mensa scolastica

Non solo mense scolastiche da incubo: ecco gli esempi virtuosi di mense italiane

in Alimentazione|Educazione|Food|Scuola
Non solo mense scolastiche da incubo: ecco gli esempi virtuosi di mense italiane ultima modifica: 2017-12-21T08:00:29+00:00 da Mariangela Campo
da

Quello delle mense scolastiche, in Italia, è un tema molto discusso tra genitori, dirigenti, insegnanti e amministrazioni comunali. E non sempre per gli aspetti positivi: infatti, sono tantissime le segnalazioni, da nord a sud, sull’abbassamento della qualità del cibo e sull’aumento delle tariffe.

Tuttavia, ci sono anche delle eccezioni: è il caso, per esempio, dell’Istituto di Campolongo Maggiore, in provincia di Venezia; la scuola Marconi di Grassina, in provincia di Firenze; della primaria Rio Crosio di Asti.

cibo biologico
Tra le mense scolastiche virtuose, quella di Campolongo Maggiore (VE) utilizza cibo biologico

La mensa biologica e sostenibile di Campolongo Maggiore, Venezia

La scuola di Campolongo Maggiore, in provincia di Venezia, ha ideato un modello di mensa sostenibile ed ecologica.

Da una richiesta del comitato genitori all’amministrazione comunale, è stato promosso un miglioramento del servizio mensa con lo scopo di:

– fornire ai bambini un menù preparato con ingredienti provenienti da agricoltura biologica

ridurre i rifiuti prodotti dalla mensa scolastica, attraverso l’utilizzo di piatti in ceramica e bicchieri in vetro, ed eliminando le bottiglie di plastica a favore dell’acqua del rubinetto in brocca, regolarmente controllata

– sensibilizzare le famiglie, i bambini, il corpo docente e dirigente e gli operatori sulla questione ambientale, attraverso progetti di educazione alimentare

bambini in mensa
Evitare gli sprechi nella mensa scolastica si può: lo insegna la primaria di Grassina (FI) (Ph. shutterstock)

Evitare gli sprechi nelle mense scolastiche si può

In provincia di Firenze, alla primaria Marconi di Grassina, è stato attivato un progetto particolare.

Nel corso dell’anno scolastico 2016/2017 i cibi non sporzionati alla mensa, rimasti integri nel loro contenitore, sono stati messi da parte e ridistribuiti.

Ciò è stato possibile grazie all’abbattimento della temperatura dei cibi (la scuola possiede, infatti, un abbattitore): significa sottoporre gli alimenti a un abbassamento di temperatura in tempi talmente brevi da evitare la naturale riproduzione dei batteri, conseguente alla preparazione dei cibi, così da non provocare danni nelle persone che li consumeranno.

Dopo aver abbattuto la temperatura, i cibi sono conservati in frigorifero, dopo essere stati etichettati con la descrizione degli ingredienti e la data di scadenza fino al sabato mattina.

Il sabato, presso la sede della Caritas cittadina, questi cibi sono distribuiti alle famiglie bisognose, attraverso genitori volontari e operatori della Siaf, la società che si occupa della mensa scolastica.

Nell’anno scolastico 2016/2017 sono avanzate circa tre porzioni per classe al giorno, per un totale di 8.900 porzioni di cibo, che sono state ridistribuite alle famiglie più bisognose.

Queste le parole del sindaco di Grassina:

«Si tratta di un’iniziativa educativa di grandissima importanza. Ai bambini innanzitutto s’insegna a finire tutto quello che c’è nel piatto, pietanze che la nostra società di refezione prepara con ingredienti di filiera corta e qualità riconosciuta da Slow Food.

Ma soprattutto a non sprecare ciò che avanza, perché tutto può essere recuperato: in questo caso a beneficio di persone più fragili, in difficoltà economiche.

Il progetto anti-sprechi, che durante l’anno scolastico è accompagnato da laboratori di cucina e incontri con le famiglie sul cibo, promuove quindi allo stesso tempo i principi di un’alimentazione sana, della sostenibilità e della solidarietà».

mensa scolastica
Scuola alimentare: un progetto scolastico per evitare gli sprechi nella mensa (Ph: Getty Images)

Scuola alimentare: zero spreco in mensa

Nella scuola primaria Rio Crosio di Asti, in Piemonte, è stata promossa un’iniziativa dal titolo Scuola alimentare: zero spreco in mensa”: si tratta semplicemente di assicurare a ciascun commensale la giusta porzione.

In questo modo si evita di sprecare cibo: le porzioni intatte avanzate, infatti, vengono donate alle persone in difficoltà economiche.

Ogni giorno una classe di 25 studenti avanza 6 porzioni di cibo: essendo i bambini della scuola 450, si riesce a donare ogni giorno circa quaranta porzioni.

A rendere realtà l’idea della scuola alimentare” è stato l’impegno del maestro Giampiero Monaca, che è convinto che l’ora del pranzo sia un tempo di didattica esattamente come quello delle lezioni, e per questo bisognava organizzare un flusso in grado di non sprecare stando attenti alla qualità dell’alimentazione dei bambini.

I bambini, grazie a questa iniziativa, hanno acquisito una maggiore consapevolezza del cibo imparando a servirsi solo delle quantità che effettivamente riescono a mangiare.

Quello che possiamo fare è passare parola

Come abbiamo visto da questi pochi esempi, esempi virtuosi di mense scolastiche esistono: basta diffondere i loro modi di fare anche ad altre realtà che vogliono raggiungere gli stessi obiettivi. Basta passare parola.

Non solo mense scolastiche da incubo: ecco gli esempi virtuosi di mense italiane ultima modifica: 2017-12-21T08:00:29+00:00 da Mariangela Campo
Tags:
Non solo mense scolastiche da incubo: ecco gli esempi virtuosi di mense italiane ultima modifica: 2017-12-21T08:00:29+00:00 da Mariangela Campo

Classe 1981, siciliana di origini e lombarda di adozione. È giornalista pubblicista, scrive per diverse testate online, svolge dei laboratori di giornalismo digitale nelle scuole medie ed elementari. Ha due bambini che le hanno insegnato a vivere green e a voler diffondere le buone pratiche della sostenibilità ovunque, soprattutto attraverso la scrittura. Ha studiato lettere, specializzandosi in scienze linguistiche italiane, perché è sempre stata convinta che solo imparando a parlare e a scrivere correttamente si possono diffondere messaggi che non si fraintendano. Ama leggere storie ai suoi figli e scovare sempre nuovi libri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Alimentazione

Go to Top