Mascherina con tasca per filtro, come realizzarla in casa in pochi e semplici passaggi

in Coronavirus|Decrescita
Mascherina con tasca per filtro, come realizzarla in casa in pochi e semplici passaggi ultima modifica: 2020-05-03T16:40:54+00:00 da eleonora anello
da

Non è difficile autoprodurre una mascherina con tasca per filtro. In questo tutorial bastano pochi e semplici passaggi per realizzare un oggetto riutilizzabile, sicuro e sostenibile per l’ambiente.

Abbiamo scovato sui social il modello fai da te realizzato da Gaia, studentessa di Torino che crea mascherine per tutti coloro che ne hanno bisogno.

mascherina con tasca per filtro tutorial
Gaia studentessa di Torino, da quando è cominciato il lockdown si dedica alla realizzazione di mascherine per amici e conoscenti

Con l’inizio della Fase 2 è raccomandato indossare la mascherina quando si esce di casa e diventa obbligatorio «nei luoghi confinati aperti al pubblico, inclusi i mezzi di trasporto, e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento del distanziamento fisico», stando a quanto recita il DPCM del 26 aprile.

Lo stesso decreto specifica anche che «per la popolazione generale potranno essere utilizzate […] mascherine lavabili anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire una adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso».

Pertanto, siccome l’utilizzo di mascherine usa e getta non si addice a uno stile di vita ecologico e ad impatto che tende allo zero, abbiamo chiesto a Gaia di fornire aiuto a tutti i nostri lettori che vorranno mettersi all’opera.

Gaia all'opera con gli strumenti da cucito con cui realizza mascherine fai da te
Gaia all’opera con gli strumenti da cucito con cui realizza mascherine fai da te

Vantaggi della mascherina con tasca per filtro autoprodotta e riutilizzabile

Una mascherina autoprodotta è bella e utile innanzitutto perché è stata realizzata da noi. Possiamo sceglierne il colore e la fantasia e abbinarla con il nostro abbigliamento.

Vanità a parte, una mascherina in stoffa è un oggetto sostenibile per l’ambiente in quanto si può riutilizzare più volte e ci permette di produrre una quantità minore di rifiuti.
Inoltre la si può lavare più volte e può essere riutilizzata.

Infine, nel modello che vi presentiamo, è possibile aggiungere un ulteriore filtro per una maggiore protezione e un ricambio continuo.

Mascherine e sport: rischi e possibili precauzioni da adottare per fare attività fisica all’aperto

La mascherina con tasca per filtro autoprodotta è sicura?

Se alla mascherina si aggiungono una o più garze in Tnt, come indichiamo in questo tutorial, il dispositivo di protezione individuale può essere utilizzato in sicurezza da individui sani che escono di casa.

Il Tnt è un tessuto composto di polimeri sintetici. Secondo numerose ricerche ha una capacità di tenuta delle particelle virali (droplets) con cui si diffonde il Coronavirus paragonabile a quella delle mascherine chirurgiche e una forte capacità filtrante.

Anche il normale tessuto in cotone da cucito -stando a quanto riportato dal New York Times in un approfondimento che cita diversi studi condotti negli Stati Uniti- è uno dei materiali migliori tra quelli più facilmente reperibili per l’autoproduzione.

Mascherina con tasca per filtro, occorrente per la realizzazione

Mascherina fai da te 5 ph Francesco Rasero
Mascherina con tasca per filtro, l’occorrente
  • 2 pezzi di stoffa di cotone di dimensione 23×18 cm. Qui forniamo una misura standard. Molto dipende anche da chi l’andrà a indossare se un adulto o un bambino, un uomo o una donna.
  • 1 pezzo di tessuto non tessuto sempre 23×18 cm. Il Tnt è il tessuto con cui si realizzano i teli per proteggere le piante in inverno, le custodie degli abiti o delle scarpe. Noi abbiamo utilizzato una vecchia sporta.
  • 2 pezzi di elastico lunghi circa 18 cm. Anche in questo caso dipende dalle dimensioni del viso della persona che la dovrà utilizzare. È possibile una volta creata la mascherina prendere la misura esatta appoggiandola sul viso e misurando dalla mascherina all’orecchio. Ricordatevi di aggiungere a questa misura 1 cm per le cuciture
  • un righello e un metro da sarta
  • un gesso da sarta
  • forbici
  • una guida per le pieghe. Si realizza preferibilmente con un cartoncino sul quale è necessario tracciare delle linee al centimetro: 2,5; 5; 6,5; 9; 10;12,5 (vedi il modello nella foto).

Disinfettante mani fai da te, la ricetta e le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità

Mascherina con tasca per filtro, procedimento

1. Posizionare i due rettangoli di stoffa di cotone uno sopra l’altro con i dritti all’interno e i rovesci all’esterno. Mettere sotto alla coppia il Tnt.

mascherina con tasca per filtro- Tutorial
Punto 1, posizionare i tessuti che poi andranno rovesciati

2. Cucire uno dei due lati più lunghi.

mascherina con tasca per filtro tutorial
Punto 2, cucire il lato più lungo

3. Misurare dall’altro lato più lungo 7,5 cm da ogni angolo lasciando in mezzo un’apertura. Marcare con uno spillo e cucire fino a dove misurato da ogni angolo.

mascherina con tasca per filtro tutorial
Punto 3, realizzare l’apertura

4. Dai due lati più corti agli angoli fermare con degli spilli l’elastico tra i due strati di cotone.

mascherina con tasca per filtro tutorial
Punto 4, fermare l’elastico con gli spilli

Fare attenzione all’elastico, deve rimanere diritto e all’interno della mascherina.

mascherina con tasca per filtro tutorial
Punto 4, attenzione l’elastico deve rimanere all’interno dei due strati di tessuto in cotone

5. Cucire l’elastico da entrambi i lati passando più di una volta per non far scappare la fettuccia elastica.

mascherina con tasca per filtro tutorial
Punto 5, cucire più volte sopra l’elastico per assicurarsi che non scappi

6. Dall’apertura creata al punto 3 girare la mascherina nel verso giusto.

mascherina con tasca per filtro tutorial
Punto 6, rovesciare la mascherina, compiere l’operazione con delicatezza

7. Tirare bene gli elastici formando degli angoli retti.

mascherina con tasca per filtro tutorial
Punto 7, tirare la mascherina fino a formare degli angoli di 90°

8. Fare gli orli nell’apertura per evitare che la stoffa si consumi e per rifinire bene la mascherina facendo attenzione a non cucirli insieme.

mascherina con tasca per filtro tutorial
Punto 8, orlare l’apertura della mascherina di entrambi i lati

L’apertura non va chiusa al fine di aggiungere un eventuale ulteriore filtro.

9. Con l’aiuto dello schema preparato in precedenza, segnare con il gesso sul tessuto nel lato più corto della mascherina le misure riportate sulla guida di cartone. Ripetere l’operazione sull’altro lato della mascherina.

mascherina con tasca per filtro tutorial
Punto 9, utilizzare la guida preparata in precedenza per fare le pieghe

10. Sovrapporre verso l’alto il tessuto formando le pieghe e fermarle con gli spilli. Procedere prima da un lato e poi dall’altro.

Puntare con gli spilli le pieghe
Punto 10, puntare con gli spilli le pieghe

11. Cucire sui lati più corti per fermare le pieghe.

mascherina con tasca per filtro tutorial
Punto 11, cucire per fermare le pieghe

12. Per terminare la mascherina ripassare cucendo i lati più lunghi stando attenti a non chiudere l’apertura.

mascherina con tasca per filtro tutorial
Punto 12, la mascherina terminata

La mascherina è pronta, ora non vi resta che provarla per verificare le misure e la fattura.

mascherina con tasca per filtro tutorial
Prova della mascherina

Ora siete pronti per affrontare la Fase 2 in sicurezza e in modo chic!

Avete trovato utile questo tutorial? Avete altri modelli da suggerire? Segnalazioni nei commenti sotto, grazie!

[Foto di Francesco Rasero per eHabitat]

Mascherina con tasca per filtro, come realizzarla in casa in pochi e semplici passaggi ultima modifica: 2020-05-03T16:40:54+00:00 da eleonora anello
Tags:
Mascherina con tasca per filtro, come realizzarla in casa in pochi e semplici passaggi ultima modifica: 2020-05-03T16:40:54+00:00 da eleonora anello

Vive a Torino. E' giornalista pubblicista, laureata in scienze della comunicazione. Vegetariana ed ecologista, è appassionata di ambiente e di come viene comunicato. Ama il sole e non potrebbe fare a meno del mare. Si sente la paladina dell'ambiente. Per fortuna nella vita privata è mamma di due splendide bimbe che la portano con i piedi per terra. Odia parlare in pubblico e per questo... scrive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Coronavirus

Go to Top