L'ambiente è di casa

simboli-riciclo

Simboli di riciclabilità: un valido aiuto per una corretta raccolta differenziata

in Ambiente|Educazione|Rifiuti
Simboli di riciclabilità: un valido aiuto per una corretta raccolta differenziata ultima modifica: 2017-01-09T08:00:35+00:00 da Alessandra Varotto
da

E questo dove lo butto? Ecco una delle domande più frequenti che tutti ci troviamo a ripetere quando dobbiamo eliminare gli incarti e gli imballaggi dei prodotti che acquistiamo e utilizziamo.

Nonostante le etichette presenti su imballi e confezioni forniscano sempre più spesso anche istruzioni su come sia possibile riciclarli correttamente, la grande varietà di sigle e simboli utilizzati talvolta rende complicata l’interpretazione delle indicazioni di riciclabilità riportate sugli imballi da parte dei consumatori, generando incertezza e confusione.

Se sugli imballaggi di vetro e alluminio generalmente non ci sono tanti dubbi, molte perplessità sorgono invece relativamente agli imballaggi di plastica e di carta, nonché di multimateriale. Quanti di voi, ad esempio, saprebbero collegare la sigla C/PAP84 al Tetrapak, riciclabile nella carta ormai in molti comuni italiani?

simboli-riciclo-etichette

Allo scopo di mappare le conoscenze degli Italiani in materia di etichette di riciclabilità e di fornire un aiuto concreto ai cittadini nella loro corretta interpretazione, la nostra redazione ha deciso di aderire alla SERR 2016, svoltasi a fine novembre 2016, elaborando un quiz sull’argomento.

Le numerose risposte pervenute hanno evidenziato una situazione con più ombre che luci. Quasi il 60% dei rispondenti, infatti, ha riconosciuto meno della metà dei simboli proposti, e un rispondente su 10 ne ha riconosciuti soltanto due (o di meno) su un totale di otto. Solo il 3% dei rispondenti, al contrario ha riconosciuto correttamente tutti i simboli proposti. Se alcuni di questi (come ad esempio il “tidy man” o il “ciclo di Mobius”) sembrano essere abbastanza noti, il significato di altri sembra invece rimanere sconosciuto ai più. Ecco allora che un ripassino sembra d’obbligo: vediamo assieme il significato dei simboli maggiormente utilizzati.

simboli-riciclo-tidy-manQuesto simbolo, chiamato “Tidy Man” non fornisce indicazioni circa la riciclabilità del prodotto o della confezione, ma rappresenta un invito generico a non disperderlo nell’ambiente dopo l’uso. Ci ricorda che i rifiuti non vanno abbandonati nell’ambiente ma riposti negli appositi bidoni. Il simbolo può essere accompagnato o sostituito dalla dicitura “Non disperdere nell’ambiente”.

simboli-riciclo-ciclo-di-mobiusQuesto simbolo è chiamato “Ciclo di Mobius” e indica che il prodotto o la confezione è riciclabile. E’ utilizzato principalmente su carta e cartone.

simboli-riciclo-ciclo-di-mobius-percentualeIl “Ciclo di Mobius” che riporta una percentuale (al centro del simbolo o a lato) non fornisce indicazioni circa la riciclabilità del prodotto o della confezione, ma indica che lo stesso è fatto di materiale riciclato. La percentuale indica la quantità di materiale riciclato rispetto alla massa complessiva del prodotto.

simboli-riciclo-chasing-arrows-petQuesto simbolo, chiamato “Chasing Arrows” (o frecce che si inseguono) e riportante una serie di sigle e numeri, non fornisce indicazioni circa la riciclabilità del prodotto o della confezione, ma è un’indicazione del materiale utilizzato per produrlo: in questo caso il PET (o Polietilentereftalato), ovvero il polimero plastico utilizzato per produrre le bottiglie. In alternativa, le sigle PET o similari (PE, PVC, PS, etc.) possono essere riportate sui prodotti e sulle confezioni di origine plastica all’interno di un cerchio o un esagono. Questo tipo di simbolo può essere utile ai consumatori nel separare i materiali al momento della raccolta differenziata, ma di per sé non è un’indicazione che il prodotto sia riciclabile (ricorda che non tutte le tipologie di plastica sono riciclabili!).

simboli-riciclo-raeeQuesto simbolo significa che il prodotto non deve essere gettato fra i rifiuti normali perché contiene sostanze potenzialmente pericolose, e deve essere quindi conferito presso il locale ecocentro per poter essere recuperato o smaltito a norma di legge. Il simbolo è solitamente utilizzato per i RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche).

simboli-riciclo-punto-verdeQuesto simbolo, chiamato “Green Dot” (o punto verde) non ha particolare significato in Italia, perché si riferisce a un sistema di gestione dei rifiuti da imballaggio di altri paesi europei, come ad esempio la Germania. I produttori mettono questo simbolo sulle confezioni dei prodotti che circolano nel mercato europeo e per i quali è stata pagata una speciale tassa all’associazione che gestisce gli imballaggi a fine vita in altri paesi europei. In Italia, il recupero degli imballaggi a fine vita si basa sull’adesione al Conai da parte di produttori e utilizzatori di imballaggi e non prevede l’uso obbligatorio di alcun simbolo sulle confezioni.

simboli-riciclo-compostabileQuesto simbolo indica che il prodotto è biodegradabile e può essere avviato a compostaggio.

simboli-riciclo-cartaQuesto simbolo fa riferimento ad un nuovo sistema di etichettatura volontaria proposto dal Conai, che mira a rendere più facile la raccolta differenziata per il consumatore finale indicando il materiale di cui è composto il prodotto (in questo caso poliaccoppiato, indicato dalla sigla C/PAP84), il tipo di prodotto (incarto), e il bidone dove il prodotto stesso va conferito dopo l’utilizzo (raccolta carta). Questo tipo di etichettatura di riciclabilità sta iniziando ad essere adottata da numerosi produttori, ed è ormai ampiamente diffusa sulle confezioni: controlla sempre prima di buttare i tuoi prodotti!

I suggerimenti forniti dai simboli di riciclabilità possono rendere la raccolta differenziata più facile, quindi impariamo a familiarizzare con loro e consultiamoli più spesso! Una recente ricerca ha messo in luce che, anche quando le indicazioni di riciclabilità sono presenti, solo l’8% dei consumatori le consulta nel momento in cui deve smaltire un imballaggio. Infine, è bene ricordare che è importante verificare sempre le indicazioni sulla raccolta differenziata fornite dal proprio Comune: il fatto che un certo materiale vada conferito in alcuni comuni in un bidone e in altri in un bidone differente dipende infatti dal sistema di riciclo adottato localmente.

Raccontateci le difficoltà che incontrate nel fare la raccolta  differenziata e saremo felici di potervi aiutare. Buona raccolta differenziata a tutti!

Simboli di riciclabilità: un valido aiuto per una corretta raccolta differenziata ultima modifica: 2017-01-09T08:00:35+00:00 da Alessandra Varotto
Tags:
Simboli di riciclabilità: un valido aiuto per una corretta raccolta differenziata ultima modifica: 2017-01-09T08:00:35+00:00 da Alessandra Varotto

Classe 1985, si è laureata in psicologia sociale e della comunicazione presso l’Università di Padova, dove attualmente sta svolgendo un dottorato di ricerca volto allo studio e alla promozione di pratiche sostenibili quotidiane fra i cittadini. Nel tempo libero ama visitare luoghi nuovi vicini e distanti, dove fare lunghe passeggiate all’aria aperta godendo della gioia e della meraviglia che la natura è in grado di suscitare. Le piace mangiare bene (possibilmente bio e a km zero) in buona compagnia. Adora leggere ed elogia la lentezza come stile di vita più sano e sostenibile.

2 Commenti

  1. Non si riesce a capire perche’ non ci si limiti a mettere il singolo simbolo e a fianco se si deve mettere nella carta, nella plastica/lattine (come avviene di solito)nel vetro o nell’indistinto non riciclabile. Io tento da sempre di fare differenziata ma vi garantisco che ad oggi ho seri problemi ad individuare tutte le cose inutili che non interessano alcun consumatore attento poste sul retro delle confezioni (quando ci sono ).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Ambiente

Go to Top