eHabitat.it

Il peso ambientale delle cannucce di plastica

Qualsiasi oggetto di plastica, anche il più piccolo e apparentemente irrilevante, se non può essere riciclato, ha un grande impatto ambientale. Il discorso vale anche per le cannucce, i cui danni sono molto più gravi di ciò che si possa pensare, soprattutto perché utilizzate in enormi quantità.

Facciamo solo qualche esempio per farci un’idea della vastità del problema:

Si tratta solo di alcuni dati che, tuttavia, fanno riflettere. In un momento storico in cui i rifiuti e il loro smaltimento rappresentano un’urgenza sempre più pressante, viene spontaneo domandarsi quale sia la reale utilità di questi oggetti monouso, che nella maggior parte dei casi servono solo a soddisfare il puro piacere di sorseggiare una bevanda.

Cannucce di plastica: le iniziative per sostituirle

Da alcuni anni, questo dubbio si sta insinuando tra i proprietari di bar, ristoranti e locali, che aderiscono con crescente frequenza a programmi di sensibilizzazione, finalizzati a ridurre o eliminare le cannucce di plastica. È il caso della recente campagna colombiana Mejor sin pitillo (Meglio senza cannuccia), promossa da La Ciudad Verde, un movimento indipendente impegnato nell’ideazione di politiche pubbliche fondate sulla sostenibilità.

Ph. Credit: www.facebook.com/mejorsinpitillo

L’impegno non deve però riguardare solo i titolari di attività. Seppur così diffusi, questi oggetti non sono indispensabili e chiunque può rinunciare a usarli, senza alcuna fatica. Ma se, per pigrizia o per abitudine, risulta proprio difficile farne a meno, basta ricordare che esistono delle valide alternative eco-friendly, come le cannucce biodegradabili al 100% o quelle riutilizzabili, prodotte con materiali come il vetro o l’acciaio inossidabile.

Cannucce riutilizzabili – Ph. Credit: www.naturaliahealthbar.com

Semplici scelte, insomma, che possono fare una differenza sostanziale per la tutela dell’ambiente.

Il peso ambientale delle cannucce di plastica ultima modifica: 2016-08-11T08:30:24+02:00 da Evelyn Baleani
Exit mobile version