eHabitat.it

Caccia al lupo finalmente vietata anche in Slovacchia

Vietata la caccia al lupo in Slovacchia

Vietata la caccia al lupo in Slovacchia

Su pressione dell’Unione Europea e delle associazioni ambientaliste, la Slovacchia introdurrà da giugno il divieto di caccia al lupo. Nell’ultimo ventennio sono stati uccisi quasi 1800 esemplari.

Dal 1° giugno 2021 il lupo diventerà una specie completamente protetta anche in Slovacchia, con l’introduzione del divieto totale di caccia nei confronti di questo grande carnivoro, prezioso per l’ecosistema.

Il provvedimento è il risultato delle pressioni dell’Unione Europea, che nel 2013 aveva anche avviato una procedura di infrazione nei confronti del Governo slovacco, nonché di una recente campagna sostenuta da 31 associazioni e Ong ambientaliste, che in pochissimo tempo hanno anche raccolto 50 mila firme grazie a una petizione congiunta.

Uno studio sui toponimi ci svela la storia di lupi e orsi in Italia

Finora, invece, il Ministero dell’Agricoltura della Slovacchia autorizzava una quota annuale di caccia e l’uccisione legale dei lupi veniva permessa tra inizio novembre e metà gennaio. Nella stagione 2020-2021, addirittura, tale quota era stata incrementata e, nell’ultimo ventennio, si stima che siano stati abbattuti quasi 1.800 animali.

«A oggi in Slovacchia restano approssimativamente tra i mille e i duemila lupi, su una popolazione totale di 12 mila esemplari presenti in Europa -dichiarano i promotori della vittoriosa campagna anti caccia- Questi grandi carnivori selvatici sono minacciati anche dalla caccia illegale nonché dalla crescente frammentazione e contrazione dei loro habitat causata dalla costruzione di nuove infrastrutture. Purtroppo, infatti, i corridoi di migrazione sono ancora largamente ignorati durante il processo decisionale per lo sviluppo di strade, ferrovie, città, villaggi e zone ricreative».

Grazie alle pressioni dell’Unione Europea e delle associazioni animaliste, anche in Slovacchia dal 1° giugno 2021 sarà finalmente vietata la caccia al lupo.

Le associazioni ambientaliste hanno anche sottolineato il ruolo dei lupi nel contribuire a ridurre i danni a silvicoltura e agricoltura, causati da cervi e altri ungulati, il cui totale è stato stimato in decine di milioni di euro negli ultimi anni solamente per la Slovacchia.

«I lupi, come predatori superiori, giocano un ruolo vitale nel mantenere la natura in equilibrio -sottolinea Jerguš Tesák, esperto di grandi carnivori di Wwf SlovacchiaSe vogliamo davvero proteggere i lupi, dobbiamo proteggerli insieme ai loro habitat e alle loro rotte di movimento. Una popolazione di lupi sana ha anche un impatto positivo sul paesaggio: riduce la popolazione di cervi, previene il danneggiamento dei giovani alberi e sostiene il ripristino delle foreste naturali. Non c’è motivo di cacciare il lupo nel nostro paese».

Adottare un pastore… per proteggere i lupi!

E per proteggere gli allevamenti, spesso unica fonte di sussistenza per numerose famiglie, soprattuto nelle aree rurali della Slovacchia? «Stiamo lavorando con agricoltori, allevatori e apicoltori per ridurre i conflitti con la fauna selvatica, anche fornendo recinzioni elettriche e razze tradizionali di cani da pastore -sottolinea il Wwf- Inoltre è in fase di discussione una nuova legislazione per introdurre procedure di compensazione semplificate e più efficaci».

La caccia al lupo in Europa è vietata dalla direttiva 92/43/CEE sulla conservazione degli habitat naturali nonché della fauna e flora selvatiche (cosiddetta direttiva Habitat per la salvaguardia della biodiversità), cui di recente si sta adeguando anche la Spagna.

Sono però ancora diversi i Paesi in cui sono presenti quote di abbattimento e alcuni Stati -le repubbliche baltiche di Estonia, Lettonia e Lituania, oltre proprio alla Slovacchia- avevano concordato una legislazione speciale in merito fin dal momento della loro adesione all’Unione Europea nel 2003.

La Spagna vieta la caccia al lupo, decisione storica

Caccia al lupo finalmente vietata anche in Slovacchia ultima modifica: 2021-05-17T06:19:16+02:00 da Francesco Rasero
Exit mobile version