amare-i-libri

Amate i libri? Abban-Donateli!

in Decrescita|Libri|Riuso
Amate i libri? Abban-Donateli! ultima modifica: 2016-08-12T08:30:02+00:00 da Daniela Zora
da

Potrà sembrare un controsenso, ma se amate i libri non potrete fare a meno di aderire a questa iniziativa bella e nuova! Sembra che su Facebook, e soprattutto nella realtà di tutti i giorni, stia dilagando un’epidemia contagiosissima di cultura!

Ecco cosa fare se siete amanti dei libri pronti a diffondere la cultura e l’amore per la lettura!

Allegoria: ignoranza bloccata dalla cultura - Fonte: Mondadori Store
Allegoria: ignoranza bloccata dalla cultura – Fonte: Mondadori Store

“C’è un libro abbandonato” è un gruppo nato i primi di maggio e che in solo pochi mesi ha quasi raggiunto i 33.000 membri. Come un virus benefico, ha contagiato tutti gli amanti dei libri in tutta Italia, e non solo. Non si fanno differenze e discriminazioni: ogni libro, che ci sia piaciuto o meno, avrà la possibilità di vivere una nuova vita, un’altra possibilità di essere apprezzato e, volendo, esser riabbandonato successivamente. Nessuna dimenticanza, dunque, il tutto avviene intenzionalmente e in una precisa ottica ecologista e di riuso, in maniera totalmente gratuita.

Ma come funziona?

libro altalena

Tutto è partito dal cuore di Chiara, giovane torinese, e Vezio, scrittore novantenne di Milano, che tra i tanti gruppi di Facebook, hanno pensato a qualcosa di nuovo e davvero coinvolgente! Se amate i libri, ma avete una casa troppo piccola per tenerli tutti, se desiderate far diffondere e far conoscere a più persone possibile i vostri libri preferiti o semplicemente se un libro non vi è personalmente piaciuto, ma volete concedergli altre opportunità, questo è il gruppo che fa per voi. In questo spazio social ogni giorno vengono postate foto e dedica dei libri che si sceglie di abban-donare, insieme al luogo in cui il donatore ha ritenuto più opportuno lasciarlo.

Che sia la panchina di un parco, alla stazione ferroviaria o ad una fermata del bus, dentro un negozio, dal veterinario e via discorrendo, non importa… Lasciando all’interno del libro un breve messaggio, gentilmente viene chiesto di segnalare anche il suo ritrovamento, cosicché l’abban-donatore possa conoscere il viaggio del libro liberato. Attivissimo finora il comune di Vinovo (TO), con decine di abban-doni giornalieri, complici moltissimi volontari delle biblioteche, ma anche numerosi cittadini, tutti con un unico scopo: diffondere la cultura e l’amore per la lettura!

Ex cabina telefonica diventa libreria a Ormea (CN) - Foto: libero.it
Ex cabina telefonica diventa libreria a Ormea (CN) – Foto: libero.it

Come viene riportato nella descrizione del gruppo stesso:

Un piccolo grande gesto che arricchirà sia chi ritroverà il nostro libro, ma soprattutto arricchirà noi stessi (la gioia del condividere e del donare è oltremodo soddisfacente e gratificante). Abban-DONARE un libro è un DONO che facciamo a qualcun altro, anche se non lo conosciamo.

Sono diverse le trovate che ultimamente si susseguono nell’intento di invogliare alla lettura: ex cabine telefoniche trasformate in librerie per passanti, tronchi d’albero nei viali cittadini adibiti con piccoli scaffali, librerie dedicate allo scambio che spuntano in spiaggia, ma anche nelle sale d’attesa di ambulatori medici oltre che nei caffè letterari.

Certo, questa ultima novità, ci suggerisce un nuovo modo, più social e più romantico, di fare book-crossing e, perché no, anche amicizia!

Non resta che tuffarsi anima e libri in questa nuova avventura e tenere gli occhi ben aperti: un libro potrebbe esser lì fuori da qualche parte ad aspettare di essere ritrovato proprio da uno di voi!

Amate i libri? Abban-Donateli! ultima modifica: 2016-08-12T08:30:02+00:00 da Daniela Zora
Tags:
Amate i libri? Abban-Donateli! ultima modifica: 2016-08-12T08:30:02+00:00 da Daniela Zora

Sensibile e curiosa per natura, animalista e attratta dalle tematiche ecologiche fin dall'infanzia. A 16 anni diventa vegetariana. Si definisce "un'appassionata" perchè mette tutta se stessa nelle cose di cui si occupa e non riesce a restare indifferente a nulla. Laureata in Scienze dell'Educazione, sempre attenta ai più piccoli e al più delicato degli esseri viventi, adora la natura, ama leggere libri in mezzo al verde e ha la valigia sempre pronta per qualche viaggio (anche immaginario). La scrittura è il suo rifugio, tratta e dialoga con le parole come fossero amiche. Con questa collaborazione raggiunge uno dei suoi piccoli grandi sogni: scrivere per un giornale!

3 Commenti

  1. PER DIRE IL VERO SONO CIRCA TRENTACINQUE ANNI CHE IO HO SCELTO DI LANCIARE UN MIO NUOVO LIBRO ROMANZO O SAGGIO CHE SIA, APPOGGIANDOLO AL TELEFONO DI UNA QUALSIASI CABINA TELEFONICA PUBBLICA.LO FACCIO E POI MI SIAEDO SULLA PANCHINA E ASPETTO CHE ARRIVI QUALCUNO CHE HA BISOGNO DI TELEFONARE. E’ FANTASTICO IL FATTO CHE DA SEMPRE CHIUNQUE ARRIVI VEDE IL LIBRO, GUARDA INTORNO A SE CON FARE GUARDINGO POI SI AVVICINA E METTE RAPIDAMENTE IL LIBRO IN TASCA O SOTTO UN MAGLIONE.. POI SI APPRESTA A FARE LA SUA TELEFONATA MA CI RIPENSA, FORSE TEME CHE RITORNI CHI HA DIMENTICATO IL LIBRO E ECCO INFATTI CHE TUTTI SE NE VANNO A TELEFONARE DA UN’ALTRA PARTE, PROTEGGENDO IL LIBRO-PREDA.

    ECCO TUTTO, E UNA VOLTA AL MESE ABBANDONO UNO QUALSIASI DEI MIEI ROMANZI.DETTO QUESTO COMPLIMENTI A CHIARA GIOVINETTA E VEZIO NOVANTENNE PER LA LORO BELLA INIZIATIVA.

  2. Ciao, sono il tuo prof. Ho ricevuto la comunicazione ed ho subito risposto all’invito: è stata una bella sorpresa. Noi insegnanti spesso ci rivediamo nei nostri alunni ed io, avendo raggiunto l’età dei capelli bianchi, mi sono commosso. Brava! Sono sicuro che continuerai a far bene tutto quel che intraprenderai: come sai c’è qualcuno che mi aggiorna sulla tua gentilezza e sui tuoi sorrisi contagiosi. Un abbraccio e complimenti per la scrittura (parola di prof!).

    • Buongiorno Prof!
      Che magnifica sorpresa la sua risposta! Sono molto onorata del suo pensiero e la ringrazio per le sue parole. Felice di far fruttare i semi piantati da mani sapienti: una passione scoperta proprio con lei in prima media!
      Con profonda stima,
      Daniela

Rispondi a Giovanni Annulla risposta

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Decrescita

Go to Top