2019 anno del turismo lento

2019, Anno del turismo lento: alla scoperta dell’Italia, meta di viaggi sostenibili

in Muoversi|Natura|Viaggi
2019, Anno del turismo lento: alla scoperta dell’Italia, meta di viaggi sostenibili ultima modifica: 2019-01-14T08:00:13+00:00 da GreenElle
da

In contrasto con le vacanze mordi-e-fuggi, il 2019 è l’anno giusto per scoprire nuove forme di turismo. L’idea di un viaggio ispirato alla lentezza e alla scoperta autentica dei luoghi meno conosciuti.

2019, Anno del turismo lento: valorizzazione del territorio e ritmi ‘slow’ sono le parole d’ordine dei viaggiatori consapevoli nei prossimi 12 mesi.

Dopo l’Anno nazionale dei cammini (2016), l’Anno nazionale dei borghi (2017) e quello del cibo (2018), il 2019 è dedicato a un’idea di turismo sostenibile.

2019, Anno del turismo lento: cos’è

Sostenuto dall’ex ministro Franceschini, è stato annunciato in occasione della presentazione dell’Atlante digitale dei cammini.

Treni storici panoramici, itinerari culturali, cammini, ciclovie, passeggiate a cavallo e percorsi naturalistici sono il fiore all’occhiello di questo modo di intendere il turismo.

Il 2019 è anche l'anno di Matera come capitale della cultura
Il 2019 è anche l’anno di Matera, capitale europea della cultura.

Distanti da quello di massa, i viaggiatori ‘slow’ sposano una filosofia improntata a recuperare l’importanza del tempo e dell’autenticità. Più vicini ai ritmi della natura, questi turisti vivono esperienze in grado di allontanare almeno temporaneamente dalla frenesia moderna.

I luoghi ospitanti vengono così conosciuti e assaporati, riscoprendo memorie e artigianalità spesso dimenticate.

Il turismo lento è anche una forma di viaggio sostenibile in cui si prediligono mezzi di trasporto meno inquinanti. Muoversi a piedi o in bici è pertanto un must per questo tipo di esperienze turistiche.

2019, Anno del turismo lento e l’Atlante digitale dei cammini

2019 anno del turismo lento: spazio ai cammini a piedi o in bici.
2019, Anno del turismo lento: spazio ai cammini a piedi o in bici.

Il turismo lento rappresenta una grande opportunità per le mete lontane dalle principali rotte turistiche. Superando le forme di ricettività tradizionale, permette di riscoprire le dimensioni più autentiche dei luoghi ospitanti.

Il portale dei Cammini d’Italia costituisce una fonte di spunti grazie alla prima mappatura di percorsi a piedi e in bici. Siti UNESCO, borghi, grotte naturali e snodi sono alcuni dei 500 punti di interesse individuati nel Belpaese.

I percorsi di grandi rilievo storico, culturale, spirituale e naturalistico rappresentano un’ampia offerta turistica per un pubblico internazionale.

Da Nord a Sud si incontrano sentieri ispirati a figure della letteratura italiana, come il Cammino di Dante. Tra le vie più antiche e spirituali troviamo quelle legate alle vicende di santi, quali San Giacomo e San Romedio. Non mancano, infine, gli itinerari con grande valenza storica, come il Sentiero della Pace.

Dedicato alla conoscenza più che al consumo del territorio, lo slow tourism spinge a costruire una nuova identità del viaggiatore che riconquista la dimensione del tempo.

2019, Anno del turismo lento: alla scoperta dell’Italia, meta di viaggi sostenibili ultima modifica: 2019-01-14T08:00:13+00:00 da GreenElle
Tags:
2019, Anno del turismo lento: alla scoperta dell’Italia, meta di viaggi sostenibili ultima modifica: 2019-01-14T08:00:13+00:00 da GreenElle

Vive a Roma ma mantiene saldo il legame con il suo sud. Appassionata di scrittura sul web, si interessa a tutto ciò che ruota intorno al mondo 'verde': dall'alimentazione cruelty-free alla mobilità sostenibile, dalla cosmetica ai rimedi naturali, il tutto nell'ottica del benessere per l'uomo e l'ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Muoversi

Go to Top