Rifugi del Trentino da non perdere

Rifugi del Trentino da non perdere: ecco alcuni dei luoghi più spettacolari in cui sostare durante le escursioni ad alta quota

in Ambiente|Natura
Rifugi del Trentino da non perdere: ecco alcuni dei luoghi più spettacolari in cui sostare durante le escursioni ad alta quota ultima modifica: 2020-01-05T08:00:41+00:00 da GreenElle
da

I rifugi sono luoghi in cui sostare durante lunghe escursioni ad alta quota: eccone alcuni da non perdere in Trentino.

Rifugi del Trentino da non perdere: per vivere un’esperienza unica immersi nella natura dolomitica senza rinunciare al ristoro di una “casa” calda e confortevole.

Rifugi del Trentino da non perdere

I rifugi sulle Dolomiti permettono di fermarsi per una sosta durante lunghe passeggiate in montagna. Punto di arrivo e di ripartenza per gli escursionisti, rappresentano un luogo in cui rifocillarsi e riposarsi trascorrendo il tempo in compagnia di altri viandanti.

Rifugi
I rifugi sono luogo di arrivo e ripartenza per gli escursionisti in montagna.

Il rifugio T. Pedrotti

Il rifugio T. Pedrotti è il più antico tra i rifugi presenti sulle Dolomiti del Brenta. Questo suggestivo eremo si trova a 2491 metri di altitudine ed è una meta da raggiungere ammirando lo spettacolare paesaggio circostante.

Il rifugio Sette Selle

Il rifugio Sette Selle nella parte alta della Val di Mocheni, o Valle del Fersina, si colloca a 2014 metri di altitudine. Circondato dalle vette incontaminate del gruppo del Lagorai, questo rifugio offre la possibilità di godere dell’autenticità paesaggistica delle Dolomiti trentine.

Il rifugio Antermoia

A 2496 metri si raggiunge il rifugio Antermoia nella parte est del gruppo montuoso del Catinaccio. A pochi passi da questo rifugio si può ammirare l’omonimo lago, uno dei più alti laghi dolomitici di origine glaciale caratterizzato da acque color smeraldo.

Rifugio Antermoia nei pressi dellomonimo lago, il più alto tra queli dolomitici di origine glaciale.
Rifugio Antermoia: nei pressi dell’omonimo lago, il più alto tra quelli dolomitici di origine glaciale.

Il rifugio Mandrone-Città di Trento

Il rifugio Mandrone-Città di Trento si trova a quota 2442 metri in Alta Val di Genova nel Gruppo dell’Adamello. Da questo rifugio in 10 minuti di passeggiata ad alta quota si raggiunge il lago Mandrone, anch’esso di origine glaciale.

Il rifugio Mantova al Vioz

Per andare ancora più in alto ad ammirare gli spettacolari paesaggi naturali si può procedere verso il rifugio Mantova al Vioz. Situato a quota 3535 metri, è il più alto tra i rifugi delle Alpi orientali ed è collocato all’interno del parco nazionale dello Stelvio in Alta Val di Pejo.

Rifugi del Trentino da non perdere: ecco alcuni dei luoghi più spettacolari in cui sostare durante le escursioni ad alta quota ultima modifica: 2020-01-05T08:00:41+00:00 da GreenElle
Tags:
Rifugi del Trentino da non perdere: ecco alcuni dei luoghi più spettacolari in cui sostare durante le escursioni ad alta quota ultima modifica: 2020-01-05T08:00:41+00:00 da GreenElle

Vive a Roma ma mantiene saldo il legame con il suo sud. Appassionata di scrittura sul web, si interessa a tutto ciò che ruota intorno al mondo 'verde': dall'alimentazione cruelty-free alla mobilità sostenibile, dalla cosmetica ai rimedi naturali, il tutto nell'ottica del benessere per l'uomo e l'ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Ambiente

Go to Top