studio-4

Case sull’albero e turismo sostenibile: progetti nelle foreste dolomitiche e un villaggio in Piemonte

in Abitare|Lifestyle|Natura
Case sull’albero e turismo sostenibile: progetti nelle foreste dolomitiche e un villaggio in Piemonte ultima modifica: 2019-06-16T08:21:41+00:00 da Lucia Giannini
da

Una delle fantasie più audaci di tanti bambini, è sempre stata quella di possedere una casa sull’albero, o in alternativa un rifugio nascosto in mezzo alla natura, impenetrabile e rilassante.

Chi di noi da bambino non si è mai ritagliato uno spazio nell’immenso giardino dei nonni, arrampicandosi su un vecchio ciliegio o nascondendosi sotto un pino? Quelli diventavano presto solo alcuni dei tanti nascondigli che avremmo usato per i nostri giochi, ma sicuramente tra i più protetti; posti in cui le leggi dei grandi non esistevano.

Con l’età adulta diventa sempre più difficile nascondersi sotto agli alberi, ma la fascinazione per la possibilità di stabilire un contatto profondo con la natura anche in momenti di relax, resta e si iniziano a cercare valide alternative ai giochi d’infanzia.

A tal proposito, diventa curioso osservare come siano sorti col tempo numerosi progetti di turismo sostenibile che permettono a intere famiglie di trascorrere la notte in vere e proprie “case sugli alberi”.

Di recente, infatti, è stato reso pubblico il progetto dello Studio di Architettura Peter Pichler Architecture, che consisterebbe nel realizzare delle vere e proprie case nelle fitte Foreste Dolomitiche. Si tratterebbe di dimore in legno naturale (a ribadire il forte impegno dello Studio nel campo del design sostenibile e della difesa dell’ambiente) che rappresenterebbero l’estensione di un albergo già esistente.

Case sull'albero
Il Progetto dello Studio Peter Pichler Architecture

Il progetto, vincitore del London International Creative Competition e intitolato “Tree House Project” regalerà ai futuri dimoranti un’esperienza unica, a stretto contatto con l’ambiente circostante, in uno dei paesaggi montani più suggestivi in assoluto.

Sempre allo stesso Studio di Architettura, appartiene già un altro progetto simile: sulle Dolomiti Italiane a 2.000 metri d’altezza sono stati costruiti dei rifugi di ultima generazione. Il complesso sorge vicino alla funivia di Oberholz e ognuna di queste strutture è rivolta verso le montagne circostanti; a fare il resto della magia ci pensa una magnifica facciata in vetro che permette la fruizione dell’intero paesaggio, come se questo facesse parte dell’ambiente interno. L’intero complesso è stato costruito in legno (abete, larice, rovere), tutti alberi tipici della zona che esaltano la ricchezza dei materiali presenti sul territorio.

Rifugio sulle Dolomiti Italiane
Rifugio sulle Dolomiti Italiane

Non è, però, necessario pensare a grandi opere, o andare troppo lontano per godersi un’esperienza di questo tipo. Fin dal 2002, infatti, tra la Valchiusella e Castellamonte in Piemonte, esiste un vero e proprio villaggio di case sugli alberi, abitato da alcune famiglie che vivono in piena sintonia con la natura. Tali abitazioni, costruite prediligendo materiali del bosco o di riciclo, sorgono a circa 6 metri d’altezza in una foresta di castagni e sono collegate da ponti e passerelle. Senza dubbio una scelta di vita trasgressiva e  invidiabile!

Studio-2
Villaggio di case sugli alberi in Piemonte

Sicuramente quando il progetto dello Studio Peter Pichler Architecture sarà ultimato, le possibilità di trascorrere notti magiche, dentro delle vere e proprie case sull’albero saranno maggiori, e ci permetteranno di tornare a vivere quegli speciali sogni d’infanzia.

Case sull’albero e turismo sostenibile: progetti nelle foreste dolomitiche e un villaggio in Piemonte ultima modifica: 2019-06-16T08:21:41+00:00 da Lucia Giannini
Tags:
Case sull’albero e turismo sostenibile: progetti nelle foreste dolomitiche e un villaggio in Piemonte ultima modifica: 2019-06-16T08:21:41+00:00 da Lucia Giannini

Laureta in Lingue e attualmente iscritta alla facoltà di Comunicazione e Culture dei Media, cerca di compensare agli obblighi della vita da impiegata, dando sfogo alla sua più grande passione: la scrittura. Appassionata d'arte, cultura, letteratura e amante degli animali, è sensibile alle ingiustizie e ama il libero confronto

1 Commento

Rispondi a Enrico Annulla risposta

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Abitare

Go to Top