eHabitat.it

Disastro ambientale in Israele, spiagge piene di catrame

Disastro ambientale in Israele

Disastro ambientale in Israele: decine di tonnellate di petrolio si sono riversate sulla costa del Mediterraneo. Secondo gli esperti è la peggiore catastrofe ambientale degli ultimi dieci anni

Si tratta del peggior disastro ambientale in Israele secondo gli esperti. Uno sversamento di origine non chiara ha invaso di catrame i 170 km di costa mediterranea, mettendo a rischio ecosistemi e fauna. 

Le autorità temono che possano volerci mesi per recuperare completamente la costa dai residui e anni per riportare le condizioni ambientali a quelle originarie. Migliaia di volontari di diverse ONG si sono mobilitati per ripulire le spiagge e proteggere gli animali marini a rischio: effettivamente, sono già stati trovati uccelli e tartarughe ricoperti di petrolio.

Catastrofe ecologica in Germania: scomparsi tre quarti di tutti gli insetti volanti

Le cause di questo disastro ambientale in Israele non sono ancora chiare, però sembra che siano riconducibili alla fuoriuscita di greggio da qualche petroliera in navigazione nel Mediterraneo, a una cinquantina di km dalla costa. Circa una settimana fa, l’Agenzia Europea per la Sicurezza Marittima aveva già individuato una grande macchia scura nelle acque e adesso si stanno controllando le navi che hanno transitato in quella zona.

Anche la settimana scorsa, un cucciolo di balena di 17 metri è stato trovato morto nella spiaggia di Nitzanim, nel sud d’Israele. Dopo i fatti accaduti, le autorità e il Centro per la ricerca dei cetacei hanno deciso di effettuare l’autopsia per capire se la causa del suo decesso fosse riconducibile al disastro ambientale.

È troppo tardi per essere pessimisti: appunti per una nuova coscienza di classe ambientale

Il governo israeliano ha annunciato da domenica il divieto di balneazione, di praticare sport marittimi e di campeggiare sui 170 km di litorale interessato dal disastro ambientale. Una cattiva notizia che arrivava proprio nello stesso giorno in cui riaprivano hotel e stabilimenti turistici dopo mesi di chiusura per le restrizioni del Covid.

Nel frattempo, la marea nera è arrivata anche nelle coste libanesi e continua a propagarsi in tutta la fascia costiera incentivata dalle mareggiate e il vento forte.

Disastro ambientale in Israele, spiagge piene di catrame ultima modifica: 2021-02-26T13:00:54+01:00 da Carla Clúa Alcón
Exit mobile version