library-of-things-Toronto

La Biblioteca delle Cose, dove gli oggetti non si comprano bensì si condividono

in Decrescita|Fai da te|Lifestyle|Riuso
La Biblioteca delle Cose, dove gli oggetti non si comprano bensì si condividono ultima modifica: 2017-02-17T13:30:57+00:00 da Alessandra Varotto
da

Londra, Toronto, Berlino, Utrecht, Bologna, e molte altre ancora. Sono le città che ospitano una Library of Things (letteralmente, una Biblioteca delle Cose).

Ma di che cosa stiamo parlando? Di biblioteche speciali in cui le persone possono prendere in prestito, oltre a moltissimi libri, anche un’ampia gamma di oggetti che vanno dai giochi da tavolo alle decorazioni per una festicciola domestica, dalle racchette da tennis ai seghetti, da piccoli elettrodomestici a piatti, vestiti e tende, ma anche strumenti musicali e materiali didattici. Tutto senza dover comprare oggetti di cui magari si avrà poi bisogno solo occasionalmente, investendo denaro in cose che presto finiranno a prendere polvere in cantina.

biblioteca-delle-cosePer usufruire dei servizi è sufficiente, come per qualsiasi biblioteca, sottoscrivere un abbonamento mensile o annuale a basso costo (e spesso decrescente in base al reddito). In alternativa, in alcune biblioteche come ad esempio quella di Berlino, per diventare soci basta che la prima volta si consegni un proprio oggetto da prestare.

Il concetto alla base di questa iniziativa è tanto semplice quanto geniale: perché comprare (o tenere in casa) un oggetto, ad esempio un trapano, che magari si utilizzerà solo per mezz’ora? È molto più comodo prenderne in prestito uno quelle rare volte in cui serve. Inoltre, in molti casi vi è la possibilità di affiancare il servizio di prestito a lezioni e workshop tematici sul fai da te e sulla realizzazione di oggetti o progetti, con la messa a disposizione di spazi da utilizzare per attività di bricolage. La Biblioteca delle Cose è dunque un posto dove è possibile condividere non solo oggetti, ma anche idee e capacità.

library-of-thingsIn Italia, oltre all’esperienza di Bologna, esiste Locloc, una piattaforma online che consente di affittare e mettere in affitto, risparmiando o guadagnando rispetto al prezzo di costo dell’oggetto. Con i suoi novemila iscritti e una diffusione capillare sul territorio nazionale, rappresenta un caso di renting peer-to-peer esemplare, con un ampio database di oggetti tra i quali scegliere.

Questo tipo di iniziative è molto interessante in quanto permette alle persone di risparmiare su ciò che è poco utile, favorendo al contempo l’economia circolare. Oltre a far bene alle tasche dei consumatori, costituisce infatti anche un’ottima soluzione allo spreco e all’accumulo, attraverso il riuso e il riciclo.

La cultura della condivisione aiuta infine anche sul piano personale, andando a scardinare l’idea diffusa che dobbiamo possedere per forza tutto. Utilizzando le parole del co-fondatore Ryan Dyment: «La gente dovrebbe smettere di comprare cose che non sempre sono necessarie. I prodotti condivisi sono stati progettati per essere durevoli nel tempo. L’idea di un’economia circolare è il futuro del Pianeta».

La Biblioteca delle Cose, dove gli oggetti non si comprano bensì si condividono ultima modifica: 2017-02-17T13:30:57+00:00 da Alessandra Varotto
Tags:
La Biblioteca delle Cose, dove gli oggetti non si comprano bensì si condividono ultima modifica: 2017-02-17T13:30:57+00:00 da Alessandra Varotto

Appassionata di sostenibilità, comunicazione e innovazione, ha conseguito un dottorato in Social Marketing for Sustainability presso l’Università degli Studi di Padova e la University of Exeter (UK), e un master in comunicazione digitale allo IUSVE di Venezia con una tesi sul digital storytelling della CSR nel settore food. TEDx speaker e communication manager di progetti europei LIFE, nel tempo libero ama studiare e visitare luoghi nuovi vicini e distanti, dove fare lunghe passeggiate all’aria aperta godendo della gioia e della meraviglia che la natura è in grado di suscitare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Decrescita

Go to Top