Diritti di Madre Terra

Diritti di Madre Terra, gli Stati che li hanno inseriti in Costituzione e il dovere di tutti noi per farli rispettare

in Ambiente|Cultura|Natura
Diritti di Madre Terra, gli Stati che li hanno inseriti in Costituzione e il dovere di tutti noi per farli rispettare ultima modifica: 2019-01-08T08:00:08+00:00 da Mariangela Campo
da

Nel 2008 l’Ecuador ha scritto la Dichiarazione universale dei diritti di Madre Terra e l’ha inserita nella sua Costituzione, riscritta dopo un referendum popolare.

Nel 2010 la Bolivia ha seguito l’esempio dell’Ecuador, adottando il documento.

Evo Morales, il primo presidente indigeno a guidare la Bolivia, ha presentato la Dichiarazione all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (ONU) nel 2012, dicendo:

«Il XX secolo è stato il secolo dei diritti umani.

Il XXI secolo deve diventare il secolo dei diritti della Madre Terra e di tutti gli esseri viventi.

Per vivere in armonia con la natura dobbiamo riconoscere che non sono solo gli esseri umani ad avere diritti, ma anche il pianeta, gli animali, le piante e tutti gli altri esseri viventi hanno diritti che dobbiamo rispettare.

Ciò che sta accadendo adesso a causa del cambiamento climatico è legato al mancato rispetto dei diritti di Madre Terra»

Foresta EcuadorChe cosa è cambiato da allora 

Dal 2008 a oggi sono state intraprese tante battaglie a favore della sostenibilità ambientale, ma gli ostacoli sono tanti: prima di tutto non c’è una definizione univoca su cosa sia la natura e, in secondo luogo, qualunque cosa essa sia non può far valere in autonomia i propri diritti.

Siamo noi esseri umani a dover rispettare e far valere i diritti della natura e della Terra.

Tuttavia questi diritti sono in conflitto con l’attuale idea di sviluppo. Il progresso è necessario per vivere meglio mentre le estrazioni negli Stati del Sudamerica come Ecuador e Bolivia dimostrano il contrario, servono per fornire materie prime agli Stati ricchi del Nord  del mondo a discapito dei paesi in via di sviluppo.

Inoltre, gli incentivi offerti ai difensori della sostenibilità ambientale sono nulla rispetto agli interessi economici e politici in gioco.

Infine, le regole sui diritti di Madre Terra sono in contraddizione sia a livello locale e regionale sia a livello nazionale: la Bolivia, ad esempio, in questi anni ha conosciuto una crescita del Pil del 5% arrivando al 6,5% nel 2014, mentre la disoccupazione è scesa al 3% e la povertà si è ridotta dal 38% al 18%.

Tutto questo però convive con problemi ambientali gravi: ogni anno si distruggono 700.000 ettari di foreste, da cui si estraggono minerali, soprattutto oro e zinco, e petrolio, oltre che legname sia per uso locale sia per esportazione.

Le popolazioni indigene, che vivono nelle foreste ferite a morte, protestano di continuo, soprattutto sulle concessioni petrolifere e minerarie, ma le loro lotte in favore di una vita sostenibile non lasciano alcuna eco.

diritti di Madre terra: indigeno, BoliviaAlcuni punti della Dichiarazione universale dei diritti di Madre Terra

Ecco alcuni punti della Dichiarazione, in cui si legge che Madre Terra e tutti gli esseri che la compongono hanno i seguenti diritti:

  1. Diritto alla vita e a esistere;
  2. Diritto a essere rispettata;
  3. Diritto alla rigenerazione della sua biocapacità e continuazione dei suoi cicli e processi vitali liberi da alterazioni umane;
  4. Diritto a mantenere la sua identità e integrità come esseri differenziati, auto-regolati e correlati;
  5. Diritto all’acqua come fonte di vita;
  6. Diritto all’aria pulita;
  7. Diritto alla salute;
  8. Diritto a essere liberi da inquinamento, contaminazione e rifiuti tossici o radioattivi;
  9. Diritto a non essere alterata geneticamente e modificata nella sua struttura in modo da non minacciare la sua integrità o funzionamento vitale e salutare;
  10. Diritto a un ristabilimento pieno e tempestivo per le violazioni dei diritti riconosciuti in questa Dichiarazione causati da attività umane.

BoliviaQuali sfide ci attendono?

La scelta è nostra: possiamo continuare a far finta di non vedere e rischiare la nostra distruzione e quella della Terra in cui viviamo.

Oppure possiamo collaborare, un passo alla volta, e ridurre il nostro impatto sull’ambiente prendendoci cura del pianeta.

Possiamo decidere di vivere identificandoci con gli altri esseri umani, senza averne paura: siamo cittadini di Stati diversi ma di un mondo solo.

Il primo passo da fare è informarci: capiamo che cosa possiamo fare concretamente adesso, nella nostra casa e nella nostra comunità per una vita più sostenibile.

Diritti di Madre Terra, gli Stati che li hanno inseriti in Costituzione e il dovere di tutti noi per farli rispettare ultima modifica: 2019-01-08T08:00:08+00:00 da Mariangela Campo
Tags:
Diritti di Madre Terra, gli Stati che li hanno inseriti in Costituzione e il dovere di tutti noi per farli rispettare ultima modifica: 2019-01-08T08:00:08+00:00 da Mariangela Campo

Classe 1981, siciliana di origini e lombarda di adozione. È giornalista pubblicista, scrive per diverse testate online, svolge dei laboratori di giornalismo digitale nelle scuole medie ed elementari. Ha due bambini che le hanno insegnato a vivere green e a voler diffondere le buone pratiche della sostenibilità ovunque, soprattutto attraverso la scrittura. Ha studiato lettere, specializzandosi in scienze linguistiche italiane, perché è sempre stata convinta che solo imparando a parlare e a scrivere correttamente si possono diffondere messaggi che non si fraintendano. Ama leggere storie ai suoi figli e scovare sempre nuovi libri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Ambiente

Go to Top