cicogne

Bracconaggio: è allarme. In Italia uccisi illegalmente 8 milioni di uccelli all’anno

in Ambiente|Animali|News
Bracconaggio: è allarme. In Italia uccisi illegalmente 8 milioni di uccelli all’anno ultima modifica: 2016-10-06T08:00:59+00:00 da Evelyn Baleani
da

Otto milioni: questa è la cifra impressionante di uccelli che ogni anno, nel nostro Paese, sono vittima di bracconaggio, un fenomeno che si sta diffondendo con crescente rapidità. A denunciarlo è il Dossier “FurtodiNatura: storie di bracconaggio Made in Italy“, presentato di recente dal WWF.

Bracconaggio in Italia
Bracconaggio su piccoli uccelli
© WWF Lombardia

A rendere l’Italia così esposta all’uccisione, alla cattura e al commercio illegale di uccelli selvatici è la sua particolare posizione geografica, che la vede crocevia naturale per importanti rotte migratorie, tra Europa e Africa. Aquile, falchi, civette, cicogne, gufi e il rarissimo ibis eremita sono solo alcune delle specie protagoniste nei traffici illeciti dei bracconieri. Ma oltre agli uccelli, vittime di questa pratica criminale sono anche pesci, rettili e numerosi mammiferi marini e terrestri.

Come evidenziato nel Dossier, le forme più diffuse di bracconaggio sono quelle maggiormente radicate nel territorio, che spesso vengono “tollerate o protette da un diffuso atteggiamento di compiacenza e omertà“. Gli esempi più noti includono:

  • L’uccisione di piccoli uccelli per la preparazione di ricette locali nelle valli bresciane, in Veneto e in Sardegna;
  • La cattura di uccelli canori con gli archetti nelle valli alpine;
  • L’uccisione a fine ricreativo e tradizionale di rapaci in migrazione sullo Stretto di Messina;
  • La cattura di passeriformi destinati essere utilizzati a fini amatoriali o come richiami vivi;
  • L’abbattimento a scopo ricreativo di uccelli acquatici nelle zone umide del Casertano durante i mesi primaverili;
  • L’uccisione di istrici nella Maremma toscana e laziale per la preparazione di pietanze;
  • L’abbattimento di lupi e orsi con veleno, armi da fuoco e trappole, per ritorsione verso ipotizzati danni, lungo tutto l’arco appenninico e sulle Alpi;
  • L’uccisione di lepri a fine culinario, con appostamenti notturni e uso di abbaglianti;
  • La mattanza di altri piccoli mammiferi, come i ghiri in Aspromonte, a scopi alimentari;
  • L’abbattimento illegale, notturno, fuori dal periodo venatorio e in aree protette, di ungulati in gran parte d’Italia.

A essere colpite, quindi, sono indistintamente specie protette e non, così come del resto il fenomeno riguarda l’intero Paese, senza alcuna eccezione. Non manca inoltre un legame con la criminalità organizzata. I bracconieri spesso contattano la malavita per l’acquisto di armi modificate o con matricole cancellate. Nell’area del casertano, i bunker interrati per gli appostamenti degli animali sono stati per diversi anni affittati dai criminali e non va dimenticato il mercato nero della fauna selvatica, che in località come Ballarò a Palermo e Sant’Erasmo a Napoli fruttano 250.000 Euro di “fatturato” all’anno.

Dossier WWF Bracconaggio
© WWF

Il quadro dipinto dal Dossier WWF non è affatto rassicurante, insomma, e fa al contrario intuire che il bracconaggio sia una realtà radicata e non destinata a ridursi. Come sottolineato dall’associazione ambientalista, l’esperienza passata ha dimostrato come l’azione delle Guardie volontarie ambientali, combinata a un presidio continuo sul territorio da parte delle Forze dell’Ordine e delle ONG, “permetta di contenere in modo sensibile il fenomeno” e come, in assenza di controlli costanti, risulti “assai probabile una recrudescenza delle uccisioni illegali“.

gufo

Malgrado esistano a tutti i livelli importanti leggi finalizzate a tutelare la fauna, a ridurne la mortalità innaturale e a contrastare il bracconaggio, il sistema di controlli ambientali nel nostro Paese presenta ancora troppe lacune, tra cui un meccanismo sanzionatorio inadeguato, tempi di prescrizione dei reati troppo brevi, metodi investigativi obsoleti e una burocrazia inefficiente. Ad aggravare la già delicata situazione, secondo il WWF, è sopraggiunta la riorganizzazione del Corpo Forestale dello Stato, l’unica forza di Polizia specificamente formata nella prevenzione e repressione dei reati ambientali.

La speranza per l’associazione e per tutti noi difensori dell’ambiente è che il complesso riassestamento che interesserà il Corpo Forestale non lasci ulteriore campo libero ai bracconieri e agli ecocriminali in generale. La salvaguardia della natura non può aspettare.

Bracconaggio: è allarme. In Italia uccisi illegalmente 8 milioni di uccelli all’anno ultima modifica: 2016-10-06T08:00:59+00:00 da Evelyn Baleani
Tags:
Bracconaggio: è allarme. In Italia uccisi illegalmente 8 milioni di uccelli all’anno ultima modifica: 2016-10-06T08:00:59+00:00 da Evelyn Baleani

Web Content Editor freelance e Giornalista pubblicista. Si occupa di contenuti per i media (TV e Web) dal 2000. Dopo aver lavorato per alcuni anni in redazioni di società di produzione televisiva e Web Agency, ha deciso di spiccare il volo con un’attività tutta sua. Le sue più grandi passioni oltre l'ambiente? Il Web, la scrittura e la Spagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Ambiente

Go to Top