eHabitat.it

L’impatto antropico ha modificato i poli e l’asse della Terra

poli e l'asse della Terra

Uno studio sostiene che i mutamenti climatici e lo scioglimento dei ghiacciai hanno modificato i poli e l’asse della Terra

Si sa che l’attività antropica degli ultimi decenni ha generato una situazione ambientale insostenibile. Ora uno studio ha evidenziato che l’impatto dell’uomo ha modificato anche i poli della Terra e quindi, l’asse di rotazione.

Lo studio, pubblicato su Geophysical Research Letters, conferma che l’attività antropica ha modificato l’inclinazione del pianeta in due modi: provocando uno scioglimento accelerato dei ghiacciai e pompando in superficie l’acqua di falda.

Il cambiamento climatico altera il colore dei fiori

I poli sono i due punti in cui l’asse di rotazione terrestre incontra la superficie terrestre. Non sono, però, immodificabili: essi cambiano a seconda della distribuzione della massa del pianeta. Ma questo cambiamento avviene con estrema lentezza e normalmente verso sud, causato da fattori naturali come i movimenti geologici o le correnti oceaniche.

I dati dello studio rappresentano un grave campanello d’allarme. Secondo la ricerca del gruppo cinese, il Polo Nord e il Polo Sud si sono mossi di più di quattro metri verso est dal 1980 a una velocità senza precedenti. E il ritmo non fa altro che aumentare: la velocità tra il 1995 e il 2000 è stata diciassette volte maggiore rispetto a quella tra 1981 e 1995.

Una variazione così estrema della massa della Terra non è un fatto casuale: il riscaldamento globale provoca effetti catastrofici come l’innalzamento del livello del mare, le modificazioni della temperatura o, soprattutto, lo scioglimento dei ghiacciai. Questo fenomeno non solo modifica la proporzionalità della massa terrestre, ma mette tantissime specie a rischio, come ad esempio orsi polari e tartarughe.

La guida indispensabile al cambiamento climatico: un libro racconta cosa sta succedendo alla Terra

Non c’è nessun dubbio: le attività dell’uomo hanno ormai modificato tutto il sistema ambientale e quindi, il nostro pianeta. Infatti, sempre più esperti parlano di una nuova era geologica: l’Antropocene. Un termine divulgato dal premio Nobel per la chimica atmosferica Paul Crutzen per definire l’epoca in cui l’ambiente terrestre è fortemente condizionato a scala sia locale sia globale dagli effetti dell’azione umana.

Lo spostamento dell’asse della Terra è soltanto un’altra prova delle conseguenze delle nostre azioni e del fatto che, purtroppo, abbiamo già oltrepassato il limite.

L’impatto antropico ha modificato i poli e l’asse della Terra ultima modifica: 2021-05-13T12:52:57+02:00 da Carla Clúa Alcón
Exit mobile version