città che muore

Città che muore: Civita di Bagnoregio e Calcata, borghi fantasma del Lazio

in Ambiente|Cultura|Natura|Viaggi
Città che muore: Civita di Bagnoregio e Calcata, borghi fantasma del Lazio ultima modifica: 2017-05-12T08:00:28+00:00 da GreenElle
da

La vita semplice e lenta dei borghi sembra un lontano ricordo per chi abita in città. Nel Lazio si celano due tesori nascosti, emblema del grande patrimonio naturale e culturale del nostro Paese.

“Città che muore” è stato l’appellativo scelto dallo scrittore Bonaventura Tecchi per descrivere la cittadina di Civita di Bagnoregio.

Un altro esempio simile è Calcata, piccolo e incantevole borgo medievale nel territorio laziale.

Mete ideali per viaggiare con la macchina del tempo, fare un salto nel passato e vivere la lentezza immersi nella natura.

Città che muore: Civita di Bagnoregio

Città che muore: Civita di Bagnoregio è un suggestivo borgo in provincia di Viterbo
Città che muore: Civita di Bagnoregio è un suggestivo borgo in provincia di Viterbo

Questo piccolo borgo in provincia di Viterbo si erge su uno sperone di roccia tufacea. Soggetta a processi di erosione che l’hanno minata nel tempo, appare come una misteriosa rocca da esplorare.

Raggiungibile solo a piedi, percorrendo il ponte lungo circa 1 km che la collega a Bagnoregio, è immersa all’interno della valle dei calanchi. Sul ponte si gode di un panorama decisamente suggestivo: il visitatore si ritrova sospeso in un paesaggio naturale mozzafiato.

Città che muore: il borgo di Civita di Bagnoregio
Città che muore: uno stralcio del borgo di Civita di Bagnoregio

Anche il borgo ha una forte attrattiva turistica perché offre la sensazione di tornare indietro in un tempo rarefatto.

Ai pochi cittadini rimasti (solo 8) si aggiungono i turisti e gli avventori che possono usufruire di ristoranti, trattorie e bed & breakfast. Il suo aspetto unico e peculiare l’ha resa set privilegiato di fiction e film. Tra questi anche il famoso “Pinocchio” diretto da Sironi.

Recentemente Civita è stata candidata a diventare un sito patrimonio dell’Unesco. L’obiettivo è mobilitare risorse turistiche e rendere possibile un’economia ispirata alla tutela ambientale e alla bellezza paesaggistica.

Città che muore: Calcata

Città che muore: Calcata
Città che muore: Calcata si erge su una rupe tufacea nella valle del Treja

Poco distante, a circa 40 km da Roma, sorge un altro piccolo borgo, Calcata. Anche dall’alto di questo piccolo comune, che si affaccia sulla valle del Treja, si può ammirare un magnifico scenario verdeggiante. Arroccata sulla montagna di tufo, offre una vista mozzafiato allietata dallo scrosciare del fiume sottostante.

Passeggiando per il borgo sembra di tornare a modi di vivere ormai perduti e dimenticati, scanditi dalla semplicità e dai ritmi della natura. A rendere ancora più magica Calcata è il suo borgo medievale, abitato da artisti e amanti della lentezza e numerosi immancabili gatti. Negli anni la particolare anomalia di questo nucleo, a pochi chilometri dalla frenesia della capitale, ha attirato numerosi pittori, scultori e intellettuali interessati a ritrovare una dimensione umana del vivere.

Questi borghi condividono la precarietà legata al fenomeno delle frane, che rischiano di mettere a repentaglio il loro aspetto magico e quasi incantato.

In termini più generali, la “città che muore” può rappresentare un monito all’uomo per ricordare di conservare e tutelare le ricchezze italiane prima di eventuali emergenze naturali.

Città che muore: Civita di Bagnoregio e Calcata, borghi fantasma del Lazio ultima modifica: 2017-05-12T08:00:28+00:00 da GreenElle
Tags:
Città che muore: Civita di Bagnoregio e Calcata, borghi fantasma del Lazio ultima modifica: 2017-05-12T08:00:28+00:00 da GreenElle

Vive a Roma ma mantiene saldo il legame con il suo sud. Appassionata di scrittura sul web, si interessa a tutto ciò che ruota intorno al mondo 'verde': dall'alimentazione cruelty-free alla mobilità sostenibile, dalla cosmetica ai rimedi naturali, il tutto nell'ottica del benessere per l'uomo e l'ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Ambiente

Go to Top