eHabitat.it

Emergenza clima: novembre 2020 è stato il mese più caldo della storia mondiale

emergenza clima

È emergenza clima: a livello globale, il mese di novembre 2020 è stato il più caldo da quando sono iniziate le rilevazioni

Nel pieno della pandemia legata al Covid-19 ci stiamo dimenticando di un’altra emergenza altrettanto importante, forse ancor più grave. Ci riferiamo al riscaldamento globale che continua a dare segnali inequivocabili.

Novembre 2020 è stato infatti il mese più caldo della storia del mondo. E l’Europa, quest’anno, ha registrato il suo autunno più caldo. È quanto emerge da un rapporto realizzato da Copernicus Climate Change Service, il programma di osservazione della Terra dell’Unione europea.

Un autunno record

I dati mostrano che il mese di novembre appena trascorso è stato di circa 0,8°C al di sopra del periodo di riferimento standard di 30 anni del 1981-2010. È stato inoltre più caldo di 0,1 gradi rispetto al novembre del 2019.

Cambiamento climatico, a rischio gli animali artici

Dal rapporto emerge inoltre che le temperature sono state per lo più superiori alla media in un’ampia regione che copre gran parte dell’Europa settentrionale, della Siberia e dell’Oceano Artico. Temperature sensibilmente superiori alla media si sono registrate anche in Sud America, in alcune aree degli Stati Uniti, in Africa meridionale, sull’altopiano tibetano, nell’Antartide orientale e in quasi tutta l’Australia.

Emergenza clima: cosa accade in Europa?

Nel nostro continente le temperature del mese che ci siamo da poco lasciati alle spalle sono state particolarmente elevate. Dai dati si rileva che si è trattato del secondo mese di novembre più caldo insieme a quello del 2009.

In generale, le temperature medie autunnali europee sono state più alte degli autunni passati, in particolare nelle zone settentrionali e orientali del continente.

Crisi climatica: la febbre del pianeta Terra

Come puntualizzato da Carlo Buontempo, direttore di Copernicus Climate Change Service presso il Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine, “a livello globale, novembre è stato un mese eccezionalmente caldo rispetto ad altri mesi di novembre, e le temperature nell’Artico e nel nord della Siberia sono rimaste costantemente alte, con la banchisa alla sua seconda estensione più bassa nel mese di novembre. Questa tendenza è preoccupante ed evidenzia l’importanza di un monitoraggio completo dell’Artico, in quanto si sta riscaldando più velocemente del resto del mondo“.

La Groenlandia perde più ghiaccio in questo secolo che negli ultimi 12.000 anni

I dati” – conclude l’esperto – “sono sintomi di un trend di riscaldamento a lungo termine e sottolineano che dobbiamo adottare misure per mitigare il rischio di impattare sul cambiamento climatico e, in ultima analisi, rispettare il limite fissato nell’Accordo di Parigi del 2015 di 1,5°C“.

È tempo di agire, insomma. Quante possibilità ci restano ancora per affrontare la crisi climatica, prima che sia troppo tardi? O lo è già?

Emergenza clima: novembre 2020 è stato il mese più caldo della storia mondiale ultima modifica: 2020-12-07T18:58:27+01:00 da Evelyn Baleani
Exit mobile version