Foresta di Sharwood

Inghilterra, la foresta di Sherwood minacciata dal fracking

in Ambiente|Biodiversità|Clima|Inquinamento
Inghilterra, la foresta di Sherwood minacciata dal fracking ultima modifica: 2018-01-19T13:30:10+00:00 da Marilisa Romagno
da

La grande foresta di Sherwood, in Inghilterra, celebre per essere la dimora del leggendario Robin Hood è messa in serio pericolo da alcune attività di ricerca di fracking, (fratturazione idraulica) concesse all’azienda petrolchimica Ineos.

Gli ambientalisti difendono la foresta di Sherwood

Ambientalisti e comuni cittadini protestano in difesa della grande foresta inglese, classificata come riserva naturale estesa per circa 423 km quadrati e che attrae ogni anno più di mezzo milione di turisti provenienti da tutto il mondo.

Fra tutte, l’associazione inglese Friends of the Earth ha denunciato la decisione del gruppo petrolchimico Ineos di avviare un’analisi sismologica della struttura geologica del bosco di Sherwood.

L’associazione ambientalista si è sentita ingannata dall’azienda petrolchimica che proprio l’anno scorso aveva assicurato che non avrebbe causato esplosioni nelle zone protette della foresta.

Guy Shrubsole dell’associazione Friends of the Earth protesta: “Ineos non si fermerà davanti a niente nella ricerca del gas di scisto, neanche alla foresta di Sherwood, casa di Robin Hood e uno dei nostri boschi più amati. Hanno ingannato tutti, promettendo pubblicamente di risparmiare le parti più ecologicamente sensibili della foresta di Sherwood dalle loro indagini sismiche invasive, mentre stavano negoziando a porte chiuse per portarle avanti”.

final_sherwood_fracking_fb
Friends of the Earth in difesa della foresta di Sherwood dal fracking

Cosa è il fracking

L’attività di fatturazione idraulica, anche detta fracking consiste nella perforazione del terreno per estrarre gas di scisto (shale gas)  intrappolato nelle rocce in profondità.  Per far emergere in superficie il gas si inietta un potente getto di acqua con aggiunta di sabbia e altri prodotti chimici.

Tale metodo è stato messo sotto accusa da molte associazioni ambientaliste e da molti Stati in quanto considerato molto pericoloso e sospettato di contribuire a provocare terremoti e inquinamento delle falde acquifere. Le prospezioni della Ineos in vista dell’attività di fracking costituiscono una prima tappa, necessaria per verificare la possibilità di utilizzare successivamente la fratturazione idraulica per estrarre il gas.  L’azienda petrolifera aveva messo a conoscenza gli abitanti della zona con delle lettere sull’intenzione di avviare i lavori di ricerca, ma Friends of the Earth è scettica sulle zone che aveva individuato.

Se le prospezioni geologiche alla fine verranno autorizzate, l’azienda comincerà ad effettuare i test nella foresta di Sherwood a qualche centinaio di metri dalla Grande Quercia (Major Oak), monumento secolare della cultura popolare inglese che vanta più di 800 anni di età. Tale quercia versa già in condizioni precarie di fragilità, infatti è sostenuta da alcuni cavi per evitare che i pesanti rami possano spezzarsi.

Major Oak, Nottingham, (treeoftheyear.org) foresta di Sherwood
Major Oak, Nottingham, (treeoftheyear.org)

Azioni e manifestazioni

Il caso della foresta di Sherwood minacciata dal fracking ha mobilitato tutti, cittadini e associazioni ambientaliste che hanno organizzato proteste e manifestazioni per la difesa della riserva a cui sono tanto affezionati. E’ stata lanciata una petizione al fine di chiedere al ministro dell’Energia Andrea Leadsom di non autorizzare le prospezioni della Ineos.

Friends of the Earth ribadisce: “Gli inglesi vogliono proteggere le loro campagne, e preferiscono le energie rinnovabili a soluzioni inquinanti come lo shale gas, che contribuiscono a rafforzare i cambiamenti climatici”.

Inghilterra, la foresta di Sherwood minacciata dal fracking ultima modifica: 2018-01-19T13:30:10+00:00 da Marilisa Romagno
Tags:
Inghilterra, la foresta di Sherwood minacciata dal fracking ultima modifica: 2018-01-19T13:30:10+00:00 da Marilisa Romagno

Pugliese doc e fortemente legata alla sua regione. Dopo la laurea in Scienze Naturali, ha frequentato corsi di formazione sui temi dell'Efficienza Energetica e delle Valutazioni Ambientali. Appassionata di scrittura, scrive ormai da anni di ambiente e sostenibilità per diversi magazine on line. Nella vita si occupa di consulenza e formazione aziendale. Per fortuna ha sposato un marito che come lei è super sensibile alle tematiche ambientali. A cosa non rinuncerebbe mai? A un bel piatto di pasta e a delle lunghe passeggiate in montagna lontano da casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Ambiente

Go to Top