l’autorealizzazione e la crescita personale, diventa funzionale al benessere del complesso sistema Terra.

Natura e psiche, che cos’è l’ecopsicologia ultima modifica: 2021-06-22T06:33:36+02:00 da Valentina Tibaldi
Tags:
Natura e psiche, che cos’è l’ecopsicologia ultima modifica: 2021-06-22T06:33:36+02:00 da Valentina Tibaldi

Lettrice accanita e scrittrice compulsiva, trova in campo ambientale il giusto habitat per dare libero sfogo alla sua ingombrante vena idealista. Sulla carta è laureata in Lingue e specializzata in Comunicazione per la Sostenibilità, nella vita quotidiana è una rompiscatole universalmente riconosciuta in materia di buone pratiche ed etica ambientale. Ha un sogno nel cassetto e nella valigia, già pronta sull’uscio per ogni evenienza: vivere di scrittura guardando il mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Natura

Go to Top