Drought

I cambiamenti climatici e i rifugiati ambientali, una questione tutta da affrontare

in Ambiente|Clima
I cambiamenti climatici e i rifugiati ambientali, una questione tutta da affrontare ultima modifica: 2017-12-11T08:00:21+00:00 da Sara Panarella
da

A livello globale gli spostamenti legati alle condizioni meteo colpiscono già circa 20 milioni di persone ogni anno, anche se non tutti possono essere attribuiti direttamente ai cambiamenti climatici“.

Queste le parole, riportate dall’Adnkronos qualche giorno fa, di John Slocum, ricercatore associato senior del CIDOB, Barcelona Centre for International Affairs, impegnato da anni a studiare migrazioni internazionali, sviluppo e politiche di immigrazione. Parole che il dottor Slocum ha proferito all’interno del suo intervento presso l’ottavo Forum Internazionale su alimentazione e nutrizione del Barilla Center for Food&Nutrition organizzato a Milano il 4 e 5 Dicembre scorsi.

Cambiamento climatico: cosa vuol dire?

Significa che i cambiamenti climatici, ormai sempre più tangibili e preoccupanti, stanno rendendo meno abitabili interi territori i cui abitanti dovranno spostarsi alla ricerca di luoghi più ospitali, più accoglienti, più vivibili.

crepa
Foto Klimkin

Da un lato desertificazione, dall’altra aumento del livello del mare. Due conseguenze dell’innalzamento delle temperature che si sta registrando in questi ultimi anni.

Infatti il 2016 risulta essere l’anno più caldo da quando si è iniziato a rilevare le temperature globali ed è il terzo anno consecutivo con questo record. L’aumento della temperatura è di 1,1° C dall’inizio dell’era industriale (fonte: Climate Change, Migration and Displacement, Greenpeace).

Le ripercussioni del cambiamento climatico sulla vita di un incredibile numero di persone furono prese in considerazione in un convegno organizzato lo scorso anno da Barbara Spinelli, eurodeputata del gruppo Gue/Ngl.

Significativo il titolo dell’evento: Il secolo dei rifugiati ambientali? Analisi, proposte, politiche.

Il rifugiato e il rifugiato ambientale

Nel suo intervento Barbara Spinelli fece una precisazione: i rifugiati ambientali non sono quelli a cui ci riferiamo quando pensiamo ai rifugiati in senso stretto, come cioè li intende la Convenzione di Ginevra. Redatta nel 1951, subito dopo la fine del secondo conflitto mondiale, la Convenzione specifica che possono chiedere asilo, quindi divenire rifugiati, coloro i quali hanno fondati motivi basati sul timore giustificato di essere perseguitati per motivi di razza, religione, appartenenza a un gruppo sociale, opinione politica.

cambiamenti climatici e rifugiati ambientali
Foto Hans

Il rifugiato ambientale non rientra dunque in queste situazioni, cosa che, avverte la Spinelli, rende difficile fornire aiuto internazionale se non quando il disastro ambientale è sfociato poi in guerra o persecuzione.

Inoltre cercano rifugio, almeno inizialmente, all’interno del proprio paese: sono Internally Displaced People, mentre il rifugiato “politico” chiede asilo in un paese diverso da quello da cui proviene. Gli Internally Displaced People rischiano così di entrare in una zona d’ombra, poco visibile dalla comunità internazionale.

pollution-2575166_960_720
Pixource

Emblematica la storia siriana. Il paese fu colpito tra il 2006 e il 2010 da una terribile siccità. Cause ne furono sfruttamento di terre e irrigazioni eccessive, in altri termini land grabbing e water grabbing. Quasi un milione e mezzo di siriani perse i propri mezzi di sussistenza con l’85 % di bestiame morto e la scomparsa di colture quali grano e orzo. Le prime rivolte possono essere ricondotte a questi fenomeni, a cui il conflitto geopolitico ha poi dato sviluppo e vigore.

Che fare dunque?

Secondo Slocum è necessario per i governi “superare il concetto di sicurezza nazionale che troppo spesso domina il dibattito politico.” E cita il Platform on Disaster Displacement, un’iniziativa volontaria internazionale che “promuove le buone pratiche e lo sviluppo di capacità che possono aiutare i governi e gli stakeholder a proteggere gli sfollati dai disastri naturali e dagli effetti dei cambiamenti climatici“.

earth-683436_960_720
Photoshopper24

Alla base rimane poi l’obbligo di mettere in pratica concretamente e su tutti i livelli le misure più adatte per ridurre le cause del cambiamento climatico a partire dalle emissioni di CO2. Livello di intervento non solo politico ma che riguarda la vita di noi tutti.

I cambiamenti climatici e i rifugiati ambientali, una questione tutta da affrontare ultima modifica: 2017-12-11T08:00:21+00:00 da Sara Panarella
Tags:
I cambiamenti climatici e i rifugiati ambientali, una questione tutta da affrontare ultima modifica: 2017-12-11T08:00:21+00:00 da Sara Panarella

Vive a Torino, bibliotecaria. Si laurea in Filosofia interessandosi di bambini e multiculturalità e si avvicina alla psicoanalisi e alla cura del pensiero. Ha poi quattro bimbi e un cane che insieme a tanta effervescenza aggiungono interessi nuovi, maggior attenzione per l’ambiente e gli antichi mestieri e saperi, lavorazione dell’argilla, uncinetto, raccolta e utilizzo delle erbe. Una moderna “Strega in famiglia”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Ambiente

Go to Top