eHabitat.it

Cuciniamo con le erbe spontanee: la minestra di malva

Minestra di malva e patate

La ricetta di oggi è perfetta per la stagione in cui siamo, l’autunno. Iniziano i primi freddi ma a pranzo l’aria è ancora calda e ci si può togliere la maglia e godersi in libertà i raggi del sole.

Il piatto proposto è una minestra, perfetta con il freddo perché vuole e può scaldare, preparata però con un’erba spontanea che ricorda l’estate, la malva. Quale unione può meglio rappresentare culinariamente queste giornate?

La malva è un’erba buona e sana che si trova ovunque in primavera/estate, piena di fiori violetti, anche questi commestibili. Ha un’azione rinfrescante ed emolliente e le foglie e i fiori secchi ci permettono di ottenere una buona bevanda distensiva. Comunque le foglie si trovano nei prati anche adesso o da quei pochi verdurieri che trattano questo genere di prodotti.

Andiamo dunque alla ricetta, buonissima, mangiata con gusto anche dalle mie bambine!

Minestra di Malva. Ingredienti:

Una ventina di foglie di malva

Tre patate non troppo grandi, in questo caso ho usato le patate rosse

200 gr. di riso originario o Sant’Andrea o comunque un chicco non troppo grande

2 lt. di acqua

Sale

Olio evo

Lavare accuratamente le foglie di malva, anche i fiori se si trovano, e romperle grossolanamente. Pelare la patate, lavarle e tagliarle a tocchetti. In una pentola, a freddo, mettere tutti gli ingredienti tranne il riso. Cuocere una mezz’oretta e poi frullare velocemente per non ridurre tutto a purea oppure schiacciare semplicemente le patate a seconda della consistenza che si preferisce. Io preferisco frullare perché mi piace una minestra più cremosa. Aggiungere il riso e cuocere. Al termine della cottura far riposare un momento, versare nei piatti e concludere con un cucchiaio di olio crudo per piatto. Le dosi indicate sono abbondanti, infatti ne è avanzata anche per la sera e a me piace anche di più perché guadagna in morbidezza.

Buon appetito!

Cuciniamo con le erbe spontanee: la minestra di malva ultima modifica: 2014-10-25T08:30:39+02:00 da Sara Panarella
Exit mobile version