distributore metano

Il gas auto è sostenibile? L’associazione Transport&Environment dice no e ci spiega perché

in Ambiente|Energia|Mobilità
Il gas auto è sostenibile? L’associazione Transport&Environment dice no e ci spiega perché ultima modifica: 2018-11-08T08:00:46+00:00 da Mariangela Campo
da

La Ong Transport & Environment ha pubblicato, a ottobre 2018, una ricerca, in cui afferma che in Europa il gas auto ha lo stesso impatto sull’ambiente di benzina e diesel.

Che si tratti di alimentare automobili, camion o navi, il gas naturale, il metano, ha prestazioni analoghe a quelle della benzina e leggermente superiori a quelle del diesel, quando questo rispetta i nuovi limiti RDE – Real Driving Emission – Euro 7.

auto a gasL’economia e la politica c’entrano anche col gas

Il metano si trova facilmente in Italia e in Europa, soprattutto in Russia. Per questo sia l’UE, sia molti governi nazionali, ne sostengono l’uso nei trasporti attraverso regolamenti, agevolazioni fiscali e sovvenzioni.

A sua volta, l’industria del gas considera il settore dei trasporti come un mercato in crescita costante, anche in seguito agli scandali di cui il diesel è stato protagonista.

Ma la ricerca della Ong con a capo Jori Sihvonen, ci dice che non esistono prove sul vantaggio dei veicoli a gas sulla base del fatto che contenga meno carbonio.

Gli studiosi ammettono anzi che «la scarsa efficienza del motore a gas spesso annulla i benefici già al tubo di scappamento».

Ciò significa che il metano non bruciato viene rilasciato nell’atmosfera non soltanto durante l’uso ma durante tutta la filiera, che comprende l’estrazione, il trasporto in forma liquida o gassosa, il rifornimento.

Oggi le emissioni medie delle perdite di metano nella filiera del gas fossile riguardano il 2,2% del gas prodotto, con una percentuale che varia tra lo 0,2% e il 10%: si capisce come questo abbia un impatto importante sul clima a livello mondiale.

Per questo la Ong chiede delle politiche basate sulle prestazioni misurate da test ufficiali dell’Unione Europea e non sul tipo di carburante utilizzato.

autobus a metanoL’impatto ambientale del gas

Per raggiungere l’obiettivo che l’Unione Europea si è posta durante gli accordi di Parigi, di ridurre le emissioni di gas a effetto serra di almeno l’80% entro il 2050, l’unica soluzione è passare a veicoli a emissioni zero, cioè elettrici e a idrogeno.

Ad oggi è improbabile riuscire ad azzerare le emissioni entro la metà del secolo, se consideriamo che il metano è un potente gas a effetto serra.

Come si legge nella ricerca «Nel 2010 il metano rappresentava il 20% delle emissioni globali di gas serra. Queste emissioni (550 Megatoni, Mt) crescono ogni anno di 25 Mt, con 17Mt di crescita legata all’estrazione di combustibili fossili».

piante di maisIl gas rinnovabile

Una soluzione al problema sarebbe produrre biometano in quantità tali da fornire per sempre carburante ai trasporti europei. Il che è impossibile.

Anche sognando di produrre quantità abnormi di biometano da investire solo nei trasporti, si arriverebbe a coprire tra il 6,2 e il 9,5% del loro fabbisogno energetico.

In più, solo il 4% del gas consumato in Europa è rinnovabile e viene prodotto principalmente da coltivazioni come il mais.

Ma il gas ricavato dal mais causa grandi quantità di emissioni indirette, dovute al cambiamento d’uso del suolo.

Il metano sintetico, prodotto con l’elettricità, è invece troppo costoso da produrre.

In questo articolo abbiamo tratteggiato solo i temi principali della ricerca della Transport & Environment che potete leggere per intero qui.

Il gas auto è sostenibile? L’associazione Transport&Environment dice no e ci spiega perché ultima modifica: 2018-11-08T08:00:46+00:00 da Mariangela Campo
Tags:
Il gas auto è sostenibile? L’associazione Transport&Environment dice no e ci spiega perché ultima modifica: 2018-11-08T08:00:46+00:00 da Mariangela Campo

Classe 1981, siciliana di origini e lombarda di adozione. È giornalista pubblicista, scrive per diverse testate online, svolge dei laboratori di giornalismo digitale nelle scuole medie ed elementari. Ha due bambini che le hanno insegnato a vivere green e a voler diffondere le buone pratiche della sostenibilità ovunque, soprattutto attraverso la scrittura. Ha studiato lettere, specializzandosi in scienze linguistiche italiane, perché è sempre stata convinta che solo imparando a parlare e a scrivere correttamente si possono diffondere messaggi che non si fraintendano. Ama leggere storie ai suoi figli e scovare sempre nuovi libri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Ambiente

Go to Top