prodotti per la pulizia inquinanti

Prodotti per la pulizia inquinanti: una recente ricerca rivela le fonti di inquinamento presenti in casa

in Ambiente|Benessere|News
Prodotti per la pulizia inquinanti: una recente ricerca rivela le fonti di inquinamento presenti in casa ultima modifica: 2018-02-25T08:00:30+00:00 da GreenElle
da

Prodotti per la pulizia inquinanti: secondo alcuni studi il loro effetto sui polmoni sarebbe paragonabile a quello del fumo di 20 sigarette al giorno.

Prodotti per la pulizia inquinanti: fonti di inquinamento in casa

I prodotti per la pulizia inquinanti sembrano responsabili dell’emissione di polveri sottili pericolose per la nostra salute. Lo rivela una recente ricerca, di cui vi illustriamo i risultati.

Lavare la vasca da bagno con un detergente chimico o verniciare una mensola sono attività domestiche normalmente non associate a particolari rischi. Allo stesso tempo spruzzare un profumo o mettersi lo smalto per unghie sono gesti un tempo considerati del tutto inoffensivi per la salute.

Tuttavia, i più recenti studi riscontrano una realtà ben diversa. I prodotti per la pulizia e per la cura personale possono avere notevoli conseguenze inquinanti.

In particolare, una ricerca condotta nell’area di Los Angeles e pubblicata su Science ha stupito gli stessi ricercatori con i risultati ottenuti. Ozono e polveri sottili, infatti, sembrano provenire anche da prodotti chimici di uso domestico e quotidiano.

Prodotti per la pulizia inquinanti: detergenti chimici per ligiene della casa possono rivelarsi dannosi per la salute.
Prodotti per la pulizia inquinanti: detergenti chimici per l’igiene della casa possono rivelarsi dannosi per la salute.

Fino a poco tempo fa i veicoli erano considerati tra i maggiori responsabili dell’inquinamento atmosferico. La Environmental Protection Agency ha stimato che circa il 75% dei composti organici volatili (detti VOCs) provengono da combustibili.

Il 25%, invece, sarebbe dovuto all’impiego di prodotti chimici.

Questi composti, una volta degradati, si trasformano in particolato fine (PM 2,5). Tali polveri sottili sarebbero in grado di causare importanti problemi a livello respiratorio.

Prodotti di uso quotidiano contribuiscono ad inquinare più di quanto si potesse immaginare in passato. Tra questi compaiono spray per capelli, deodorante per ambienti, detergenti, profumi, colle e articoli per la pulizia. Al contempo le automobili, grazie alle varie normative sulle emissioni, sono state rese meno inquinanti rispetto al passato.

Prodotti per la pulizia inquinanti: anche profumi e deodoranti per ambienti sono una possibile fonte di inquinamento atmosferico.
Prodotti per la pulizia inquinanti: anche profumi e deodoranti per ambienti sono una possibile fonte di inquinamento atmosferico.

Prodotti per la pulizia inquinanti: possibili effetti sulla salute

L’emissione di VOCs nell’aria sembra essere legata a vari problemi per la salute dell’uomo. In particolare, mal di testa, problemi visivi, nausea, irritazione alle vie respiratorie e perdita di memoria sono i sintomi più facilmente riscontrati.

Non resta che andare nella direzione di una svolta green anche nell’ambito dell’igiene casalinga e della cura di sé. Leggere le etichette , autoprodurre e informarsi sulla qualità degli ingredienti è il modo migliore per utilizzare prodotti sicuri per la salute e poco inquinanti.

Prodotti per la pulizia inquinanti: una recente ricerca rivela le fonti di inquinamento presenti in casa ultima modifica: 2018-02-25T08:00:30+00:00 da GreenElle
Tags:
Prodotti per la pulizia inquinanti: una recente ricerca rivela le fonti di inquinamento presenti in casa ultima modifica: 2018-02-25T08:00:30+00:00 da GreenElle

Vive a Roma ma mantiene saldo il legame con il suo sud. Appassionata di scrittura sul web, si interessa a tutto ciò che ruota intorno al mondo 'verde': dall'alimentazione cruelty-free alla mobilità sostenibile, dalla cosmetica ai rimedi naturali, il tutto nell'ottica del benessere per l'uomo e l'ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Ambiente

Go to Top