L'ambiente è di casa

polluted-water-popsicles

Polluted Water Popsicles: ghiaccioli inquinati contro il degrado ambientale

in Ambiente|Arte|Inquinamento
Polluted Water Popsicles: ghiaccioli inquinati contro il degrado ambientale ultima modifica: 2017-07-03T08:00:19+00:00 da Alessandra Varotto
da

L’estate avanza, e con essa aumentano il caldo torrido e la voglia di refrigerio. Cosa c’è di meglio quindi di un colorato e dissetante ghiacciolo? (qui le istruzioni per prepararne di buonissimi, in casa).

Tuttavia nemmeno la giornata più calda del mondo potrebbe far venire voglia di assaporare i Polluted Water Popsicles, realizzati da tre studenti della National Taiwan University of Art utilizzando le acque più inquinate dell’isola.

Polluted Water Popsicles

Il progetto di Hung I-Chen, Guo Yi-Hui e Cheng Yu-Ti ha lo scopo di attirare l’attenzione sul problema dell’inquinamento idrico dovuto all’urbanizzazione incontrollata che ha avuto luogo a Taiwan dagli anni ’50 ad oggi, sensibilizzando al contempo l’opinione pubblica sull’importanza del rispetto dell’ambiente.

I tre giovani designers hanno raccolto da fiumi, laghi e porti nei dintorni di Taiwan un centinaio di campioni d’acqua inquinata, trasformandoli poi in altrettanti, disgustosi pezzi di ghiaccio. Questi sono stati quindi riprodotti utilizzando resina di poliestere, di modo tale da poter essere conservati e messi in mostra.

polluted-water-popsicles-10

Ma non è tutto. Per ogni singolo ghiacciolo è stato anche creato un apposito packaging colorato, che richiamasse il suo “gusto” e la provenienza dell’acqua con cui era stato realizzato.

Non bisogna lasciarsi ingannare dalle tonalità accattivanti di giallo brillante, rosa antico e verde smeraldo. Queste non sono infatti sinonimo di freschi gusti fruttati, bensì di colorazioni dovute a varie fonti di inquinamento. È difficile immaginare che cosa possa trasformare dell’acqua trasparente in un liquido viola scuro. Come si vede dal video caricato sulla pagina Facebook dedicata al progetto, i campioni d’acqua raccolti erano relativamente piccoli – circa una bottiglia per campione – rendendo ancora più inquietante la lunga lista di rifiuti trovati in una quantità d’acqua così esigua. I rifiuti raccolti variavano per tipologia, ma circa il 90% è risultato essere composto da plastica: tappi di bottiglia, sacchetti, involucri vari.

polluted-water-popsicles-5

L’inquinamento idrico non è un problema che riguarda soltanto Taiwan. Secondo dati del Pacific Institute, ogni giorno più di due milioni di tonnellate di acque inquinate vengono riversate nei fiumi e in mare, mettendo a rischio la salute dell’uomo e causando gravi conseguenze su molti ecosistemi naturali.

Il progetto Polluted Water Popsicles dei tre giovani designer di Taiwan costituisce un modo semplice ma efficace per farci riflettere sul problema dell’inquinamento idrico da una prospettiva totalmente nuova e diversa, capace di coinvolgere anche i più giovani.

polluted-water-popsicles-9

Coi loro colori sgargianti e il forte contrasto fra l’apparente dolcezza e il contenuto disgustoso, i ghiaccioli tossici hanno infatti fatto il pieno di cuoricini e like sui social media. Al progetto è stato inoltre recentemente assegnato il prestigioso Young Pin Design Award.

Qualcuno ha ancora voglia di un ghiacciolo?

Polluted Water Popsicles: ghiaccioli inquinati contro il degrado ambientale ultima modifica: 2017-07-03T08:00:19+00:00 da Alessandra Varotto
Tags:
Polluted Water Popsicles: ghiaccioli inquinati contro il degrado ambientale ultima modifica: 2017-07-03T08:00:19+00:00 da Alessandra Varotto

Classe 1985, si è laureata in psicologia sociale e della comunicazione presso l’Università di Padova, dove attualmente sta svolgendo un dottorato di ricerca volto allo studio e alla promozione di pratiche sostenibili quotidiane fra i cittadini. Nel tempo libero ama visitare luoghi nuovi vicini e distanti, dove fare lunghe passeggiate all’aria aperta godendo della gioia e della meraviglia che la natura è in grado di suscitare. Le piace mangiare bene (possibilmente bio e a km zero) in buona compagnia. Adora leggere ed elogia la lentezza come stile di vita più sano e sostenibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Ambiente

Go to Top