L'ambiente è di casa

uranio impoverito

Salto di Quirra, napalm seppellito nel poligono di Perdasdefogu

in Inquinamento|News|Salute
Salto di Quirra, napalm seppellito nel poligono di Perdasdefogu ultima modifica: 2017-08-07T08:00:02+00:00 da Davide Mazzocco
da

Per alcuni decenni il Poligono Interforze di Salto di Quirra-Perdasdefogu, in provincia di Nuoro, ha ospitato le sperimentazioni e i test su armamenti di nuova generazione dell’esercito italiano e di molti eserciti stranieri. Nell’apparente calma dell’idilliaca campagna sarda, in una zona a bassa densità abitativa, sono state utilizzate armi contenenti elementi altamente nocivi come l’uranio impoverito.

Le frequenti nascite di capi di bestiame deformi e l’elevato numero di leucemie e linfomi di Hodgkin (la malattia comunemente nota come Sindrome del Golfo) sia fra i militari operativi nella base che fra i pastori locali hanno spinto la magistratura a indagare sull’avvelenamento di un territorio da secoli dedito alla pastorizia.

proiettili armi

Nelle indagini, condotte con la collaborazione di medici e veterinari delle ASL di Lanusei e Cagliari e rese note nel gennaio 2011, sono emerse coincidenze statisticamente significative fra malformazioni di animali e tumori emolinfatici e l’inquinamento di nanoparticelle.

Nel luglio 2014 è stato comunicato il rinvio a giudizio di otto ex comandanti del Poligono di Perdasdefogu e del distaccamento di Capo San Lorenzo, in carica tra il 2004 e il 2010. Per tutti l’accusa è di omissione aggravata di cautele contro infortuni e disastri perché non avrebbero interdetto al pubblico le zone a rischio. Nel processo attualmente in corso al Tribunale di Lanusei è emerso come i terreni del Poligono Interforze di Perdasdefogu siano stati utilizzati come una sorta di “discarica” per armamenti tossici come il napalm.

Diverse intercettazioni di conversazioni fra i militari, facenti riferimento all’interramento del napalm, sono state messe agli atti del processo e diverranno oggetto del dibattimento.

Salto di Quirra

Il deputato di Unidos, Mauro Pili ha pubblicato sul sito Unidos.io lo stralcio più significativo di una missiva datata 23 agosto 1984 e dall’oggetto inequivocabile: Controllo Materiale Napalm. Si tratta di una comunicazione che ha come mittente il centro consultivo studi e ricerche dell’aeronautica militare e come destinatario l’ispettorato logistico dell’Aeronautica Militare, responsabile del trasbordo di tutte le armi, munizioni, bombe e missili da smaltire a Salto di Quirra.

La disposizione citata dall’ex governatore della Regione Sardegna non da adito a dubbi: “Per quanto concerne i 50 fusti in cattive condizioni (di cui all’oggetto) essi dovranno essere esaminati secondo i criteri prescritti dal T.C.; se da tali criteri il prodotto dovesse risultare non più utilizzabile , dovranno essere dichiarati fuori uso, e il prodotto distrutto. Tale distruzione pone problemi non indifferenti; il prodotto infatti brucia con difficoltà generando fumo ed è assolutamente impensabile disperderlo in acqua; pertanto la soluzione più ragionevole appare l’interramento, eventualmente dopo averlo rinchiuso in robusti sacchi di plastica per evitare l’inquinamento delle falde”.

dangerous-1282330_640

Interrare. Seppellire. Nascondere. Un esercizio che, anche metaforicamente, sta diventando sempre più complicato per l’Esercito Italiano. Sono oltre 340 i militari italiani deceduti e oltre 7650 quelli ammalatisi a causa di patologie derivanti dall’esposizione all’uranio impoverito (dati 2017 dell’Osservatorio Militare). I civili sono fuori da questo conteggio, così come lo sono i militari che si sono ammalati dopo essere stati esposti all’amianto nelle caserme, sugli elicotteri e sulle navi. E il napalm, l’arma “inaugurata” dagli Stati Uniti nella Seconda Guerra Mondiale e utilizzata massicciamente in Vietnam, che contributo ha dato all’inquinamento del territorio di Perdasdefogu? È, questa, soltanto un’altra delle verità da disseppellire per far crollare il muro omertoso che protegge i responsabili di una guerra invisibile che avvelena le persone e l’ambiente.

[Foto Pixabay]

Salto di Quirra, napalm seppellito nel poligono di Perdasdefogu ultima modifica: 2017-08-07T08:00:02+00:00 da Davide Mazzocco
Tags:
Salto di Quirra, napalm seppellito nel poligono di Perdasdefogu ultima modifica: 2017-08-07T08:00:02+00:00 da Davide Mazzocco

Giornalista e saggista, ha scritto di ecologia, ambiente e mobilità sostenibile per numerose testate fra cui Ecoblog, La Nuova Ecologia, Terra, Narcomafie, Slow Food, Ciclismo, Alp ed ExtraTorino. Ha pubblicato numerosi saggi fra cui “Giornalismo online” e “Propaganda Pop”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Inquinamento

Go to Top