Dighe in Bosnia Protest on Neretvica (c) Svjetlana Panic

Stop alle dighe in Bosnia ed Erezegovina, esultano gli ambientalisti

in Ambiente|Energia|News
Stop alle dighe in Bosnia ed Erezegovina, esultano gli ambientalisti ultima modifica: 2020-07-03T08:00:01+02:00 da Francesco Rasero
da

Con una decisione storica, il Parlamento di Sarajevo ha bloccato tutti i progetti di mini-impianti idroelettrici nel Paese, fermando la costruzione di centinaia di dighe in Bosnia ed Erzegovina.

Il Parlamento di Sarajevo ha approvato una moratoria su tutti i nuovi progetti per la costruzione di mini-impianti idroelettrici nel Paese: non saranno pertanto più autorizzate nuove dighe in Bosnia ed Erzegovina, come richiesto a gran voce da anni da numerosi movimenti ambientalisti.

I progetti già approvati, inoltre, saranno controllati per verificare se l’intero iter di autorizzazione è stato svolto legalmente.

DiCaprio si schiera in difesa del Vjosa, il fiume selvaggio d’Albania

Moratoria per le dighe in Bosnia, una vittoria per i cittadini

«Con questa decisione, il Parlamento della Federazione di Bosnia ed Erzegovina risponde a una richiesta di lunga data da parte degli ambientalisti e di ampie fasce della popolazione», esultano i promotori della campagna “Save the Blue Heart of Europe”, che mira a proteggere i fiumi più preziosi di tutti i Balcani (dalla Slovenia all’Albania) dalla costruzione di circa 3.000 nuove centrali idroelettriche di piccole dimensioni.

Lo storico voto è il risultato di una persistente opposizione in tutto il Paese contro la costruzione di questa tipologia di impianti. Nell’ultima manifestazione in ordine di tempo, all’inizio di giugno, oltre 350 persone hanno protestato e impedito l’inizio dei lavori di costruzione sul fiume Neretvica, un torrente vicino alla capitale bosniaca, unite dallo slogan “Lasciatemi scorrere!”.

Blue Heart, il documentario sulle lotte per difendere i fiumi dei Balcani

«Si tratta di un passo estremamente importante, che va nella giusta direzione e può servire da modello per tutti gli Stati balcanici e per l’intera Europa, poiché questa concezione dell’energia idroelettrica rappresenta una grave minaccia per la biodiversità e per le persone», commenta Ulrich Eichelmann, dell’Ong Riverwatch, uno dei coordinatori della campagna sovranazionale.

Dighe in Bosnia, centinaia di concessioni bloccate

«Le piccole centrali idroelettriche rappresentano solo un contributo simbolico alla produzione di energia elettrica, in tutto il continente europeo -aggiunge Gabriel Schwaderer di EuroNaturÈ ora di smettere di promuovere questo sfruttamento distruttivo dei fiumi».

La Bosnia ed Erzegovina veniva a oggi considerata il Paese maggiormente minacciato dalla costruzione di sbarramenti su corsi d’acqua incontaminati, con il rischio di compromettere rari ecosistemi rimasti finora intatti.

Dighe in Bosnia fiume Neretvica (c) Amel Emric
Dighe in Bosnia, la decisione del Parlamento blocca 15 nuovi impianti sul fiume Neretvica (foto di Amel Emric)

«Sono adesso in fase di revisione 15 progetti sulla Neretvica e centinaia in totale: ultimamente, infatti, era stato dato il via libera a nuove concessioni quasi ogni giorno, con svariate centrali idroelettriche già in fase di costruzione -sottolineano da Riverwatch ed EuroNatur, tra le promotrici di “Save the Blue Heart of Europe” insieme a un network di associazioni ambientaliste locali Il risultato? Conflitti sociali e letti di fiume aridi per la maggior parte dell’anno. Ora, fortunatamente, dovrebbe essere tutto finito».

Con la decisione del Parlamento, fiumi come Una, Šujica, Kruščica, parti della Neretva e, appunto, la Neretvica sono ora al sicuro.
Va tuttavia sottolineato che la moratoria si applica solo alla Federazione di Bosnia ed Erzegovina, ma non alla seconda entità del Paese ex jugoslavo, la Repubblica Srpska.

Dighe in Bosnia fiume Una ph Francesco Rasero
Dighe in Bosnia – Il fiume Una, che separa lo Stato bosniaco dalla Croazia (foto di Francesco Rasero / FVR!)

«È un momento storico per i nostri fiumi e la natura; tuttavia continueremo a vigilare, affinché la decisione del Parlamento non venga aggirata o sminuita -conclude Nina Kreševljaković, esperta legale dell’Aarhus Center di Sarajevo e membro del team legale della campagna Save the Blue Heart of EuropeDa oggi c’è molta più speranza che il “cuore blu” d’Europa continui a battere».

[Cover Image: un momento della recente protesta sul fiume Neretvica, in Bosnia – Foto di Svjetlana Panic]

L’Amazzonia d’Europa candidata a diventare Riserva della Biosfera Unesco

Stop alle dighe in Bosnia ed Erezegovina, esultano gli ambientalisti ultima modifica: 2020-07-03T08:00:01+02:00 da Francesco Rasero
Tags:
Stop alle dighe in Bosnia ed Erezegovina, esultano gli ambientalisti ultima modifica: 2020-07-03T08:00:01+02:00 da Francesco Rasero

Giornalista pubblicista, dal 1998 scrive su carta stampata e online. Oggi è vicedirettore di un giornale di informazione locale e gestisce Altrov*e, start-up che si occupa di copywriting e comunicazione. Ha lavorato per oltre un decennio nel settore ambientale, oltre ad aver organizzato svariati eventi culturali, in ambito artistico, cinematografico e teatrale. È appassionato di viaggi, in particolare nell’area balcanica e nell’Est Europa, dove ha seguito (e segue) alcuni progetti di volontariato. Ama conoscere, progettare, fotografare e stare a contatto con le persone. Ma ancora di più ama il rugby, i suoi gatti e la sua nuova famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Ambiente

Go to Top