Asia Environmental Enforcement Awards 2019

Lotta ai crimini ambientali: assegnati in Asia gli Environmental Enforcement Awards 2019

in Ambiente|News
Lotta ai crimini ambientali: assegnati in Asia gli Environmental Enforcement Awards 2019 ultima modifica: 2019-11-13T14:56:18+00:00 da Francesco Rasero
da

Dalla lotta al bracconaggio alla repressione dei flussi illegali di sostanze inquinanti o dannose per l’ambiente: con gli Environmental Enforcement Awards 2019, l’Unep e l’Interpol hanno premiato dogane, parchi e funzionari di cinque Paesi asiatici in prima linea per contrastare i crimini ambientali.

Crimini Ambientali foto Tim Evanson Flickr
Cartello contro il bracconaggio (foto Tim Evanson – Flickr)

Il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (Unep) e l’Interpol hanno assegnato oggi, 13 novembre, a Bangkok, in Thailandia, i premi Environmental Enforcement Awards 2019 a cinque realtà asiatiche che si sono contraddistinte nella lotta contro i crimini ambientali.

I riconoscimenti incoraggiano i funzionari governativi e le istituzioni a combattere i reati ambientali e premiano l’eccellenza nell’applicazione delle norme.

premio crimini ambientali unep 2019 (foto François Langella - UNEP)
Le targhe del premio Unep-Interpol contro i crimini ambientali Environmental Enforcement Awards 2019 (foto François Langella – UNEP)

A ricevere i premi -creati con il sostegno del governo norvegese- sono state le dogane, i parchi e i funzionari delle forze dell’ordine di Cina, India, Indonesia, Laos e Singapore.

Crimini Ambientali foto ambasciata norvegese a Jakarta
Un’azione di contrasto al disboscamento illegale, uno dei crimini ambientali diffusi in Asia (foto Ambasciata norvegese a Jakarta, Indonesia)

Crimini ambientali, la quarta attività illegale al mondo

Dalla lotta al bracconaggio della tigre al soffocamento del flusso illegale di sostanze inquinanti che riducono lo strato di ozono: i vincitori dell’Environmental Enforcement Awards 2019 in Asia sono stati elogiati per i loro risultati, ottenuti anche grazie alla cooperazione transfrontaliera.

Crimini Ambientali Dudhwa Tiger Reserve
Il 75% delle tigri mondiali vive in India, dove purtroppo il bracconaggio resta uno dei crimini ambientali più diffusi (foto dal sito Dudhwa Tiger Reserve)

«Lavorando insieme, i funzionari premiati sono stati in grado di contrastare attività illegali che lacerano le fondamenta della società e danneggiano il nostro pianeta. Abbiamo bisogno di guardiani come loro per combattere quei crimini ambientali che stanno danneggiando la nostra casa comune», ha affermato Dechen Tsering, direttore regionale Unep per Asia e Pacifico.

crimini ambientali premio unep 2019 bangkok
Un momento della cerimonia di premiazione 2019 a Bangkok (foto François Langella – UNEP)

La criminalità contro l’ambiente è la quarta maggiore attività illegale al mondo, dopo il contrabbando di droga, la contraffazione e la tratta di esseri umani.

Il valore di crimini ambientali come il commercio illegale di fauna selvatica e prodotti forestali, lo scarico illegale di rifiuti, il contrabbando di sostanze che riducono l’ozono e l’estrazione illegale è stimato in oltre 250 miliardi di dollari all’anno.

Crimini Ambientali elefante asiatico foto Wikipedia
L’elefante asiatico è vittima di bracconaggio, legato al commercio illegale delle sue zanne in avorio (foto Wikipedia)

I vincitori dei premi 2019 contro i crimini ambientali in Asia

Questi i vincitori della quarta edizione dei premi Asia Environmental Enforcement Awards e le motivazioni ufficiali del premio assegnato da Unep e Interpol:

  • Ramesh Kumar Pandey, direttore sul campo, Dudhwa Tiger Reserve, India (categoria Impatto)
    Nell’aprile 2019, Pandey ha guidato un team della Dudhwa Tiger Reserve per arrestare un noto bracconiere, ricercato sia dall’India che dal Nepal, coinvolto in 11 casi di bracconaggio di tigri e collegato a una rete criminale che commerciava in tigri attraverso il confine. L’arresto è il risultato di un’indagine approfondita e della collaborazione con il Wildlife Crime Control Bureau in India, Interpol e il Central Investigation Bureau in Nepal. Pandey è stato anche aiutato dall’applicazione M-STrIPES (Monitoring System for Tigers-Intensive Protection and Ecological Status), un’applicazione mobile per rafforzare il pattugliamento e la sorveglianza delle tigri in India”.
Ramesh Kumar Pandey UNEP Crimini Ambientali
Ramesh Kumar Pandey, field director della Dudhwa Tiger Reserve in India, durante la premiazione ufficiale 2019 (foto François Langella – UNEP)
  • Ufficio nazionale di coordinamento anti-contrabbando dell’Amministrazione generale delle dogane cinesi (categoria Innovazione)
    L’Ufficio ha adottato metodi innovativi per rafforzare i controlli alle frontiere e individuare le attività di contrabbando di animali selvatici, ottenendo il sequestro di oltre 500 manufatti in avorio nel 2018 e di 5.323 articoli da gennaio a metà aprile 2019. I metodi utilizzati comprendono l’uso di indicatori e profili di rischio per tracciare gli invii postali, le spedizioni di merci e il traffico passeggeri, l’estrazione di dati dai telefoni di sospetti, il campionamento forense di sequestri su larga scala in combinazione con l’intelligenza artificiale per rilevare piccoli oggetti in avorio nei bagagli dei passeggeri aerei e nei pacchi postali”.
Funzionari doganali cinesi in azione per reprimere crimini ambientali (foto sito Amministrazione doganale della Repubblica Popolare Cinese)
Funzionari doganali cinesi in azione per reprimere crimini ambientali (foto dal sito dell’Amministrazione doganale della Repubblica Popolare Cinese)
  • Direzione generale delle forze dell’ordine, Ministero dell’ambiente e delle foreste, Repubblica di Indonesia (categorie Innovazione, Integrità e Leadership di genere)
    La Direzione generale delle forze dell’ordine dell’Indonesia, un’unità speciale per l’applicazione della legge nel settore della criminalità ambientale transfrontaliera, è stata selezionata per una serie di meriti. Sono stati innovativi nell’uso di strumenti digitali, istituendo pattuglie informatiche nei social media e nel commercio elettronico e utilizzando tecnologie geospaziali per rilevare i cambiamenti sulla superficie terrestre che indicano possibili attività illegali. La Direzione ha inoltre dimostrato un elevato livello di integrità, identificando e agendo sui casi di corruzione e collusione che coinvolgono il proprio personale. Infine, è stata promossa attivamente la leadership di genere, grazie alla nomina di funzionari di sesso femminile in posizioni dirigenziali e con l’istituzione di politiche e strutture a sostegno delle donne, come le sale per l’allattamento”.
Il Ministero dell'Ambiente e delle Foreste dell'Indonesia, in prima linea contro i crimini ambientali (foto François Langella - UNEP)
Il Ministero dell’Ambiente e delle Foreste dell’Indonesia, in prima linea contro i crimini ambientali (foto François Langella – UNEP)
  • Inter-agenzia tra Cina e Singapore (categoria Collaborazione)
    La Repubblica Popolare Cinese e Singapore hanno istituito gruppi di lavoro inter-agenzia sia all’interno dei loro Paesi che tra di i due Stati. Lavorando insieme per combattere il commercio illegale di fauna selvatica, hanno condiviso informazioni di intelligence e condotto operazioni congiunte, con significativi sequestri e arresti. La loro collaborazione è stata efficace, in particolare, nel sequestro di un carico di squame di pangolino nonché nello smantellamento e nella consegna alla giustizia dei membri di reti criminali transregionali che sostengono il contrabbando di fauna selvatica”.
Crimini Ambientali Pangolino foto Leonardo DiCaprio Foundation
Il traffico illegale delle squame di pangolino, o formichiere squamoso, è stato contrastato congiuntamente da Cina e Singapore (foto Leonardo DiCaprio Foundation)
  • Team ispettivo congiunto del Laos per l’ispezione dei refrigeranti (categoria Impatto)
    La Repubblica popolare democratica del Laos ha istituito il Joint Inspection Team (JIT) per affrontare l’applicazione di un sistema di licenze atto a controllare l’importazione e l’esportazione di sostanze che riducono lo strato di ozono. Il JIT ha impiegato una collaborazione intersettoriale unica nel suo genere e ha lavorato a stretto contatto con i governi locali per raggiungere svariati successi. Una recente ispezione del JIT ai mercati di Kua Luang e Nong Duang, ad esempio, ha visto confiscati oltre 700 kg di refrigeranti di contrabbando e i trasgressori sono stati consegnati alla Giustizia”.
Laos Unep Crimini Ambientali (foto François Langella - UNEP)
La consegna degli Environmental Enforcement Awards a un membro del Joint Inspection Team del Laos (foto François Langella – UNEP)

[Cover image courtesy of UNEP Photo by François Langella]

Lotta ai crimini ambientali: assegnati in Asia gli Environmental Enforcement Awards 2019 ultima modifica: 2019-11-13T14:56:18+00:00 da Francesco Rasero
Tags:
Lotta ai crimini ambientali: assegnati in Asia gli Environmental Enforcement Awards 2019 ultima modifica: 2019-11-13T14:56:18+00:00 da Francesco Rasero

Giornalista pubblicista, dal 1998 scrive su carta stampata e online. Oggi è vicedirettore di un giornale di informazione locale e gestisce Altrov*e, start-up che si occupa di copywriting e comunicazione. Ha lavorato per oltre un decennio nel settore ambientale, oltre ad aver organizzato svariati eventi culturali, in ambito artistico, cinematografico e teatrale. È appassionato di viaggi, in particolare nell’area balcanica e nell’Est Europa, dove ha seguito (e segue) alcuni progetti di volontariato. Ama conoscere, progettare, fotografare e stare a contatto con le persone. Ma ancora di più ama il rugby, i suoi gatti e la sua nuova famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Ambiente

Go to Top