api in città ape su girasole giallo

Api in città, piante da coltivare nei giardini o sui balconi per attrarle e nutrirle

in Animali|Biodiversità|Orto e giardino
Api in città, piante da coltivare nei giardini o sui balconi per attrarle e nutrirle ultima modifica: 2020-03-30T06:52:37+00:00 da Valentina Tibaldi
da

Brutto periodo per le api che, a causa dell’utilizzo massiccio di pesticidi chimici di sintesi, stanno morendo in massa, e stanno via via abbandonando la campagna per cercare rifugio in città. Creare piccoli habitat nel contesto urbano per questi preziosi insetti coltivando piante e fiori capaci di nutrirli può fare dunque, per loro, la differenza tra la vita e la morte.

Giardini e balconi fioriti diventano rifugi per le api

Se si desidera fare qualcosa di concreto per le api, dunque, piantare fiori ed essenze che le attirano e le nutrono nel proprio giardino o sul proprio balcone può essere un’ottima idea. Gli ortaggi che fioriscono, così come diversi tipi di erbe aromatiche, esercitano una grande attrattiva su insetti e api. Porre attenzione alla stagionalità delle piante garantisce di avere fioriture durante larga parte dell’anno, che donano nutrimento ai piccoli impollinatori nel corso di tutto il periodo vegetativo.

Orto sul balcone: come realizzare un angolo di verde in città

Come nutrire le api in primavera

La primavera appena iniziata, ad esempio, è propizia per abbellire i propri balconi o giardini con un’ampia varietà di fiori e piante dai molti profumi.

Tulipani

Il bulbo del tulipano va piantato nei mesi freddi, in terra o in vaso, per avere la fioritura in primavera. Esistono varietà di colori diversi di fiori di tulipano, dal bianco al viola, dal rosso all’arancione.

Erba cipollina

Erba aromatica molto utilizzata in cucina, produce fiori di un tenue viola, di cui gli insetti sono ghiottissimi.

Rosmarino

Erba aromatica resistente al freddo. I ramoscelli fioriscono in primavera con tonalità che vanno dall’azzurro al viola tenue.

Tarassaco

Il tarassaco è una pianta perenne che cresce spontaneamente in prati o giardini senza il bisogno di seminarla. Il caratteristico fiore giallo attira le api ed è una delle prime fonti di nutrimento dopo la fine dell’inverno.

tarassaco comune
Il tarassaco è uno dei fiori che attira maggiormente le api

Salvia

Arbusto che cresce in fretta e gradisce il sole. I suoi fiori dalle tonalità blu-violette sono molto graditi alle api.

Tarassaco: il depurativo naturale cui affidarsi dopo gli eccessi e nei cambi di stagione

Trifoglio

Presente in numerose varietà, è molto facile da coltivare e viene sempre più spesso scelto perché aiuta a migliorare la fertilità del terreno. Fiorisce da aprile a luglio.

Quali piante scegliere in estate

Borragine

Si tratta di una pianta annuale utilizzata in agricoltura e orticoltura come antiparassitario, in cucina come ingrediente per frittate e pasta fresca. Facile da coltivare, anche in vaso. I fiori, blu intenso, possiedono un’elevata quantità di nettare e attirano, dunque, le api.

Lavanda

Pianta rustica, che ben si adatta alle varie condizioni climatiche del nostro territorio. I fiori, del caratteristico colore blu-viola lavanda, rilasciano nell’ambiente una fragranza dalle innumerevoli proprietà.

ape su lavanda
I fiori di lavanda sono tra i preferiti dalle api

Basilico

Pianta aromatica conosciuta e molto utilizzata, il basilico produce dei fiori bianchi che sbocciano in estate e sono molto graditi alle api.

Girasole

Molto utile per la raccolta di nettare, da cui si produce un miele molto buono. Tuttavia, è fondamentale scegliere sementi biologiche e geneticamente non modificate per evitare di danneggiare le api.

Calendula

Pianta rustica che si adatta facilmente alle diverse condizioni ambientali. I suoi caratteristici fiori giallo-arancio attirano gli insetti impollinatori e sono molto conosciuti per le loro proprietà lenitive.

Calendula, il fiore amico delle donne: proprietà e rimedi per ogni stagione

Malva

Pianta erbacea perenne i cui fiori sbocciano da aprile fino ad ottobre e presentano una sfumatura violacea. Conosciuta per le sue proprietà antinfiammatorie ed emollienti, è anche una ricca riserva di nettare per le api.

Margherita

Pianta cespugliosa che fiorisce da maggio a settembre. Coltivata a scopo ornamentale sia in vaso sia in giardino per abbellire angoli rocciosi. Se coltivata in balcone, andrebbe posta in un angolo riparato e ben illuminato. Predilige terreni fertili, ricchi, umidi e ben drenati.

Quali piante scegliere in autunno

Topinambur

Della famiglia dei girasoli, il topinambur cresce anche spontaneamente e fiorisce con il suo giallo acceso in ottobre.

Crisantemo

Pianta perenne, coltivabile in vaso e resistente ai climi più freddi. A ottobre e novembre nei climi temperati, dona fiori dalle tonalità variopinte: rosso vivo, giallo dorato, lilla. Fondamentale per dare l’ultimo nutrimento alle api, prima dell’inverno.

Fiori vari, autoctoni e colorati

Le api si sono evolute con i fiori di campo, che variano naturalmente in base alla zona. Piantare fiori di campo vari e autoctoni sul proprio giardino o balcone, significa dare a questi insetti un porto sicuro in cui sostare e rifocillarsi.

balcone fiorito
Creare piccoli habitat nel contesto urbano per le api coltivando piante e fiori capaci di nutrirle può aiutarle a non estinguersi

Un buon metodo per sostenere diverse specie di insetti utili è non limitarsi a un paio di tipi di fiori, ma piantarne una grande varietà, con forme e colori differenti.

Con un po’ di pratica e di esperienza, scegliere piante e fiori in grado di nutrire le api diventerà sempre più facile e soddisfacente. In cambio, grazie all’instancabile lavoro di questi piccoli impollinatori, il nostro piccolo giardino o angolo fiorito risulterà splendido e rigoglioso.

🐝 Le api sono una specie in pericolo. Clicca qui e contribuisci alla loro salvaguardia 🐝

Api in città, piante da coltivare nei giardini o sui balconi per attrarle e nutrirle ultima modifica: 2020-03-30T06:52:37+00:00 da Valentina Tibaldi
Tags:
Api in città, piante da coltivare nei giardini o sui balconi per attrarle e nutrirle ultima modifica: 2020-03-30T06:52:37+00:00 da Valentina Tibaldi

Lettrice accanita e scrittrice compulsiva, trova in campo ambientale il giusto habitat per dare libero sfogo alla sua ingombrante vena idealista. Sulla carta è laureata in Lingue e specializzata in Comunicazione per la Sostenibilità, nella vita quotidiana è una rompiscatole universalmente riconosciuta in materia di buone pratiche ed etica ambientale. Ha un sogno nel cassetto e nella valigia, già pronta sull’uscio per ogni evenienza: vivere di scrittura guardando il mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Animali

Go to Top