villaggiodeigatti

Villaggio dei gatti: in Giappone la città a misura di felino che sembra disegnata da Miyazaki

in Animali|Viaggi
Villaggio dei gatti: in Giappone la città a misura di felino che sembra disegnata da Miyazaki ultima modifica: 2018-07-27T08:00:41+00:00 da GreenElle
da

Costruito su misura dei piccoli felini, il Villaggio dei gatti è la meta ideale per chi ama passare qualche ora circondato da code e vibrisse. Per visitarlo basta fare un salto in Giappone.

Il Villaggio dei gatti è un borgo che sorge alla periferia della città di Tokyo.

Si chiama Kichiijoji Petit Mura e ospita abitanti felini, liberi di vivere in questa piccolo contesto fiabesco costruito su misura.

Gatti e Giappone: Maneki neko e neko cafè

Il connubio tra gatti e Giappone affonda le sue radici nella storia e nella cultura del Paese del Sol Levante.

Basti pensare ai maneki neko (letteralmente ‘gatto che chiama’), tradizionali souvenir portafortuna che raffigurano mici con la zampa alzata. Secondo le credenze più diffuse, questi iconici gattini sarebbero di buon auspicio soprattutto per le attività economiche.

Villaggio dei gatti, insieme ai maneki neko e ai cat cafè descrive lamore del Giappone per gli esemplari felini.
Villaggio dei gatti: insieme ai maneki neko e ai cat cafè, descrive l’amore del Giappone per gli esemplari felini.

Altro simbolo della passione gattofila, i neko cafè sono locali che ospitano i felini. Originariamente nella città giapponesi sono sorti per offrire uno spazio in cui coccolare i gatti, difficili da far convivere nei condomini a causa dei rigidi regolamenti.

Attualmente i cat cafè sono diffusi in tutta Europa e permettono di recuperare gli animali altrimenti costretti a vivere nei gattili.

Villaggio dei gatti

Con il Kichiijoji Petit Mura si arricchisce questo indissolubile binomio tra gatti e Giappone. Nel villaggio alla periferia di Tokyo i mici possono vivere indisturbati accettando un po’ di visite umane.

Villaggio dei gatti:
Villaggio dei gatti: nel Temari no Oshiro si può prendere un drink in compagnia dei mici.

Lo stile di edifici e case è molto fiabesco e ricorda l’inconfondibile matita del maestro Miyazaki.

In particolare, turisti e gattofili sembrano apprezzare il Temari no Oshiro. Si tratta di un castello colorato dove è possibile fermarsi per un drink sotto lo sguardo sornione degli amici a quattro zampe.

Aperto tutti i giorni dalle 10 alle 21 prevede l’acquisto di un biglietto al costo di 1200 yen (circa 9 euro) nei giorni feriali. Durante la notte si può accedere pagando 5 euro. Per i giorni festivi, invece, occorre pagare 1600 yen (circa 12 euro) per entrare nel Kichiijoji Petit Mura.

Il rispetto delle norme è essenziale per garantire la serenità degli abitanti pelosi del villaggio.

In special modo è richiesto di non utilizzare il flash quando si scattano le foto. Non si può portare cibo ai mici e, infine, occorre resistere alla tentazione di prenderli in braccio.

In generale, nonostante la notevole affluenza turistica, questi gatti sono abituati al contatto con l’uomo e si mostrano del tutto a loro agio.

Non resta che segnarsi questa imperdibile meta per sognare gli scenari dello Studio Ghibli circondati dai felini

Villaggio dei gatti: in Giappone la città a misura di felino che sembra disegnata da Miyazaki ultima modifica: 2018-07-27T08:00:41+00:00 da GreenElle
Tags:
Villaggio dei gatti: in Giappone la città a misura di felino che sembra disegnata da Miyazaki ultima modifica: 2018-07-27T08:00:41+00:00 da GreenElle

Vive a Roma ma mantiene saldo il legame con il suo sud. Appassionata di scrittura sul web, si interessa a tutto ciò che ruota intorno al mondo 'verde': dall'alimentazione cruelty-free alla mobilità sostenibile, dalla cosmetica ai rimedi naturali, il tutto nell'ottica del benessere per l'uomo e l'ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Animali

Go to Top