bus londra

A Londra si cercano fondi di caffè per far muovere i mezzi pubblici

in Ambiente|Inquinamento|Riuso
A Londra si cercano fondi di caffè per far muovere i mezzi pubblici ultima modifica: 2017-12-08T08:00:13+00:00 da Mariangela Campo
da

I fondi di caffè, riutilizzati in modi innovativi per la cura della persona, della casa, del giardino e dell’orto, dallo scorso 20 novembre alimentano anche i tradizionali autobus rossi londinesi.

Da questa data, infatti, i bus di Londra funzionano anche con una piccola quantità di combustibile elaborato dagli scarti di caffè delle catene di caffetterie londinesi, in aggiunta al miscuglio di carburante diesel e biocombustibile con cui sono normalmente alimentati.

bus-london
Dal 20 novembre i bus di Londra funzioneranno anche con i fondi di caffè (Ph: GettyImages)

Nuove fonti di energia per muovere il trasporto pubblico

Nonostante le numerose iniziative per promuovere uno stile di vita green, come per esempio spostarsi in bicicletta o con i mezzi pubblici, Londra soffoca ancora sotto l’inquinamento.

Per tentare di diminuire la quantità di fumi tossici del carburante diesel utilizzato per i mezzi pubblici, i funzionari del trasporto inglese e le aziende stanno cercando nuove fonti di energia per far muovere gli autobus.

L’ultima “trovata” sono stati i fondi di caffè.

fondi di caffè
Fondi di caffè (Ph: Rifaidate)

I fondi di caffè si trasformano in biocarburante

I fondi di caffè usati come biocarburante hanno debuttato lunedì 20 novembre 2017 a Londra.

La start-up Bio-bean, in collaborazione con il colosso petrolifero Royal Dutch Shell, ha introdotto piccole quantità di olio prodotto dai fondi di caffè nel miscuglio di diesel e biocarburanti richiesto dalle autorità cittadine.

Secondo quanto si legge nel comunicato stampa della Bio-ben, il primo lotto di 6.000 litri alimenterebbe un autobus per un anno: i dati ufficiali del 2015, che si riferiscono al consumo di gasolio dei bus londinesi, riportano che questi consumavano circa 240 milioni di litri di gasolio all’anno.

Nonostante la loro tradizionale abitudine a gustare il tè, pare che i londinesi bevano in media 2-3 tazze di caffè al giorno, producendo circa 200.000 tonnellate di fondi da riutilizzare: la start-up raccoglie i rifiuti dalle caffetterie e dalle fabbriche e trasforma questi resti in olio.

Secondo un rappresentante della Bio-ben, «una volta che il fondo di caffè è stato lavorato, distillato, miscelato e mescolato con diesel minerale, l’odore viene rimosso», per cui non si sente profumo di caffè nell’aria londinese.

Secondo Arthur Kay, fondatore della start-up, quello di utilizzare i fondi di caffè come carburante «è un ottimo esempio di ciò che può essere fatto quando iniziamo a immaginare gli scarti o i resti di qualcosa come fonte primaria di materia non sfruttata».

biofuels
biocarburanti (Ph: Rinnovabili)

Che cosa dicono le autorità londinesi

Secondo quanto rilasciato dal Transport of London, azienda che gestisce il sistema di trasporto pubblico di Londra, le autorità vogliono garantire che un numero crescente di autobus venga alimentato da una miscela di diesel e biocarburanti prodotti da olio di scarto e resti delle aziende di lavorazione della carne.

Inoltre, molti autobus cittadini sono alimentati da motori ibridi; ancora, le autorità vogliono convertire almeno 300 autobus a un piano di funzionamento elettrico o a idrogeno, così da non emettere gas di scarico.

«Abbiamo una crisi sanitaria a Londra, causata direttamente dall’aria di scarsa qualità. Più di 9.000 londinesi muoiono prematuramente a causa dell’inquinamento dell’aria di Londra» ha dichiarato il sindaco Sadiq Khan in ottobre.

Ha rilasciato questa dichiarazione in seguito alla decisione delle autorità di introdurre un addebito alle persone che guidano, nel centro città, veicoli alimentati da motori diesel di vecchia generazione: la tassa si chiama T-charge, e costa 10 sterline.

Molto di più rispetto a una buona tazza di caffè bollente.

A Londra si cercano fondi di caffè per far muovere i mezzi pubblici ultima modifica: 2017-12-08T08:00:13+00:00 da Mariangela Campo
Tags:
A Londra si cercano fondi di caffè per far muovere i mezzi pubblici ultima modifica: 2017-12-08T08:00:13+00:00 da Mariangela Campo

Classe 1981, siciliana di origini e lombarda di adozione. È giornalista pubblicista, scrive per diverse testate online, svolge dei laboratori di giornalismo digitale nelle scuole medie ed elementari. Ha due bambini che le hanno insegnato a vivere green e a voler diffondere le buone pratiche della sostenibilità ovunque, soprattutto attraverso la scrittura. Ha studiato lettere, specializzandosi in scienze linguistiche italiane, perché è sempre stata convinta che solo imparando a parlare e a scrivere correttamente si possono diffondere messaggi che non si fraintendano. Ama leggere storie ai suoi figli e scovare sempre nuovi libri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Ambiente

vignetta ehabitat_incendi1

Le sorti degli ungulati

Si sente parlare spessissimo di “emergenza ungulati”. Caprioli e cinghiali, ormai diffusi
Go to Top