furgoncino 1

Viaggi in furgoncino: due esperienze sostenibili

in Lifestyle|Mobilità|Riuso|Viaggi
Viaggi in furgoncino: due esperienze sostenibili ultima modifica: 2017-01-16T13:30:36+00:00 da Maria Rita Corda
da

I viaggi in furgoncino sono da sempre sinonimo di libertà. Un furgoncino, della buona compagnia e una mappa cartacea sono stati, anni addietro, il simbolo dell’avventura e della scoperta del mondo. Sicuramente, ai giorni d’oggi, le mappe cartacee sono un lontano ricordo, per i lunghi viaggi preferiamo l’aereo, ma la voglia di scoprire il mondo e la buona compagnia sono sempre dei requisiti fondamentali.

Oggi, vogliamo raccontarvi due storie che hanno in comune due famiglie, gli Stati Uniti e due furgoncini simili e allo stesso tempo differenti, alimentati però, entrambi, in modo sostenibile.

Dall’Alaska al Cile con un furgoncino alimentato con olio riciclato

Fonte: upachalupa.org
Fonte: upachalupa.org

Il viaggio in furgoncino di Vic e Carolina, due graphic designer cileni, è sorprendente. La coppia viaggiò dall’Alaska al sud del Cile con un furgoncino alimentato con olio riciclato. Questo tipo di carburante inusuale fu donato ai due viaggiatori dai ristoranti e gli hotel che incontrarono nel loro percorso. Il modo alternativo con cui hanno deciso di alimentare il veicolo ha permesso alla coppia di non spendere del denaro in carburante e percorrere, così, il loro lunghissimo tragitto gratuitamente, riciclando dell’olio. Il nome del progetto è Upa Chalupa e nel loro sito è possibile vedere le foto dei bellissimi luoghi naturali visitati.

Brett, Kira, due figlie, un furgoncino Volkswagen e un pannello fotovoltaico

Brett e Kira Belan viaggiano insieme alle loro figlie in modo insolito e sostenibile: a bordo di un furgoncino della Volkswagen. Ma non quello che tutti noi conosciamo! Brett ha messo in gioco tutte le sue conoscenze e competenze e ha installato sul tetto del suo pulmino VW un enorme pannello fotovoltaico in grado di alimentare la vettura. Il pannello ha un’inclinazione di 40°, le batterie posizionate sotto i sedili sono in grado di garantire al furgoncino un’autonomia di 80 chilometri.

Fonte: http://www.solarelectricvwbus.com
Fonte: www.solarelectricvwbus.com

Per ricaricare completamente le batterie è necessaria una giornata intera di esposizione solare, oppure due ore e mezza di corrente elettrica. Il nome del progetto è Solar Electric VW Bus. Nel sito realizzato dai Belan sono presenti tutte le informazioni tecniche e le foto dei meravigliosi posti visitati dalla famiglia nei loro viaggi sostenibili.

I due progetti sono sicuramente inusuali, ci mostrano due modi diversi di viaggiare: uno incentrato sul riciclo, l’altro su un tipo di mobilità elettrica a zero emissioni. In sintesi, con un po’ di ingegno e tanta pazienza si possono fare delle scelte differenti rispetto a quelle a cui siamo abituati da sempre.

Di recente, al salone di Detroit, la Volkswagen ha presentato il suo nuovo furgoncino rimodernato. ID Buzz, questo è il nome scelto dalla casa tedesca per il veicolo, è diventato elettrico ed è dotato anche di guida autonoma.

Pare che l’era della mobilità elettrica e smart sia sempre più vicina, speriamo sia anche accessibile.

Viaggi in furgoncino: due esperienze sostenibili ultima modifica: 2017-01-16T13:30:36+00:00 da Maria Rita Corda
Tags:
Viaggi in furgoncino: due esperienze sostenibili ultima modifica: 2017-01-16T13:30:36+00:00 da Maria Rita Corda

Nata a Genova, vive in Sardegna ma con lo sguardo rivolto verso il mondo. È una comunicatrice specializzata in marketing delle energie rinnovabili. Da qualche anno racconta con entusiasmo i progetti, le novità e le best practice sostenibili italiane e internazionali. Ama la natura, pratica yoga e crede in un futuro a basso impatto ambientale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Lifestyle

Go to Top